Il Autostrada A-66 conosciuto come l’autostrada del Via della Plata permette di viaggiare da nord a sud in auto la parte occidentale della Spagna, a partire da Gijón per raggiungere Siviglia lungo 809 chilometri. È la seconda autostrada più lunga della Spagna dopo l’Autovía del Mediterráneo (A-7), e offre un compendio vario di natura, cultura ed enogastronomia di diverse regioni della Spagna.

Da non confondere con il Via della Plata una strada romana che copriva il percorso da Emerita Augusta o Merida (Badajoz) a Asturica Augusta o Astorga (León) e attraverso il quale oggi passano a piedi i pellegrini del Cammino di Santiago dal sud della Spagna, anche se hanno in comune solo il nome e alcuni tratti e paesi. La differenza principale tra i due è che l’itinerario d’argento è progettato per essere percorso da veicoli a motorein auto, in moto o anche in camper. Accendiamo i nostri motori?

Castillo de Las Torres

Dove si guida lungo la Via dell’Argento?

Il nostro viaggio lungo il Percorso d’argento in auto inizia nel nord della penisola e ci porterà a quattro comunità autonome e sette province.. Partiamo dalle Asturie e ci spostiamo in Castilla y León attraverso le province di León, Zamora e Salamanca. Si collega poi con l’Estremadura, passando per Cáceres e Badajoz, per raggiungere infine l’Andalusia attraverso la provincia di Siviglia, dove questo percorso finisce nella capitale.

Ci sono molti paesi e città che si possono visitare sul Percorso d’argentoe in questo articolo guarderemo il città principali che non dovreste omettere dalla vostra avventura. Questo percorso permette di assorbire un sacco di cultura e la storia con tutto il patrimonio offerto dalle sue città e paesi, natura con i suoi paesaggi variegati e indimenticabili e, naturalmente, tutti i cibo e vino tipiche delle diverse regioni.

Asturias

Nei 76 chilometri che attraversano il Principato di Asturias la Comunità Autonoma con il minor numero di chilometri del Percorso d’argento Ci sono diversi posti da visitare, e noi ve ne presentiamo tre: Gijón, Oviedo y Mieres.

Gijón

Oltre a godere della sua famosa spiaggia di San Lorenzo, possiamo immergerci in più di 2.000 anni di cultura romana visitando il Parco Archeologico di Campa de Torres, risalente al 490 a.C., la Villa Romana di Veranes o le terme di Campo Valdés, un edificio del I secolo d.C. Gijón più moderno con il suo bellissimo quartiere di pescatori di Cimavilla. Altre attrazioni sono il Palazzo Revillagigedo e la chiesa collegiata di San Juan Bautista, del XVIII secolo, la casa natale di Jovellanos, il Palazzo Jove Huergo e la cappella della Trinidad. Prima di partire, possiamo contemplare la scultura di Eduardo Chillida, “In Praise of the Horizon”, situata nel Paseo de San Lorenzo, così come visitare l’Acquario e il Giardino Botanico come tocco finale del nostro soggiorno a Gijón. Probabilmente vedrete dei pellegrini, dato che la via del pellegrinaggio passa per questa città, il Cammino di Santiago del Nord.

collegiata di San Juan Bautista, del XVIII

Oviedo

Nella capitale asturiana c’è molto da visitare, poiché Oviedo è stato un protagonista molto importante nella storia della Spagna e un punto chiave nella nascita del Cammino di Santiago da “Vetusta” di Leopoldo Alas Clarín, il luogo di nascita del Cammino Primitivo di Santiago considerato come il primo degli itinerari giacobini. Prima di tutto, non dobbiamo perdere una visita al Cattedrale di El Salvador il punto di partenza della Via Primitiva e il punto di arrivo della Via di El Salvador che è nato a León. Contiene la Camera Santa, con la Croce Vittoria, simbolo del Principato delle Asturie, e la Croce degli Angeli, simbolo della città. Nella Plaza de Fontán bisogna fermarsi al suo mercato, che offre tutti i tipi di prodotti freschi ed è il centro nevralgico della città. Naturalmente, passeggiate lungo la Calle Manuel Pedregal, o quello che è lo stesso, la strada del vino della città, dove gli abitanti di Oviedo godono di tutto lo splendore dei vini della città. enogastronomia.

