Cammino primitivo

11 Tappe | 268 km

L’essenza del pellegrinaggio nella sua forma più pura

Il Cammino Primitivo è considerato il più autentico e il più panoramico di tutti i Cammini di Santiago. È un percorso profondamente intimo e solitario che recupera lo spirito giacobino dei primi pellegrinaggi. Un viaggio per disconnettersi dal mondo ed entrare in un numero infinito di paesaggi silenziosi radicati nelle più profonde tradizioni rurali.

I nostri viaggi del Cammino Primitivo di Santiago

Informazioni sul Cammino Primitivo

Il modo primitivo

Il Cammino Primitivo parte dalla città di Oviedo e attraversa l’interno occidentale delle Asturie, una delle zone meno conosciute della comunità, la cui bellezza mozzafiato non lascerà indifferente nessun camminatore. Entrerai in Galizia attraverso l’Alto do Acevo, a più di 1.000 metri di altitudine, raggiungendo la città murata di Lugo e continuando il tuo percorso fino a Melide, dove il Cammino Primitivo si unisce al Cammino Francese, condividendo tre tappe fino a Santiago de Compostela.

Ma attenzione, se hai intenzione di fare il Camino de Santiago nel suo percorso primitivo devi sapere che non è una passeggiata. Ha tappe estremamente impegnative e pendii ripidi, con quasi nessuna toilette per rifornirsi di provviste. Per questo motivo non è raccomandato ai principianti o alle persone che non sono in buona forma fisica. La sua difficoltà si intensifica soprattutto nei mesi più freddi, quando le abbondanti piogge trasformano alcuni tratti della strada in vere e proprie zone fangose, per cui non è troppo consigliabile pedalare.

Il modo primitivo

Da dove iniziare il Cammino Primitivo?

Il Cammino Primitivo inizia a Oviedo, capitale del Principato delle Asturie e, come quasi tutti gli itinerari giacobini, ha la sua meta a Santiago de Compostela. Queste due città sono separate da un totale di 321 chilometri, di cui poco più della metà attraversa la Galizia. È generalmente diviso in 14 tappe tra i 20 e i 30 chilometri, e avrete bisogno di almeno 15 giorni per percorrerlo nella sua totalità.

Come abbiamo sottolineato sopra, questo percorso non ha niente a che vedere con altre strade. Il tratto asturiano è particolarmente duro e i suoi ripidi pendii, insistiamo, metteranno alla prova più di un pellegrino.

Anche se, come forse già sapete, non è necessario percorrere tutto il percorso primitivo. Puoi iniziare da dove vuoi a seconda dei giorni che hai a disposizione e della tua capacità fisica. Se decidi di non fare tutto questo percorso, la città di Lugo è il luogo perfetto per iniziare il tuo itinerario. Da qui, avrai solo 102 chilometri per arrivare a Santiago, divisi in 5 comode tappe senza grandi difficoltà, adatte a chiunque.

Progetta il tuo percorso
Il Cammino di Santiago fatto su misura per te
Disegna il tuo percorso
Fare il Camino in bicicletta
Tutto quello che c'è da sapere
Più informazioni

Tappe del Cammino Primitivo di Santiago

Storia del percorso primitivo

Il Cammino Primitivo deve il suo nome al fatto che è considerato il più antico percorso di pellegrinaggio verso Santiago de Compostela. La sua origine è così remota che si trova in un periodo in cui leggenda e storia si fondono essendo praticamente impossibile distinguerle.

La storia di questo percorso primitivo inizia con la scoperta della tomba dell’apostolo Santiago, nell’anno 830. A quel tempo, il re Alfonso II, soprannominato il Casto, regnava nelle Asturie. Le Asturie furono indistruttibili dagli invasori musulmani grazie alle importanti vittorie belliche, estendendo il suo dominio territoriale alle attuali Galizia e Castiglia e León. Alla notizia da Compostela, il monarca partì immediatamente dalla sua sede di Oviedo per venerare i resti del santo. Nel IX secolo, il re Alfonso II fu dichiarato il primo pellegrino nella storia del Cammino di Santiago.

Dopo questo primo pellegrinaggio, i successori come il re Alfonso III il Grande presero l’esempio e vennero a Santiago de Compostela concedendo nuovi privilegi al santuario.

Nel 910, la capitale del regno fu spostata da Oviedo a León. La cattedrale di Oviedo subisce una dura battuta d’arresto che si accentua con il consolidamento del cammino francese attraverso le terre leonensi. Ma i pellegrini che arrivano dai Pirenei, scoprono la deviazione del Cammino Francese verso la cattedrale di Oviedo. A quel tempo la Cattedrale del Salvatore e la Cattedrale di Lugo concedevano un grande valore spirituale, per cui molti pellegrini optavano per una deviazione. Tra i pellegrini era molto famoso il detto “Chi va a Santiago e non al Salvatore, visita il servo ma non il Signore”.

Con il passare dei secoli, il Cammino Primitivo ha perso la sua presenza, ma non ha mai smesso di avere pellegrini. Nel XIX secolo, la decadenza fu quasi totale, come nel resto delle vie giacobine.

Ma a partire dal XX secolo, ci fu una grande rinascita del Camino de Santiago e tutti i percorsi cominciarono a rivivere. Grazie a un nuovo interesse delle amministrazioni e delle associazioni, si iniziò un grande lavoro di promozione e condizionamento dei cammini asturiani, vennero segnalati i cammini e pubblicate guide, si costruirono ostelli e i servizi per i pellegrini aumentarono notevolmente.

Più di un millennio dopo il primo viaggio del re delle Asturie, l’itinerario primitivo è una grande opzione per tutti quei pellegrini che cercano un’alternativa lontano dal sovraffollamento e dall’atmosfera turistica di altri percorsi.

Altri percorsi del Camino de Santiago