Portomarino Via Francese

Informazioni su Portomarín

L’affascinante città galiziana di Portomarín si trova nella provincia di Lugo. Questo piccolo villaggio nato ai piedi del fiume Miño, conserva nella sua storia e nella sua origine eventi veramente curiosi e notevoli. Inoltre, è un luogo molto importante sul Cammino Francese, con solo 1.500 abitanti, è visitato da migliaia di pellegrini ogni anno. Ha una grande rilevanza all’interno dell’itinerario giacobino, poiché è la fine della prima tappa del Cammino Francese da Sarria.

L’antico villaggio di Portomarín si sviluppò durante il periodo medievale, ai piedi di un ponte romano sul fiume Miño. Il fatto più curioso legato a questo villaggio è che ha dovuto essere spostato nel XX secolo. Nel 1962 fu costruito il bacino di Belesar sul fiume Miño, il che significò che il sito originale di Portomarín fu inondato d’acqua. Per questo motivo, gli edifici civili e religiosi del villaggio furono letteralmente trasferiti in una nuova sede. Il luogo scelto per la nuova ubicazione era un po’ più alto del sito originale, a Monte do Cristo.

Diciamo che è stato spostato “letteralmente”, perché ci sono stati casi, come la chiesa di San Nicolás, in cui i conci di pietra sono stati segnati per poter ricostruire la chiesa nella nuova posizione con tutti i pezzi al loro posto. Se si guarda attentamente, è ancora possibile vedere le iscrizioni sulle pietre dei muri della chiesa.

Oggi è considerato un villaggio giovane con solo 50 anni di esistenza, ma nasconde un passato pieno di storie e leggende. A seconda del periodo dell’anno in cui visitiamo Portomarín, o se la giornata è limpida, possiamo vedere i resti della vecchia Portomarín in fondo alla valle.

Cosa vedere e fare a Portomarín

Chiesa di San Nicolas

Conosciuta anche come la chiesa di San Juan, è eretta nella centrale e spaziosa piazza del centro storico del paese. Risale ai secoli XII e XIII. Fu costruita in stile romanico, essendo molto notevoli le sue facciate e la decorazione dei suoi capitelli interni. Il grande rosone che presiede all’entrata della chiesa è un segno della transizione allo stile gotico che stava avvenendo al momento del completamento della chiesa.

Chiesa di San Nicolás Portomarín

Scalinata e Cappella delle Nevi

Si tratta di una curiosa scala in pietra di granito che porta alla Cappella delle Nevi. Questa scala disegna un arco nel suo profilo, situato sopra la strada. Da qui si può godere di una vista impareggiabile sul bacino di Portomarín. È stato costruito utilizzando il vecchio ponte medievale, e attraverso di esso si può accedere al centro della città.

La Cappella delle Nevi era la cappella del vecchio ospedale. Le malelingue dicono che Chiunque si fermi a riposare in mezzo ai gradini sarà maledetto e sarà punito con molti anni di sfortuna in amore. Quindi sapete, nonostante la fatica accumulata, soprattutto per i visitatori che vengono a piedi da Sarria, si consiglia di non fermarsi a fare la foto in mezzo alla scalinata per quello che può succedere.

Scalinata Cappella delle Nevi Portomarin

Il Pazo del Conte di La Maza

Conosciuto anche come il Pazo del General Paredes, era di proprietà del conte di Taboada con il cognome de la Maza, discendente di una grande famiglia militare. Questo edificio, insieme ad altri, fu uno di quelli salvati dal bacino di Belesar per essere trasferito al nuovo sito del villaggio. Risale al XVI secolo e attualmente serve come edificio del municipio. Si trova nella stessa piazza della chiesa di San Nicolás.

Municipio di Portomarin

Il vecchio villaggio di Portomarín

Se fai la passeggiata durante i mesi autunnali, sei fortunato, perché potrai vedere i resti del vecchio villaggio inondato dal bacino. I resti delle case fatte esplodere con la dinamite, i resti del vecchio ponte romano e il chiosco originale evocano la nostalgia. Vi invitiamo ad attraversare il fiume sul vecchio ponte per godere di una vista spettacolare e ricreare nella vostra immaginazione come sarebbe stato il villaggio oggi se il bacino non fosse stato costruito.

Vecchio villaggio di Portomarin

Terra di anguille e acquavite

Oltre al suo fascino monumentale, Portomarín è anche una terra di pescatori e alquitaras, di anguille e acquavite .

Se si guarda verso il bacino, si possono vedere i famosi “caneiros“, costruzioni di pietra a forma di “V” che vengono utilizzate per la tradizionale pesca dell’anguilla. Questo piatto forte di Portomarín può essere degustato in qualsiasi dei suoi ristoranti. Ci sono diversi modi di prepararlo, in pastella, in umido e in empanada.

Caneiros Portomarín

Ma Portomarín è senza dubbio famosa per la sua buona acquavite, tanto che la sua festa gastronomica onora questo intruglio fatto con l’alquitaras, il metodo più antico di distillare l’acquavite. Non si può lasciare questo affascinante villaggio senza provare un tiro. I più tradizionali sono la blanca, la crema de orujo, il liquore al caffè, e l’aguardiente de hierbas, chiamato “ibuprofeno liquido” da molti tavernieri perché assicurano che cura tutti i dolori del pellegrino.

Brandy Portomarin

www.concellodeportomarin.es

Mapa de Portomarín