Cammino Sanabrese

13 Tappe | 365 km

Il percorso più affascinante e sconosciuto del Camino de Santiago

Il Cammino Sanabrese è una parte del Cammino d’Argento che collega Granja de Moreruela con Santiago de Compostela, passando per Puebla de Sanabria fino ad entrare nell’interno della provincia di Ourense. Un sentiero poco frequentato, perfetto per coloro che desiderano allontanarsi dal trambusto di altri percorsi.

I nostri viaggi del Cammino di Santiago Sanabrés

Informazioni sul Camino Sanabrese

Il modo Sanabrés

Anche se il Cammino di Sanabrés è una continuazione del Cammino dell’Argento, oggi possiamo considerarlo come un Cammino a sé stante. Un percorso affascinante per l’invidiabile ambiente naturale, pieno di contrasti e paesaggi bucolici, con temperature miti in primavera e in autunno. Un cammino solitario, lontano dal sovraffollamento e dal rumore incessante dei pellegrini su altri percorsi. Si potrebbe dire che l’itinerario di Sanabria conserva ancora l’essenza giacobina che alcuni pellegrini del Cammino di Santiago cercano così tanto. Oggi, anche se ha meno servizi di altri percorsi, ha abbastanza ostelli ed è molto ben segnalato.

Il modo francese

Da dove iniziare il Cammino Sanabrese?

Da Granja de Moreruela

Il Cammino di Sanabrés parte dalla città di Zamora, Granja de Moreruela, lasciando definitivamente il Cammino d’Argento fino a Santiago de Compostela. È diviso in 13 tappe che si estendono per circa 370 km (attraverso la variante di Laza), e attraversa parte dell’altopiano castigliano per entrare in un terreno montagnoso tipico dell’orografia galiziana.

Da Ourense

Ma se non abbiamo abbastanza tempo per fare il percorso completo possiamo iniziare il percorso Sanabria da Ourense, con un totale di 110 chilometri fino a Santiago de Compostela. Quest’ultimo tratto può essere fatto in 5 tappe che completeremo in una sola settimana.

Progetta il tuo percorso
Il Cammino di Santiago fatto su misura per te
Disegna il tuo percorso
Fare il Camino in bicicletta
Tutto quello che c'è da sapere
Più informazioni

Tappe del Cammino di Santiago a Sanabria

Storia del percorso di Sanabresa

L’origine dell’itinerario di Sanabrés va di pari passo con la Vía de la Plata che saliva dal sud della Spagna e tutta una serie di piccoli pellegrinaggi e pellegrinaggi che andavano verso una fitta rete di monasteri basati sul ripopolamento mozarabico e situati nella provincia di Zamora, proprio all’origine del Camino Sanabrés.

A pochi chilometri da Granja de Moreruela, punto di partenza di questo itinerario, troviamo il monastero cistercense di Santa María de Moreruela, il più antico della Spagna, conosciuto fino al 1163 come Santiago de Moreruela. Nei suoi resti si possono ancora vedere la porta e la fontana del Pellegrino. A 25 km, a Tábara, c’era il monastero mozarabico di San Salvador. Lo stesso accadde a Santa Marta de Tera, una città nata dall’abbazia di Santa Marta de Riba de Tera. A Rionegro del Puente, ai piedi del santuario della Virgen de la Caraballeda, fu fondata nel XIV secolo la Confraternita dei Falifos (ancora in vigore), una storica istituzione ospedaliera che alcuni studiosi collocano tra le prime del Cammino di Santiago de Compostela.

A San Martín de Castañeda, un villaggio situato sul lago di Sanabria, il monastero di Santa María fu costruito nel X secolo. In Galizia, accanto alla collegiata di Santa María la Real de Xunqueira de Ambía, c’era un ospedale per pellegrini. Ci sono anche testimonianze di diversi ospedali a Verín, Monterrei, Allariz e Ourense. Non c’è dubbio che ci fu un itinerario tracciato tra tutti questi centri religiosi e che, grazie ai segni di ospitalità che furono trovati, finì per diventare un altro Cammino di Santiago.

Ma la via Sanabria non era percorsa solo da fedeli e devoti, ma molti viaggiatori usavano questa strada per comunicare luoghi remoti del centro della penisola con il nord della Spagna. Le sue strade erano utilizzate come sentieri per il bestiame reale e come percorsi per i mercanti di tutto il paese. I contadini galiziani utilizzavano questo percorso per scendere in Castiglia durante la stagione del raccolto, utilizzando anche i suoi ospedali, locande, templi e monasteri.

Altri percorsi del Camino de Santiago