Informazione

La tappa inizia a Grandas de Salime, seguendo la strada per tutto il tempo, alternando alcuni sentieri e sterrati, tutti ben segnalati fino a A Fonsagrada. Durante la salita al Puerto del Acebo si trova il villaggio di Bustelo del Camín, l’ultimo villaggio asturiano prima di raggiungere i 1.300 metri del passo. La Comunità Autonoma di Galizia inizia appena si comincia a scendere dall’Alto de O Acevo. Vi troverete nel mezzo di un grande parco eolico, dopo il quale troverete una continua e dolce discesa. Non vi sarà difficile dedurre che vi trovate di fronte a una montagna pura e dura in cui spiccano l’alto valore paesaggistico e i piccoli centri abitati.

Carta geografica

Lasciamo Grandas de Salime dall’ex collegiata di San Salvador e attraversiamo la strada che si collega con A Fonsagrada, per dirigerci verso la strada dove si trova la cappella del Carmen. I primi chilometri sono pianeggianti e senza grandi difficoltà, sempre vicino alla strada AS-28, che attraversiamo più volte, anche camminando lungo la spalla della strada.

Passiamo attraverso i villaggi di La Farrapa e Cereixeira, dove ci sono un paio di bar: Casa Federico e La Parrilla. Lungo sentieri e percorsi, raggiungiamo il villaggio di Castro, che ha un ostello della gioventù che ammette i pellegrini.

Continuiamo dritto lasciando sulla destra le rovine del castro Chao Samartín, un insediamento dell’età del bronzo che risale all’800 a.C. e l’accesso al suo museo moderno. Avanziamo attraverso una zona boscosa, passando per l’eremo rurale di San Lázaro per ricongiungerci nuovamente alla strada. Da qui la salita al Puerto de Acebo comincia a diventare più evidente.

A Peñafonte vedremo la chiesa di Santa María Magdalena, e accanto ad essa una fontana ombreggiata che vi inviterà a riempire la vostra bottiglia d’acqua.

Risaliamo il pendio del monte Zarro, un tratto abbastanza sopportabile. Attraversiamo la strada verso Bustelo do Camín, apriamo un cancello e prendiamo un sentiero che passa attraverso le ginestre. La salita alla montagna di A Curiscada richiede più sforzo e ancora di più per raggiungere i parchi eolici dell’Alto del Acebo, a 1.130 metri di altitudine.

Dopo una sosta per recuperare le forze, è il momento della discesa. Lasciamo Asturias per accogliere con gioia la Galizia. Vedremo il primo indicatore galiziano e noteremo un piccolo dettaglio: la conchiglia è capovolta. Ora dobbiamo guardare la parte aperta del guscio, che è quella che segna la direzione da seguire. Scendiamo il sentiero accanto alla Venta do Acebo, il cui orario di apertura è imprevedibile.

Una via primitiva Fonsagrada

Finalmente vediamo A Fonsagrada in lontananza. Continuiamo lungo un sentiero pieno di agrifogli, in onore del nome del luogo. Dopo una breve salita, la pista si avvicina alla strada LU-701, correndo parallelamente ad essa. Attraversiamo il piccolo villaggio di Cabreira prima di raggiungere Fonfría. A mezzo chilometro da Fonfría giriamo a sinistra della strada e scendiamo a Barbeitos.

Se ci viene fame possiamo fermarci al Mesón Catro Ventos, dove preparano deliziose carni alla griglia.

Continuiamo sul lato destro della strada, ci fermiamo per Silvela e poco dopo giriamo su un sentiero sul lato sinistro della strada. Raggiungiamo l’eremo di Santa Bárbara, e più avanti arriviamo a Paradanova.

Un ultimo sforzo. Dietro la cappella della Santa Croce siamo sorpresi da due cartelli. Nell’agosto 2017 è stata recuperata la storica strada di accesso a A Fonsagrada, quindi non dobbiamo uscire sulla strada, ma prendere il sentiero a sinistra che ci porterà direttamente al paese. Ignoriamo il cartello di Burón che ci invita ad attraversare la strada.

Nel 2017, fortunatamente, la storica strada di accesso a A Fonsagrada è stata recuperata; quindi, non dobbiamo uscire sulla strada, ma prendere un sentiero sulla sinistra che ci porta direttamente al paese, con una ripida salita alla fine. Dobbiamo ignorare il cartello di Burón che ci invita ad attraversare la strada. Finalmente arriviamo alla fine della nostra tappa, A Fonsagrada.

Considerare

Quando entriamo in Galizia, cambiamo non solo la comunità ma anche le indicazioni. Nelle Asturie le famose capesante o conchiglie segnalavano la strada da seguire per la sua parte stretta, mentre nelle terre dell’apostolo bisogna farsi guidare dalla parte aperta della stessa.

A Paradanova, qualcuno ha indicato A Fonsagrada alla pietra miliare che porta a A Pobra de Burón e ci sono già diversi gruppi di pellegrini che si sono persi. Arrivati a Paradanova, vedendo il prossimo paese a diverse centinaia di metri di altezza, dobbiamo seguire la pietra miliare a sinistra della strada proveniente da Grandas de Salime, e questa strada ci porterà direttamente a A Fonsagrada.

Di interesse

  • Museo del Forte di Chao Samartín
  • Chiesa di Peñafonte – Peñafonte
  • Chiesa di Santa Maria de Lamas de Moreira – A Fonsagrada
  • Chiesa di San Andrés de Logares – A Fonsagrada
  • Granai di Lamas de Moreira – A Fonsagrada
  • Cappella di San José – A Fonsagrada

Piatti tipici

  • Polpo á feira
  • Pernice e capriolo
  • Castagne e funghi
  • Carni di vitello
  • Stufato e brodo
  • Botelo e salsicce fatte in casa
  • Filloas
  • Miele e formaggio di montagna

Fotografie

Ostelli

Ospizio dei Pellegrini di Grandas de Salime

Direzione: Av. de la Costa, 20 33730 Grandas de Salime (Lugo)

Telefono: (+34) 626 464 183

Email: Non disponibile

Web: Non disponibile

Città

A Fonsagrada

Municipio: A Fonsagrada

Provincia: Lugo

Habitantes: 3.389

Grandas de Salime

Municipio: Grandas de Salime

Provincia: Principado de Asturias

Habitantes: 815