IL CAMMINO FRANCESE IN AUTO DA RONCESVALLES (700km)

Questo viaggio è l’opzione perfetta per voi, se siete appassionati della French Way ma non potete percorrerla a piedi. Vi presentiamo un itinerario studiato per farvi passare per i punti principali del Cammino Francese nella Penisola Iberica, con informazioni dettagliate sui luoghi di visita obbligatoria, in modo che, come le persone che fanno questo viaggio a piedi, non si perde di dettaglio di nulla.

Ogni giorno è progettato con informazioni per fare soste nelle città stellari del viaggio. *Come servizio opzionale ti informiamo che puoi richiedere una notte extra nella tappa che desideri, se sei interessato a saperne di più su un’area specifica.

Arrivo a Roncesvalles

Roncesvalles (Orreaga) è stata storicamente considerata la prima tappa della Penisola Iberica per i pellegrini del Cammino di Santiago. Situato in una bellissima enclave ai piedi del porto di Ibañeza, è stato anche un passaggio per Celti, Barbari, Goti e persino per il re Carlo Magno. Un esempio della sua grande importanza nel Cammino di Santiago è il suo ospedale dei pellegrini, che è stato trasformato in una chiesa collegiata. Potrai vedere la Casa del Priorato, il Museo della Biblioteca, la chiesa dedicata a Santa María de Roncesvalles, la cappella di San Agustín e quella dello Spirito Santo.

Nonostante la sua grande importanza nel Cammino di Santiago e nella storia della Penisola Iberica, Roncesvalles ha solo 30 abitanti, cosa che le conferisce un fascino e una mistica particolare.

Roncesvalles – Logroño

DificultadTiempo estimadoDistancia146 Km

Per questo primo giorno vi proponiamo di guidare da Roncesvalles a Logroño, attraversando la Navarra per entrare nella capitale della Rioja. Durante questo viaggio scoprirete il valore paesaggistico, naturale e culturale di questa zona. Potrai vedere come il paesaggio cambierà dalla Navarra più pirenaica a quella dei vigneti di La Rioja.

Per vivere un’esperienza completa del Cammino Francese e allo stesso tempo godersi la visita di affascinanti villaggi, vi consigliamo di fermarvi nei seguenti punti:

-Zubiri è un piccolo villaggio della Navarrase dove potrete apprezzare le costruzioni tipiche della zona. Situato in un ambiente naturale privilegiato, il suo monumento più identificativo è il ponte di La Rabia, in stile romanico risalente al XII secolo.

-Pamplona (Iruña) è una città che conserva ancora le sue mura difensive medievali, dichiarate Monumento Nazionale. All’interno, il Duomo di Santa Maria è forse il suo edificio artistico più abbagliante. Questa città vi offre un’infinità di programmi culturali, gastronomici e per il tempo libero.

-Puente la Reina (Gares) è un piccolo paese medievale che vi permetterà di scoprire costruzioni religiose derivanti dall’influenza giacobina, come la chiesa del Crocifisso, quella di Santiago o quella di San Pedro. Tuttavia, il ponte romano, a cui deve il suo nome, vi impressionerà di più.

-Estella (Lizarra) è un villaggio bagnato dal fiume Ega che affonda la sua nascita nella convergenza culturale del Cammino di Santiago e del quartiere ebraico. Curiosa è la sua sorgente di acqua salata, considerata di proprietà terapeutiche. Vi consigliamo di visitare monumenti come il Palazzo dei Re di Navarra o la Chiesa di San Pedro de la Rúa.

-Los Arcos è costituito da diversi monumenti importanti, sia civili che religiosi. Si può fare un viaggio nella storia, passeggiando lungo la sua strada principale, con le sue case blasonate, e visitando le rovine del suo castello medievale o le vestigia romane ancora conservate.

-Viana questa piccola città conserva gran parte delle mura duecentesche e un numero infinito di monumenti. Si distingue soprattutto per la sua ricca gastronomia.

Una volta a Logroño, perdersi nelle vie del centro storico e visitare, tra gli altri edifici importanti, la Cattedrale di Santa María la Redonda e i suoi municipi. Non si può mancare di visitare uno dei luoghi più emblematici della città: il Modern Café; e passeggiare per la Calle del Laurel, conosciuta anche come la Via degli Elefanti per la possibilità di lasciare la “tromba” all’interno delle sue mura. Per gli amanti del vino, è d’obbligo una visita alle cantine di Ruavieja.

