Cammino francese

33 Tappe | 768 km

Il percorso del Cammino di Santiago per eccellenza

Questo è l’itinerario più riconosciuto a livello internazionale con la migliore tradizione storica, dove convergono la maggior parte delle vie di pellegrinaggio medievali.

Un grande fenomeno sociale, culturale e religioso che ha accolto durante i secoli grandi re, principesse, nobili, templari, cavalieri, poveri e devoti di tutta la cristianità per inginocchiarsi davanti alla tomba di San Giacomo Apostolo.

I nostri viaggi al Cammino Francese di Santiago

Informazioni del Cammino Francese

Perché scegliere la via francese?

Il Cammino Francese è il percorso del Cammino di Santiago per eccellenza. Questo è l’itinerario più riconosciuto a livello internazionale e con la più lunga tradizione storica, dove convergono la maggior parte delle vie di pellegrinaggio medievali. Una strada che si caratterizza non solo per i suoi contrasti e la varietà dei paesaggi, ma anche per la sua impressionante ricchezza di monumenti. Un grande fenomeno sociale, culturale e religioso che ha accolto durante i secoli grandi re, principesse, nobili, templari, cavalieri, poveri e devoti di tutta la cristianità per inginocchiarsi davanti alla tomba di San Giacomo Apostolo.

Se decidi di fare il percorso francese, potrai godere delle verdi montagne della Navarra, dei vigneti di La Rioja, degli immensi oceani di campi di cereali della steppa castigliana e della verde valle di El Bierzo per finire a immergerti nella Galizia più autentica e rurale fino ad arrivare a Santiago de Compostela. Un percorso che vi darà anche la possibilità di visitare monumenti impressionanti, castelli, ponti, così come importanti città giacobine che sono state segnate per sempre con i segni del pellegrino.

Cosa vedere e fare sul Cammino Francese di Santiago?

  • Chiesa Reale Collegiata di Roncisvalle
  • Ponte romanico di Puente La Reina
  • Monastero di Santa María la Real a Nájera
  • Cattedrale di Burgos
  • Chiesa di San Martín de Frómista
  • Cattedrale di León
  • Palazzo vescovile di Astorga
  • Castello templare di Ponferrada
  • Gruppo etnografico di O Cebreiro
  • Monastero benedettino di Samos
  • Rovine dell’antico villaggio di Portomarín
  • Cattedrale di Santiago de Compostela

Da dove iniziare il Cammino Francese?

Da Saint Jean Pied de Port o Roncisvalle

Oggi il punto di partenza del Cammino Francese può essere considerato sia Saint Jean Pied de Port che Roncisvalle, quindi entrambe le opzioni sono perfette se si vuole fare questo percorso completo.

Saint Jean Pied de Port, situato al confine con la Francia, è il secondo punto di partenza più popolare per i pellegrini. Vale la pena di aggiungere un giorno in più al tuo viaggio per godere dello spettacolare scenario dei Pirenei e attraversare la frontiera sulle orme di Napoleone Bonaparte in persona. La difficoltà principale di questa prima tappa sono le pendenze, accumuleremo non meno di 1.258 metri di pendenza positiva e 485 metri di pendenza negativa, quindi è necessario avere una buona condizione fisica o prendere la variante di Valcarlos.

In territorio spagnolo, a 24 chilometri da Saint Jean Pied de Port, troviamo il piccolo villaggio di Roncisvalle (Orreaga). È uno dei grandi punti di riferimento del Camino de Santiago e il punto di partenza più utilizzato dai pellegrini che fanno questo Cammino Francese di Santiago nella sua totalità. Una città magica dove il tempo sembra essersi fermato, che conserva intatto lo spirito pellegrino e un profondo magnetismo.

Da Logroño

Da Logroño a Santiago de Compostela si percorre una distanza di poco più di 600 chilometri, per i quali sono necessari circa 27 giorni. Le tappe dell’itinerario francese dalla capitale La Rioja sono caratterizzate da pianure circondate da campi di coltivazioni e da famosi vigneti. Con un notevole cambiamento orografico nei Montes de Oca, già nelle vicinanze di Burgos.

Da Burgos

Da Burgos si va in pellegrinaggio per 22 giorni, per un totale di 488 chilometri fino a Santiago de Compostela. Questo è uno dei tratti più autentici, che conserva ancora l’essenza più pura del percorso giacobino. Un percorso di riflessione che invita a perdersi nelle vaste pianure di campi di cereali e nei paesaggi solitari della steppa castigliana.

Da León

León è la città perfetta per iniziare il Cammino Francese se hai 15 giorni, nei quali percorrerai 308 chilometri. Un viaggio affascinante attraverso splendidi paesaggi come i Montes de León e la verde valle di El Bierzo. Ad ogni passo scoprirete piccoli villaggi medievali, castelli templari, imponenti monumenti e cattedrali, fino ad arrivare nella Galizia rurale più autentica.

