Strada Soto Luina Nord

Informazioni su Soto de Luiña

Questo affascinante villaggio con solo 477 abitanti Appartiene al comune di Cudillero, nel Principato delle Asturie, ed è un autentico luogo di culto per chiunque stia facendo il Cammino di Santiago, poiché il percorso tradizionale ha una grande importanza nell’architettura di questa piccola parrocchia.

Soto de Luiña si trova nella parte centrale del comune e limita a nord-ovest con il Mar Cantabrico, a nord-est con la parrocchia di Ovillana e a sud con Arcallana. Qui si può godere della tranquillità di un villaggio del nord, della gastronomia tipica delle Asturie e dell’incontro dei pellegrini in cammino verso la Cattedrale di Santiago.

Un po ‘di storia

Questo villaggio asturiano ha una storia strettamente legata al Camino de Santiago ed è stato un luogo di transito comune per i pellegrini fin dai tempi antichi. Prova ne è che presenta la casa canonica di Soto de Luiña come uno dei luoghi più interessanti della zona, è legata alla vecchia chiesa di Santa Maria come un ex ospedale per i pellegrini. È un’opera del diciottesimo secolo quindi parla da sola della tradizione del luogo.

D’altra parte, nella chiesa di Santa María si possono trovare beni risalenti al 1609, che collega la storia di Soto de Luiña a Juan de Nápoles Mudarra e tracce del XVII secolo si trovano nel luogo.

Cosa vedere e fare a Soto de Luiña

A Soto de Luiña si possono vedere queste preziose eredità legate alla storia dei pellegrini, è anche un luogo ideale per godere della gastronomia asturiana e un punto strategico per visitare i luoghi naturali che sorgono intorno. Troverete una moltitudine di opzioni per un soggiorno sorprendente, rilassante e piacevole in questo bellissimo villaggio.

La chiesa di Santa Maria

La già citata Chiesa di Santa Maria è di grande interesse per chiunque visiti questa zona, sarete immersi nella storia e abbagliati dalla sua architettura. È stato costruito sopra una vecchia cappella e una sorgente precedente, cosa che offre una certa ispirazione divina al luogo.

Il tempio ha un tono grigio e bianco, ha tre piani e belle arcate semicircolari. La prima opera è attribuita al maestro Domingo Fernández ed è stata restaurata nel 1984. Da quel momento ricevette la categoria di monumento storico, una ragione in più per avvicinarsi a contemplare questo fantastico edificio.