Logroño – Burgos

DificultadTiempo estimadoDistancia133 Km

Durante il tour di oggi, lascerete La Rioja per entrare nella regione di Castilla y León. Vi consigliamo di prendere la N-120, in modo da potervi fermare nelle città stellari lungo questo percorso:

-Nájera è una città molto storica dove si possono trovare innumerevoli monumenti, come l’Alcázar, la Cappella Reale della Santa Croce, o il Monastero di Santa María la Real de Nájera. Per chi è più interessato alla storia e alla cultura del luogo, sarà fondamentale visitare il Museo Storico Archeologico Najerillense.

-Santo Domingo de la Calzada è un luogo che risale al XII secolo. Grazie alla via Xacobean, questa città, come molte altre, ha conosciuto un importante sviluppo economico, artistico e culturale durante tutto il Medioevo. In questo piccolo paese è possibile passeggiare per strade piene di storia, ammirare i resti delle sue mura risalenti al XII e XIV secolo e ammirare la sua Cattedrale, perfetto esempio di arte gotica nel nostro paese. Come curiosità, all’interno della Cattedrale c’è un pollaio in cui vivono un gallo e una gallina, come simbolo della commemorazione del miracolo del pellegrino impiccato.

-Belorado è una città medievale che ha avuto il suo massimo splendore nel Medioevo e nell’età moderna. Ne è un esempio l’abbondante architettura civile e religiosa. Vale la pena di visitare il Castello, la chiesa di Santa María, i resti della chiesa di San Nicolás de Bari, il vecchio quartiere ebraico, o le Grotte di San Caprasio, tra gli altri.

-Atapuerca è la patria dei tesori archeologici del nostro paese. Vi consigliamo di visitare i siti di Atapuerca, uno dei siti più importanti al mondo, che ha permesso all’essere umano di riconsiderare la sua origine come specie. Atapuerca è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1997.

La vostra fine dello stadio odierno è raggiunta a Burgos. Se non siete mai stati in questa città prima d’ora, rimarrete sorpresi dalle sue attrazioni turistiche, uniche nel panorama nazionale. Vale la pena fare una passeggiata per le sue eleganti strade, passeggiate e infinite aree verdi, contemplando la sua cattedrale gotica, patrimonio dell’umanità e godendo della sua squisita gastronomia. La città è anche conosciuta a livello internazionale per il Museo dell’Evoluzione Umana, l’unico al mondo specializzato in questa materia, e per i siti di Atapuerca, situati a soli 10 chilometri dalla capitale.

Burgos – León

DificultadTiempo estimadoDistancia179 Km

Questa giornata sarà caratterizzata dalla pianura e dai campi tipici del paesaggio castigliano. Lungo il percorso, visiterete villaggi con un patrimonio importante e altri molto piccoli, con pochissimi abitanti, che vi mostreranno la realtà di questa zona.

-Castrojeriz è un piccolo villaggio monumentale situato ai piedi di una collina. Seguendo l’itinerario per la sua via Real, potrete visitare i principali monumenti della città, come la Collegiata, la chiesa di Santo Domingo o la chiesa di San Juán. Alla periferia della città si possono ammirare imponenti monumenti medievali come i conventi di Santa Clara, San Antón e San Francisco. Sarà anche impressionante vedere le rovine del suo castello romano, situato in cima alla collina.

-A Frómista si trova uno dei migliori esempi di romanico spagnolo, la chiesa di San Martín. Degne di menzione speciale sono anche le chiese di San Pedro e Santa María del Castillo, dove si possono visitare i migliori esempi di pale d’altare provenienti da tutta la Castiglia. La chiesa di San Pedro ospita il Museo Parrocchiale e, accanto, il Museo Storico Etnografico. Da parte sua, la chiesa di Santa María del Castillo, dichiarata Bene di Interesse Culturale nel 1944, presenta all’interno del progetto VESTiGiA-Leyenda del Camino, un progetto multimediale su storie, miracoli e leggende del Camino de Santiago.

-Carrión de los Condes è un piccolo paese dal passato medievale, con vestigia di antiche mura, chiese, palazzi, conventi e ospedali. Sarete sorpresi dal gran numero di monumenti che questa piccola città ha, soprattutto in termini di architettura civile, conservando innumerevoli case architettoniche di diverse famiglie, come il Palazzo Gotico, la Casa del Marchese di Santillana o la Casa del balcone d’angolo, tra molti altri.

-Sahagún ha un grande patrimonio storico e monumentale. Questo piccolo paese appartiene alla Federazione dei Luoghi Cluniacense. Non si può andare senza aver visitato la Chiesa di San Lorenzo o San Tirso, il Santuario del Pellegrino e le rovine del Monastero Reale di San Benito, dichiarato bene di interesse culturale.

*È anche interessante fare soste in piccole città lungo il percorso come: Terradillos de los Templarios, El Burgo ranero o Mansilla de las Mulas; per conoscere la realtà di questa zona.