Da O Cebreiro

Il piccolo e unico villaggio di O Cebreiro, al confine tra Galizia e Castiglia e León, è uno dei luoghi preferiti dai pellegrini per iniziare il Cammino Francese. Da qui si può percorrere tutto il tratto galiziano di questo itinerario giacobino in soli 9 giorni, per un totale di 150 chilometri fino alla cattedrale di Santiago.

Le tappe si caratterizzano per i loro sentieri ombreggiati, che attraversano boschi secolari, piccoli villaggi e pascoli verdi che mostrano l’idiosincrasia e la cultura unica degli abitanti di questa comunità autonoma.

Da Sarria

La città di Sarria è il luogo più frequentato dai pellegrini che desiderano fare l’ultimo tratto del Cammino Francese. Da questo punto si percorrono gli ultimi 100 chilometri del Cammino Francese, la distanza minima per ottenere la Compostela. Avrete bisogno di una sola settimana per completarlo.

Sarria è amata e odiata in parti uguali, ed è da qui che il numero di pellegrini aumenta notevolmente nei mesi estivi. Troverete tutti i tipi di servizi, alloggi, lavanderie, bar, ristoranti, così come negozi e negozi di souvenir. In breve, l’atmosfera che troverete in queste tappe è molto più vivace che in qualsiasi altra parte del Cammino Francese.

Il percorso perfetto per coloro che fanno il Camino de Santiago per la prima volta. È ideale per incontrare persone e godere dei bei paesaggi della campagna galiziana.

Progetta il tuo percorso
Il Cammino di Santiago fatto su misura per te
Disegna il tuo percorso
Fare il Camino in bicicletta
Tutto quello che c'è da sapere
Più informazioni

Tappe del Cammino Francese di Santiago

Storia dell'itinerario francese

Ripercorriamo brevemente le origini del Camino de Santiago. Ci troviamo negli anni 41 e 44 dopo Cristo. Dopo la morte di San Giacomo Apostolo, i suoi resti furono portati in barca da Gerusalemme a Iria Flavia, in Galizia. Molto più tardi, nell’anno 812, fu fatta una scoperta molto importante, la tomba dell’Apostolo.

La notizia si diffuse a macchia d’olio in tutta Europa, i resti dell’Apostolo riposavano in un luogo chiamato “Campo di stelle”, noto come Compostela. Un evento che divenne un simbolo del cristianesimo di fronte all’occupazione musulmana dell’epoca.
Durante l’XI secolo, l’afflusso di pellegrini si intensificò e i re iniziarono un importante lavoro organizzativo per facilitare il transito e la sicurezza dei pellegrini.

Nel 1135 appare nel Codex Calixtinus, un’autentica guida medievale del pellegrinaggio a Santiago. Descrive il Cammino Francese attraverso 16 tappe, dai Pirenei a Santiago de Compostela e informa i camminatori dei servizi che troveranno lungo il percorso: fontane, cibo, santuari, ospedali, usanze locali.

Tempo di decadenza

Negli ultimi secoli del Medioevo, i pellegrinaggi a Santiago de Compostela conobbero un grande declino. Le guerre europee, la peste nera e lo scisma nel mondo cristiano nel 1378 fecero diminuire notevolmente il numero dei camminatori.
A partire dal XVI secolo, il numero di pellegrini continuò a diminuire fino a scomparire praticamente dopo lo smantellamento di Mendizábal, che portò all’estinzione dell’ospitalità che era stata praticata fino ad allora.

Risorgimento

A partire dalla metà del XX secolo, cominciarono a sorgere diverse iniziative volte a recuperare la Via dall’oblio. Grazie a un nuovo interesse delle amministrazioni, alle visite del Papa a Santiago negli anni ’80, alla nascita di molteplici associazioni e confraternite e alla dichiarazione di Patrimonio Mondiale nel 1987, il Cammino di Santiago è uscito dalla decadenza per diventare il pellegrinaggio più importante del mondo occidentale.
Non possiamo dimenticare la figura di uno dei grandi promotori della rinascita dei pellegrinaggi moderni sul cammino francese, il parroco di O Cebreiro, Elías Valiña.

Alla fine degli anni ’70, Elías iniziò a marcare il Cammino Francese di Santiago con frecce gialle, l’attuale simbolo del percorso giacobeo. Un aneddoto sul parroco dei Pirenei è diventato molto famoso. Dopo che la Guardia Civil lo ha fermato con un barattolo di vernice gialla in mano mentre disegnava le frecce di attacco, gli hanno chiesto cosa stesse facendo. La sua risposta fu “Preparare una grande invasione dalla Francia”, con la quale divenne un visionario.

Altri percorsi del Camino de Santiago