Cosa mi ha portato al Cammino di Santiago?

mochila

Abbiamo deciso di fare così, abbiamo l’illusione e molti desiderano iniziare ma non sappiamo cosa prendere. Siamo preparati? Devo prendere un sacco di bagagli? E se dimentico qualcosa? Queste e molte domande sorgono al momento della preparazione del nostro zaino per iniziare questa avventura, forse è quello che ci portano la maggior parte dei mal di testa.

Questo è probabilmente il punto più importante del nostro viaggio in quanto può rendere il nostro viaggio più o meno sopportabile. Questa preparazione è doppiamente importante per diversi motivi, ma i più importanti da prendere in considerazione sono: prima di tutto dobbiamo essere consapevoli che anche se ci fermiamo in città lungo il percorso e possiamo fornirci alcuni prodotti o cose di cui abbiamo bisogno o che abbiamo dimenticato, non troveremo negozi in tutti i punti. E’ quindi importante sapere cosa indossare, perché indossarlo e sapere davvero di cosa abbiamo bisogno e di cosa non abbiamo bisogno. Quest’ultima domanda è rivolta principalmente a coloro che decidono di iniziare il viaggio da soli e di portare i bagagli fino in fondo (tenete presente che più peso, più costoso sarà camminare). Per questo motivo la nostra agenzia offre anche il trasporto dei bagagli da un alloggio all’altro in modo che non rappresenti un problema per il pellegrino e renda ogni tappa il più confortevole possibile, preoccupandosi solo del loro divertimento.

Ottenere il bagaglio giusto ci permetterà di avere un’esperienza migliore che è in background quello che stiamo cercando. Dopotutto, vogliamo solo divertirci, non pensare, tornare interi ma soprattutto vivere un’esperienza indimenticabile.

In questo articolo risponderemo a tutte quelle domande che possono sorgere nella preparazione del Camino grazie all’esperienza che la nostra agenzia ha acquisito dopo ogni viaggio organizzato.

COSA METTO NELLO ZAINO?

La prima cosa che dobbiamo fare è scegliere lo zaino che ci accompagnerà durante il Cammino di Santiago. Ci sono molte opinioni su questo argomento, ma tutto dipende dalle dimensioni della persona e dalle sue possibilità fisiche. Per questo motivo è meglio farsi un’idea delle proprie forze e del peso che ognuno di noi può portare sulla schiena. Tuttavia, nel nostro blog è possibile trovare tutte le informazioni necessarie su questo elemento necessario, se volete sapere qual è lo zaino perfetto per il Camino de Santiago clicca sul link.

 

 L’ESSENZIALE:

Hai deciso di fare questo tratto del Camino de Santiago, il viaggio è organizzato ma ora….. Cosa metto nello zaino?

BOTIQUÍN: Dobbiamo sottolineare che è essenziale portare con sé una piccola cassetta di pronto soccorso con l’essenziale. Questo ci aiuterà in caso di qualsiasi disagio fisico sulla strada o qualsiasi altro problema di salute. Se dovesse accadere qualcosa di più grave, il kit di primo soccorso ci aiuterà a fermare i danni fino a quando i servizi medici si prenderanno cura di voi (tenete presente che in molti tratti ci troveremo in mezzo alla campagna o in montagna e che potrebbe volerci molto tempo per raggiungere la vostra località). Innanzi tutto, la sicurezza deve venire prima di tutto.

SCARPE. Molto importante dobbiamo portare con noi calzature adeguate per camminare sia su tratti di terra, montagna e asfalto. In primo luogo devono essere comodi da camminare e avere delle riprese in modo che non ci causino alcun tipo di problema. Al secondo posto si consiglia una calzatura professionale, non serviremo nessuna scarpa sportiva. In terzo luogo, e quindi il nostro ultimo consiglio per quanto riguarda le calzature è quello di indossare i sandali in modo che alla fine di ogni tappa possiamo riposare i piedi e farli respirare. Ci aiuteranno anche se restiamo in ostelli, per le docce.

ABBIGLIAMENTO. Dipende dal periodo dell’anno, ma dobbiamo pensare che il tempo è capriccioso e un giorno può piovere, un altro può essere freddo e l’altro caldo. Si consiglia di indossare pantaloni adeguati, sempre lunghi. Quelli di montagna o di media montagna sono i più adatti a questo percorso. Sono pantaloni comodi, flessibili e resistenti. Si consiglia inoltre di indossare pantaloncini, magliette a maniche lunghe e corte, biancheria intima e una felpa o giacca, poiché la temperatura di solito scende di notte. Non dimentichiamo che ad un certo punto è probabile che pioverà, un impermeabile essenziale. Anche se sono molti giorni in viaggio, non consigliamo di indossare molti vestiti. Ma non preoccupatevi se si sporcano e noi non ne abbiamo più, negli ostelli troveremo lavanderie, o addirittura in qualche villaggio che attraversiamo.

L’ASEO. Anche se sembra informazione inutile perché è automatico pensare a questo quando si viaggia, si consiglia di prendere le basi per la nostra igiene (deodorante, gel, dentifricio e spazzolino da denti, e anche vaselina per i piedi).

 

 NON PUOI DIMENTICARE…..