Una volta a León, vi innamorerete di questa città quando incontrerete alcuni dei monumenti più spettacolari della Spagna. Avrete la possibilità di lasciarvi abbagliare dall’imponente facciata della sua cattedrale, che si distingue dal resto degli edifici del centro storico, e di ammirare le vetrate interne, considerate le più belle d’Europa. Si distinguono anche gli affreschi romanici della Collegiata di San Isidoro, nota come cappella romanica sistina, e la facciata più importante del plateresco, l’Hospital de San Marcos. E naturalmente, se siete appassionati di modernità, non potete perdervi la Casa de Botines di Gaudí. León è anche una città perfetta per combinare cultura e gastronomia. Tra il quartiere umido e quello romantico, troverete l’equilibrio perfetto per combinare la visita al suo ricco patrimonio architettonico e culturale con momenti di “tapas” e di riposo.

León – Ponferrada

DificultadTiempo estimadoDistancia114 Km

Oggi si effettua l’ultimo giorno in territorio castigliano, prima di entrare finalmente in Galizia. Come punti salienti di questa tappa, si passa attraverso:

-Storga: il Cammino Francese e la Via dell’Argento si incontrano in questa città storica. Gli anni di incrocio culturale, dai suoi inizi preromani e romani al suo splendore medievale e successivo, hanno fatto di Astorga uno dei più importanti punti di interesse artistico e culturale del nostro paese. Questa piccola città ha un gran numero di monumenti che devono essere visitati, tra gli altri, il ricco patrimonio dell’epoca romana, la Cattedrale di Santa María, il Palazzo Episcopale (Palazzo di Gaudí), il Museo delle Strade, l’edificio modernista Casa Granell, e innumerevoli chiese, monasteri e musei. Sul piano gastronomico, è possibile fermarsi a degustare il suo famoso “Cocido Maragato”.

-Rabbanal del Camino vi offre la possibilità di visitare gli eremi di Bendito Cristo de la Vera Cruz e San José. Come edificio civile, spicca la Casa de las Cuatro Esquinas, un luogo famoso perché, secondo la storia, fu il luogo dove il re Filippo II trascorse la notte durante il suo pellegrinaggio a Santiago. Infine, tra le altre cose, nella parte più alta del paese, si può visitare la chiesa parrocchiale di Nuestra Señora de la Asunción, un tempio romanico del XII secolo, dichiarato di interesse culturale nel 1982, che è un perfetto esempio di stile romanico leonese.

-olinaseca è uno dei borghi più belli di questa Via, infatti, è stato dichiarato Sito Storico di Interesse Culturale per il buono stato di conservazione delle sue case in pietra, che hanno ancora un grande aspetto medievale. Come monumenti principali da sottolineare, vi consigliamo di visitare il ponte d’ingresso e la parrocchia neoclassica di San Nicolás de Bari.

Una volta arrivati a Ponferrada, questa città emblematica e storica vi accoglierà.

Questa sosta vi offre l’occasione perfetta per rilassarvi e godervi momenti di svago e la ricca gastronomia del Bierzo. Non si può fare a meno di provare un buon botillo (botelo) accompagnato da un vino del Bierzo. Potrete godere di tutto questo e molto altro ancora passeggiando per lo storico Barrio del Temple, dove avrete anche l’opportunità di bere un drink e conoscere il tempo libero e la vita notturna della città.

Ponferrada – Portomarín

DificultadBassoTiempo estimadoDistancia132 Km

In questa tappa si entra in Galizia, attraversando lo spazio naturale protetto di Ancares-Courel attraverso la provincia di Lugo. Senza dubbio vi meraviglierete dello splendido ambiente naturale del monte Lugo.

Come le città stellari del giorno, si distingueranno:

-Villafranca del Bierzo è un monumento a sé stante. Vi consigliamo di perdervi passeggiando per le sue stradine strette, dove troverete scudi ed esempi di architettura tradizionale del Bierzo, con i suoi caratteristici tetti in ardesia e corridoi in legno. Approfittate di questa sosta per mangiare e continuare a godere della ricca gastronomia del Bierzo: botillos, salsicce, empanada e trote; il tutto accompagnato dai suoi ricchi vini. Questa passeggiata gastronomica sarà obbligatoria per attraversare la Calle del Agua.

-Per secoli, O Cebreiro è stato considerato la porta d’ingresso alla Galizia dalla Castiglia. In esso, potrete godere di una giornata magica in un ambiente di grande tradizione e misticismo, culla di leggende, misteri e miracoli. È possibile visitare gratuitamente diverse pallozas di origine preromana, una delle quali trasformata in Museo Etnografico. Da visitare anche la chiesa di Santa Maria, la più antica chiesa in funzione della Via Giacobea.

