Informazione

In questa tappa potremo vedere che il paesaggio sta cambiando poco a poco per la prima volta da quando abbiamo iniziato il Cammino Francese. Tra Puente la Reina ed Estella i boschi di faggi e querce vengono gradualmente sostituiti da oliveti e vigneti. Un paesaggio alterato dall’autostrada A-12, la cui costruzione ha ignorato il percorso di questa via di pellegrinaggio. Tuttavia, la strada corre su piste sterrate la cui unica difficoltà è la breve ma intensa salita verso Mareñu. D’altra parte, Estella, la fine di questa tappa, ci accoglierà tra bellissimi campi di papaveri.

Carta geografica

Iniziamo la tappa da Puente la Reina a Estella, attraversiamo il fiume Arga e saliamo al villaggio di Mañeru, dove in passato si sono combattute molte battaglie delle guerre carliste. Possiamo cogliere l’occasione per visitare la chiesa di San Pedro. Continuiamo per diversi chilometri, accompagnati da vigneti e oliveti, in una tranquilla e piacevole passeggiata fino al villaggio di Cirauqui, caratterizzato dal suo muro, che dobbiamo attraversare.

Lasciamo Cirauqui seguendo una vecchia strada romana, attraversiamo il ponte romano e seguiamo le indicazioni e attraversiamo l’autostrada fino a raggiungere il Canal de Alloz, vicino al fiume Salado.

Si narra che questo fiume portasse la morte, poiché si diceva che la sua acqua fosse avvelenata, e che la gente del posto spingeva i pellegrini a bere da esso, rubando così i loro averi.

Attraversiamo di nuovo la superstrada con un sottopassaggio, e poi saliamo fino a Lorca, una città strettamente legata al Camino dal XIII secolo, dove troveremo la chiesa di San Salvador. Alla periferia di Lorca la strada coincide con un sentiero che porta alla croce di Maurien, che domina il paesaggio dall’alto. Tra sentieri rurali, campi e colline arriviamo a Villatuerta.

Lasciamo Villatuerta nell’ultimo tratto della tappa che percorre la pianura fino all’eremo di San Miguel, dove molti pellegrini lasciano i loro desideri e pensieri. Scendiamo verso un’area di picnic, dove un cairn di pietra coronato da una vergine ci ricorda un pellegrino canadese deceduto. Attraversiamo la strada attraverso un tunnel e raggiungiamo un ponte sul fiume Ega. Entriamo a Estella attraverso la via Curtidores e finiamo la giornata godendo del fascino di questa bella città giacobina conosciuta come la “Toledo del nord”.

Considerare

La tappa non presenta grandi difficoltà, ad eccezione di una breve salita in cui saliamo 135 metri in circa 1 km. Inoltre, lungo il percorso troverete un gran numero di bar e ristoranti dove potrete bere qualcosa e rinfrescarvi.

Luoghi di interesse

  • Chiesa di San Pedro – Mañeru
  • Chiesa di San Román – Cirauqui
  • Chiesa dell’Assunzione di Villatuerta
  • Chiesa di San Pedro de la Rúa – Estella
  • Palazzo dei Re di Navarra – Estella
  • Chiesa del Santo Sepolcro – Estella
  • Muro urbano – Estella

Piatti tipici

  • Rocce del Puy
  • Formaggi Idiazabal D.O.
  • Piatti come la trota alla navarrese
  • Fagioli rossi con pancetta o coda di bue
  • Peperoni Piquillo

Fotografie

Ostelli

Ostello dei Padri Riparatori

Direzione: Plaza Padre Guillermo Zicke, s/n 31100 Puente la Reina – Navarra.

Telefono: (+34) 663 615 795

Email: [email protected]

Web: Non disponibile

Ostello dei pellegrini a Estella

Direzione: C/ La Rúa, 50 31200 Estella – Navarra.

Telefono: (+34) 948 550 200

Email: [email protected]

Web: Non disponibile

Città

Estella

Municipio: Estella

Provincia: Navarra

Habitantes: 13.991

Puente de la Reina

Municipio: Puente la Reina

Provincia: Navarra

Habitantes: 2.889