Cammino portoghese

27 Tappe | 620km

Il Cammino Portoghese di Santiago è il secondo percorso più frequentato del Cammino di Santiago.

Da Lisbona, disegna una linea da sud a nord che passa per importanti città e paesi portoghesi, come Santarém, Coímbra, Oporto, Barcelos, Ponte de Lima e Valença do Miño, fino ad attraversare il ponte internazionale sul fiume Miño ed entrare in Galizia attraverso la città di Tui. Già in terra galiziana, il percorso attraversa tutta la provincia di Pontevedra fino a raggiungere la città dell’Apostolo.

I nostri viaggi del Cammino Portoghese di Santiago

Informazioni sul Cammino Portoghese

Perché scegliere la via portoghese?

Questo è uno degli itinerari più storici e più battuti. Un itinerario perfetto per qualsiasi pellegrino, poiché ha uno dei percorsi più scorrevoli di tutte le vie giacobine.

Un Camino progettato per godere, conoscere le diverse culture portoghesi e galiziane, e immergersi in emozionanti paesaggi naturali e rurali. Potrai ammirare le antiche foreste e gli incroci millenari, seguendo le orme di altri pellegrini che, come te, hanno percorso questa strada fin dal Medioevo.

Cosa vedere sul Cammino Portoghese?

Da dove iniziare il Cammino Portoghese?

Il Cammino Portoghese ha il suo punto di partenza nella capitale portoghese. Da qui a Santiago de Compostela ci sono circa 600 chilometri. Se volete fare tutto il percorso, avrete bisogno di almeno un mese per completare le 27 tappe.

Sarà senza dubbio un’avventura spettacolare in cui ti immergerai nella cultura e nella storia del Portogallo fino a raggiungere la terra della Galizia, due terre sorelle che condividono molte somiglianze.

Porto è la città per eccellenza per iniziare il cammino portoghese. Da questo punto, la presenza del Camino diventa più evidente, poiché troviamo una migliore segnaletica e una varietà di servizi offerti ai pellegrini.

Da Porto a Santiago de Compostela ti aspettano 240 chilometri, che puoi percorrere comodamente in 12 tappe.

Se hai poco tempo per fare il Cammino Portoghese, Tui è il posto perfetto per iniziare. Da questo punto si devono percorrere solo 120 chilometri fino a Santiago de Compostela, perfetto per una vacanza di una settimana. Il tratto galiziano di questo itinerario ha tutto quello che serve per vivere un’esperienza straordinaria: la migliore gastronomia degli estuari, vini a denominazione d’origine, bei paesaggi di vigneti e campi e una ricchezza di storia e monumenti.

Progetta il tuo percorso
Il Cammino di Santiago fatto su misura per te
Disegna il tuo percorso
Fare il Camino in bicicletta
Tutto quello che c'è da sapere
Più informazioni

Tappe del Cammino Portoghese di Santiago

Storia della rotta portoghese

Il cammino portoghese cominciò a svilupparsi nel Medioevo, approfittando delle vie fluviali, marittime e terrestri tracciate dai romani e dai musulmani. La sua origine può essere, secondo alcuni storici, in un percorso politico di riconquista ed espansione del regno di León. Ma la verità è che quando il Portogallo emerse come regno indipendente di Castiglia e León c’erano già due vie consolidate che collegavano le città di Coimbra e Santiago, una per terra e l’altra per mare.

Le vie fluviali e marittime erano le più utilizzate, poiché permettevano di muoversi più velocemente. Ma a volte queste rotte non potevano essere utilizzate a causa di grandi tempeste, così le rotte terrestri cominciarono a prendere piede. Indubbiamente, il grande evento che consolidò l’itinerario terrestre della rotta portoghese fu il pellegrinaggio di Isabella del Portogallo, noto come Rainha Santa, nel XIV secolo. Nel suo testamento, la regina stanziò una grande somma per il mantenimento e lo sviluppo degli ospedali dei pellegrini nel Regno del Portogallo, il che significò un grande miglioramento delle vie di pellegrinaggio e delle loro infrastrutture.

Un altro aspetto che contribuì a consolidare il Cammino di Santiago portoghese fu la presenza dell’Ordine dei Cavalieri di San Giacomo in Portogallo. Questo ordine difendeva la frontiera dell’Estremadura e offriva protezione ai pellegrini, rendendo il Camino molto più sicuro.

I pellegrini che fecero questo viaggio erano soprattutto portoghesi, ma c’era anche un gran numero di pellegrini europei di diverse nazioni.

Infine, possiamo parlare di un periodo di declino dell’itinerario portoghese e di una successiva rinascita. Questo nuovo boom ha avuto luogo alla fine del XX secolo, praticamente parallelo a quello della via francese. Grazie agli sforzi delle istituzioni pubbliche e delle associazioni di pellegrini della Galizia e del nord del Portogallo, iniziò la segnaletica, recuperando il percorso conosciuto come il Cammino Centrale. Poco dopo si aggiunsero altri itinerari, come il Cammino Portoghese lungo la costa e il Cammino dell’interno, oltre ad altri percorsi alternativi. Il successo di questa rivitalizzazione è stato tale che il percorso portoghese è diventato il secondo itinerario più frequentato del Camino de Santiago, dopo il Cammino Francese.

Altri percorsi del Camino de Santiago