-La Saria è un luogo di cui si conservano resti di antiche occupazioni di epoca preistorica. Fu in epoca romana, quando Sarria si consolidò come importante popolazione nella rete di città romane, in quanto punto di unione tra Lucus Augusti (attuale Lugo) e Castro Dactonio (Monforte de Lemos). La sua lunga storia la rende una città con un sacco di patrimonio da visitare.

Infine, si arriva alla fine della tappa, Portomarín. Questa città, nata ai piedi del fiume Miño, è un luogo tanto bello quanto particolare. Si tratta di un villaggio che ha dovuto essere trasferito dalla sua enclave originale in un punto più alto della valle, a causa della costruzione della diga di Belesar sul fiume Miño che ha causato l’allagamento della vecchia enclave del villaggio. Se avete una giornata con una buona illuminazione, potete vedere i resti del vecchio Portomarín sul fondo del fiume. In questo piccolo e affollato villaggio avrete l’opportunità di godere della gastronomia locale e di un’atmosfera molto pellegrina.

*Lugo. Durante questo giorno o il giorno seguente, vale la pena fare una deviazione per raggiungere l’antica e storica città di Lugo. Si tratta di una tappa molto importante sulla Via Primitiva, dove è possibile contemplare le sue mura romane, dichiarate Patrimonio dell’Umanità, e non rimarrete indifferenti.

Portomarín – Santiago de Compostela

DificultadTiempo estimadoDistancia100 Km

Oggi vi dirigete verso la fine del vostro viaggio: Santiago de Compostela. Passerete attraverso i principali villaggi alla fine del Cammino Francese in Galizia:

-Palas de Rei ha diversi resti archeologici come mámoas, dolmen o castros, che sono testimoni della cultura castrexa del luogo.

-A Melide avrete l’opportunità di apprezzare il Cruceiro, il più antico della Galizia. A livello culturale, si può visitare il Museo da Terra de Melide, il cui edificio era un antico ospedale per i pellegrini fondato nel 1502. Ma senza dubbio, non dovreste lasciare questa accogliente città senza provare il suo famoso “pulpo a feira”. Melide, insieme a O Carballiño, è una delle città galiziane dove si prepara al meglio questo piatto di polpo, così tradizionale della gastronomia galiziana.

-Arzúa è una tappa obbligatoria per acquistare dei buoni formaggi a Denominazione di Origine Arzúa-Ulloa, vi piaceranno!

E infine Santiago de Compostela, la città dove la pioggia è arte. Vi auguriamo una piacevole passeggiata nel centro storico e una visita alla sua Cattedrale e ai suoi numerosi monumenti. Rilassarsi con una birra fresca accompagnata da una deliziosa tapa, ballare e cantare in un foliada, o provare alcuni dei suoi liquori tradizionali, tra le mille e una cosa che questa piccola ma grande città offre.

Santiago de Compostela

Cammino completato.  Conosci la città dopo tutto lo sforzo investito, goditi la sua cultura, la gente e la gastronomia,  te lo sei guadagnato.

** Dopo aver lasciato l’alloggio, i nostri servizi saranno conclusi.

QUESTO VIAGGIO COMPRENDE

  • 8 Giorni / 7 notti di allogio
  • Credenziale (Passaporto del Pelllegrino in regalo)
  • Assitenza telefónica 24 ore per casi di emergenza
  • Assicurazione di viaggio
  • Documentazione completa
  • Colazione 7 giorni
  • Cappesante e maglietta dal camino in regalo
  • Supplemento individuale: 130 €/pax
  • Notte extra en Santiago: 80 € camera doppia / 60 € camera singola
  • Supplemento 6 Cene: 160 €/pax

PREZZO

  • 420 € pax camera doppia

ALLOGGIO

Sistemazione in camere private, sia in hotel, ostelli o alloggi di charme.

.

Hostales y/o pensionesCamera doppia 420€

*  Tutti gli alloggi sono della migliore qualità, accuratamente selezionati dopo anni di esperienza e approvati dai nostri clienti.

H O T E L

Alloggio

Sistemazione in camere private, sia in hotel, ostelli o alloggi di charme.

*  Tutti gli alloggi sono della migliore qualità, accuratamente selezionati dopo anni di esperienza e approvati dai nostri clienti.

Alloggio

Sistemazione in camere private, sia in hotel, ostelli o alloggi di charme.

*  Tutti gli alloggi sono della migliore qualità, accuratamente selezionati dopo anni di esperienza e approvati dai nostri clienti.