Mieres

Mieres si trova in un ambiente naturale bucolico che testimonia una forte tradizione mineraria.Infatti, nella Plaza Paz, la gente del posto rende omaggio ai suoi minatori con un meritato Monumento al Minatore. A pochi passi si trova il Palazzo del Marchese di Camposagrado, dove si può vedere una delle migliori collezioni di dipinti delle Asturie, oltre a visitare un edificio dichiarato Sito di Interesse Culturale. Nel centro storico della città, non perdetevi il Parco Jovellanos e la Plaza del Requexu, dove il Monumento al Escanciador rende omaggio alla cultura del sidro asturiano; dopo una bella passeggiata, cosa c’è di meglio che sedersi su una delle sue terrazze e degustare una buona “sidrina” ben versata. Pote asturiano (stufato asturiano) o fabada de Asturias (stufato di fagioli asturiani) completano l’esperienza del cibo e vino della città.

Foresta di Mieres

Cosa vedere in Castilla y León?

Il Percorso d’argento ci porta attraverso le terre di Castilla y León per 330 chilometri, con la Comunità Autonoma di Castilla y León che copre la maggior parte dei chilometri. Saranno città grandi e maestose come Leon, Zamora y Salamanca che vi presentiamo, anche se ci sono molti altri villaggi e regioni che si possono visitare durante questa avventura nella vecchia Castiglia.

León

Questa città è storia pura e un ottimo posto per trascorrere un fine settimana una città che ha anche un grande Tradizione giacobina come è il percorso del Cammino Francese di Santiago. Ci sono così tante cose che nasconde León che bisogna scoprirli: il muro medievale, le cripte romane, il patrimonio provinciale della Museo di León l’impressionante e bella Cattedrale di Santa María de Regla di León la cattedrale di Santa María de Regla de León, un edificio gotico del XIII secolo con vetrate colorate e rosoni. Il Museo Casa Botines di Gaudí Il Palacio de los Guzmanes, il Palacio del Conde Luna, la Plaza Mayor, tra molti altri luoghi. Naturalmente, il Quartiere umido nella sua zona vecchia vi offre il meglio enogastronomia della città.

Cattedrale di León

Zamora

Da Zamora inizieremo a coincidere con La Via della Plata. Questa città ha un città vecchia medievale con punti di vista sul fiume Douro che ci lascerà delle immagini meravigliose al tramonto. Su
Zamora
la Cattedrale è la più antica e la più piccola di tutta la Comunità Autonoma; il suo stile architettonico fa parte della Romanico del Duerocon una cupola di ispirazione bizantina. Ci sono molte altre chiese romaniche da visitare, e tra l’architettura civile, il castello del XI secolo è degno di nota. Le capanne di Sayago, i mosaici romani conservati nel Museo di ZamoraLe fontane e le pile di stagno di Almaraz, la stele funeraria e il cinghiale romano di Muelas del Pan e la stele funeraria di Villalcampo sono altri importanti resti romani di questa zona. Naturalmente, non dobbiamo dimenticare di assaporare la sua enogastronomia, visto che siamo sulle rive del fiume Duero.

Salamanca

Non possiamo non fermarci in questa bella città dove la cultura, la storia e il trambusto degli studenti si uniscono. Salamanca che recita anche nel film Via della Plata, contiene molti monumenti che abbiamo potuto vedere, ma vorremmo evidenziare la sua imponente Plaza Mayor, la Casa de las Conchas, le due cattedrali (quella nuova e quella vecchia), la L’università più antica della Spagna, dove cercheremo la sua famosa rana.La Casa Lis, la Clerecía o il Convento di San Esteban. Nella capitale di Charra non bisogna dimenticare di seguire le orme di Santa Teresa de Jesús, oltre a godere della sua
enogastronomia
dove il maialino da latte è il re.

Salamanca

Cosa vedere in Estremadura?

Con 300 chilometri sul Percorso d’argento troviamo città e villaggi dove il passato romano è ancora molto vivo. Mérida è, senza dubbio, l’epicentro di questa sezione in cui seguiamo la Via della Plata ma lungo la strada troveremo molti paesi e città che ci emozioneranno, come Plasencia, Cáceres e Zafra, tra molti altri.

Plasencia

Una città ricca di natura per le molte aree verdi con una grande diversità di uccelli che troveremo a Plasencia come il Parque de Los Pinos. La vecchia e la nuova cattedrale ci portano in un viaggio che inizia nella prima nel XIII secolo e finisce nella seconda nel XVI secolo. Il Palazzo Epikscopal, il Centro di Interpretazione Medievale, il Palazzo di Mirabel o il Palazzo di Monroy e alcune delle sue chiese, come San Nicolás, San Martín o l’Eremo di Nuestra Señora del Puerto, ci danno la possibilità di vedere storia e cultura in parti uguali. Lasciatevi stupire dal suo imponente acquedotto romano mentre vi godete il prodotti enogastronomici dell’Estremadura.