Nella preparazione dello zaino penseremo principalmente alle attrezzature per eseguire ogni tappa, ma non possiamo dimenticare la più importante quando si viaggia nel caso in cui abbiamo qualche tipo di problema. Avrete bisogno di una serie di elementi burocratici, come la carta d’identità o il passaporto se siete stranieri. Vi consigliamo di portare con voi la vostra tessera sanitaria e una carta di credito per qualsiasi evento imprevisto che possa sorgere.

Un altro documento che dovremo portare con noi se vogliamo ottenere l’agognata Compostela alla fine della strada è la Credenziale del Pellegrino, che timbreremo almeno due volte al giorno dalla partenza al nostro arrivo.

E’ essenziale avere un telefono cellulare in quanto è l’unico elemento di comunicazione che avremo, in modo che se ci perdiamo possiamo essere in contatto con la civiltà. Tuttavia, per un’esperienza migliore, riteniamo che sia meglio scollegarsi dalla civiltà per godere appieno della natura. Fare in modo che la strada per Santiago sia tutto il giorno con la WhatsApp non sembra una buona idea. Non dimenticate il caricabatterie a casa, altrimenti il vostro cellulare diventerà un inutile pezzo di spazzatura che oltre ad occupare spazio, peserà e vi renderà meno leggero il viaggio.

In ogni viaggio dobbiamo essere cauti e anche se ci sembrano ovvie le cose da fare, non è male ricordarle quando si preparano i bagagli e si imbarcano in questa avventura.

 

RACCOMANDATO MA NON ESSENZIALE

Infine, se vogliamo essere ancora più cauti e finalizzare i dettagli del Cammino di Santiago, raccomandiamo alcuni elementi che possono salvarci da qualche problema.

Tra questi possiamo evidenziarne diversi, ma grazie alla nostra esperienza nell’organizzazione di questo viaggio e alle opinioni dei nostri clienti vi indicheremo i più consigliati.

Una canna ci aiuterà a percorrere i percorsi, sia come punto di appoggio che per il resto delle gambe.

Una torcia elettrica non occuperà molto spazio e può essere molto utile se iniziamo le fasi molto presto la mattina e il sole non è ancora uscito. E ‘consigliato ma non obbligatorio, possiamo anche illuminare attraverso la torcia elettrica del nostro telefono cellulare.

Una ginocchiera, un elemento che a prima vista può essere inutile se non abbiamo disagio all’inizio ma che ci può salvare da più di una fase poiché le ginocchia subiscono un forte impatto sulla camminata.

Un bracciale riflettente, che allo stesso modo ci servirà come la torcia elettrica per renderci visibili se iniziamo le tappe solo senza luce.

Crema solare, altamente raccomandata perché saremo esposti alla luce del giorno per tutto il viaggio, e anche se pensiamo che non ci riguarderà, è possibile che ce ne pentiamo una volta che cala la notte.

Occhiali da sole, possibilmente resistenti in caso di caduta e di buona qualità per proteggere gli occhi durante il nostro viaggio in montagna.

Un sacco a pelo è un consiglio che diamo se siamo un po’ più delicati o se abbiamo freddo negli alloggi scelti. Anche se come regola generale ostelli, pensioni, ostelli e alberghi ci forniranno lenzuola e coperte durante il nostro soggiorno, potremmo preferire di riposare nella nostra giacca.

Questi sono alcuni degli elementi che durante i molti viaggi organizzati abbiamo considerato che potrebbero aiutarci.

SE LA MIA STRADA NON È A PIEDI E LO FACCIO IN BICICLETTA….. DOVREI METTERMI LO STESSO?

Se abbiamo deciso di prendere la nostra moto e imbarcarsi in questa avventura potremmo avere più domande quando prepariamo lo zaino. Infatti, i suggerimenti per la preparazione dei bagagli che vi mostriamo per farlo a piedi possono essere applicati a questa modalità. Tuttavia, per evitare qualsiasi problema, non possiamo dimenticare di dotare la nostra bicicletta di un kit di foratura e di un lucchetto per evitare furti se la lasciamo parcheggiata fuori dall’alloggio. E anche se non essenziale ma consigliabile, alcuni pellegrini muniscono la loro bicicletta di un campanello per avvertire sulla strada a chi arriva a piedi per farla arrivare e non c’è nessun incidente.

Infine, se quando abbiamo finito di mettere tutto nel nostro zaino, non abbiamo raggiunto un peso che possiamo sostenere dietro la schiena o sulla moto, non preoccupatevi.  Un’idea è quella di noleggiare lo Zaino Post Office Backpack, che grazie al suo servizio di trasporto bagagli da e per il luogo da noi scelto.  Se decidete di fare il viaggio attraverso la nostra agenzia, non dovrete preoccuparvi di nulla, ci prendiamo cura di trasportare il vostro bagaglio tappa dopo tappa, dall’alloggio all’alloggio, basta portare con voi solo un piccolo zaino con acqua e qualche spuntino.

Non dimenticate il miglior consiglio che possiamo darvi, ed è quello di non portare mai più peso di quanto si può realmente sopportare, in quanto non vi godrete veramente la fantastica esperienza che è il Cammino di Santiago.

Se ancora non sai che modo di scegliere, ti consigliamo di dare un’occhiata alla nostra pagina o di leggere il seguente articolo: Quale modo di Santiago di scegliere?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *