Sulla Via dello Yoga • Ti riconosci?

A un certo punto, ci siamo sentiti tutti sopraffatti e invasi da questi problemi. Una volta che questi punti sono stati messi in discussione, ognuno sceglie la strategia più appropriata per se stesso, per tornare o tentare di tornare alla sua essenza e al suo equilibrio interno.

  • Quando è stata l’ultima volta che hai avuto il tempo di fare NULLA?
  • Quando è stata l’ultima volta che hai fatto qualcosa per la prima volta?
  • Quando hai smesso di dipingere, scrivere, suonare il sax, camminare, essere te stesso?
  • Ti riconosci? Riconosci che vivo in me?

Qui presentiamo una serie di strumenti che consideriamo, in base alla nostra esperienza, la perfetta simbiosi per vivere in armonia.

Il primo è Walk, tutto qui.

Alcuni ricercatori sostengono che il modo umano di camminare, portando il peso sulla parte anteriore del piede, è iniziato con l’Homo erectus quasi due milioni di anni fa. Oggi passiamo troppo tempo seduti e con una sovrastimolazione di dispositivi elettronici che ci impediscono di interagire gli uni con gli altri e di ricollegarci a noi stessi. Di solito ci allontaniamo anche da noi stessi, in molti casi inconsciamente, e in altri, a causa della nostra incapacità di assumere la nostra realtà.

Il Cammino di Santiago ti permette di darti quell’interazione, quello spazio, quello spazio, il tempo, il silenzio, l’ascolto, il permesso e la verità. In questa esperienza hai l’opportunità di essere, di riconnetterti con te attraverso montagne, valli, boschi, sentieri…. dove la melodia migliore sono i tuoi passi.

A poco a poco percepirete come i sensi si stanno risvegliando. Guarderai con occhi nuovi, sentirai l’odore di aromi dimenticati, assaggerai il cibo con calma e consapevolezza, sentirai il suono della natura e toccherai l’acqua, l’aria e la terra.

Abrazarás y serás abrazado de la forma más sincera que hayas podido vivir. Porque si algo permite el Camino es lograr un viaje transformador, donde poder desnudarte de todo y vestirte de ti.

Il secondo è lo Yoga.

Yoga, è un termine sanscrito che deriva dalla parola yug (giogo in spagnolo), che significa unire, collegare e per estensione conciliare e armonizzare. Questa pratica, secondo le definizioni di Patanjali (500 a.C.), è la cessazione dell’agitazione mentale.

Questa disciplina è il metodo più antico di evoluzione cosciente e autorealizzazione, attraverso il quale mente, corpo e spirito si uniscono, onorando quel “giogo” che è lo yoga.

Origini

Le origini dello Yoga sono difficili da individuare e, secondo alcuni ricercatori, possono risalire a più di cinque o seimila anni fa. Nell’attuale Pakistan, resti archeologici di foche in ceramica, in cui gli yogi appaiono seduti nella classica postura della meditazione, collocano questa disciplina con un’antichità di almeno 5000 anni. Ciò che si può affermare è che l’evoluzione dello yoga è intimamente legata all’India.

Con il suo arrivo nel mondo occidentale, lo yoga è diventato una pratica sempre più diffusa. Questo ha portato la pratica a volte concentrandosi su una prospettiva più fisica, perdendo di vista la connessione mente-corpo e diventando più spiritualmente coinvolti nella sua realizzazione.

Spesso assumiamo che i benefici dello yoga sono braccia toniche, un corpo flessibile e la capacità di invertire il nostro corpo sopra la testa. Ma la pratica dello yoga va ben oltre l’aspetto fisico.

Sinergie Camino-Yoga

Allo stesso modo in cui l’obiettivo della pratica yoga non è quello di completare un asana, come il raggiungimento di una postura invertita, non è anche l’obiettivo del Cammino per raggiungere la fine dello stadio, o anche Santiago de Compostela.

Il passo dopo passo attraverso ogni fase rivela la maggior parte dell’apprendimento che il Cammino ci dà. Il vero obiettivo non è il percorso, ma quello durante il quale avviene mentre cerchiamo di raggiungerlo. La pratica dello yoga non riguarda l’illuminazione o la connessione con la divinità, ma l’apprendimento, la comprensione, l’osservazione e la permanenza durante il processo stesso. Solo essendo molto presenti in questi processi, sia a piedi che sul nostro tappetino, possiamo diventare.

Il Cammino di Santiago non è semplicemente un percorso. In origine era un itinerario spirituale associato alla religione, la gente era già in pellegrinaggio per chiedere aiuto all’Apostolo per risolvere un problema, o per cercare l’assoluzione di un peccato.

Oggi molte persone camminano senza motivo di fede, anche se tutti condividono la stessa intenzione: guarire.

Sia la pratica dello Yoga che il Cammino di Santiago collegano lo scopo di cercare la nostra essenza e, quindi, la felicità. Nella nostra pratica yoga, attraverso le nostre posture e i nostri respiri (piano fisico), otteniamo una mente chiara e aperta. Questo si muove verso la bussola del corpo in sincronia con i respiri, che ci farà correre verso il piano spirituale, riportandoci equilibrio e chiarezza.

Allo stesso modo, il fatto di per sé di camminare ci aiuta a livello fisico, mentale ed emotivo. Non solo è un’azione fisica, ma lungo il cammino ci lasciamo alle spalle quegli strati di giudizi, paure e credenze limitanti che ci allontanano dal nostro vero io.  Questo ci permette di aprirci senza aspettative a ciò che accade, in modo che ogni situazione vissuta possa essere accolta come un apprendimento e possiamo trasferire le esperienze del Cammino alla nostra vita.

Lo yoga, come il Cammino, ti permette di conoscere te stesso e come ti mostri davanti a te stesso e al mondo.

In entrambi i casi non sono altro che strumenti di conoscenza di sé e di crescita, che insieme formano un perfetto tandem per tornare al nostro centro, così dimenticato nella nostra vita quotidiana.

Di cosa avrete bisogno per praticare yoga sul Camino

Per la pratica dello yoga, tutto ciò di cui avete bisogno sono vestiti comodi, un tappetino e quei materiali che solitamente usate per facilitare la vostra pratica (cintura, blocchi, oli essenziali, sciarpa o scialle per la savasana).

Ma senza dubbio, la cosa più importante per la pratica dello yoga sei tu e quello che sei in quel momento. Dovrai sempre tener conto dello stato in cui ti trovi a svolgere la pratica, accettando chi sei, come sei e riconoscendo tutto ciò che accade dentro di te. Solo in questo modo sarete in grado di rendere il vostro corpo consapevole, permettendogli di manifestare tutte queste emozioni attraverso la pratica.

Per quanto riguarda i materiali, non dovete preoccuparvi del carico aggiuntivo, poiché se viaggiate con noi avrete un servizio di trasporto bagagli tra una tappa e l’altra. Si consiglia di utilizzare uno zaino da trekking, in quanto praticamente tutti hanno ormeggi per trasportare comodamente oggetti, come stuoie o sacchi.

Nella pratica che vi proponiamo durante il Cammino, ci riuniamo:

– Meditazioni all’alba
– Pranayama
– Saluto al sole
– Meditazioni al tramonto.
– Saludo a la luna
– Kriya.
– Pratiche di Hatha Yoga, Yin Yoga e Yin Yoga Riparativo

Ci sono molteplici rami e scuole di Yoga, ma lavoreremo con quelli che aiutano a completare le tappe del Cammino in modo integrativo. Quindi faremo pratiche non molto impegnative, dopo i chilometri percorsi alla fine di ogni tappa. Saranno pratiche di rilassamento e riparazione.

I benefici dello yoga sul vostro cammino

Benefici per il corpo.

Yoga all’inizio e alla fine dello stage: per iniziare la giornata di yoga, ci collega con il nostro corpo, quello strumento che ci permette di vivere esperienze magiche. Questa pratica agisce come un precedente riscaldamento per camminare, che insieme alla meditazione ci aiuta ad avere uno scopo nella fase e nella giornata. D’altra parte, la pratica della fine della giornata ci aiuterà ad assimilare meglio tutto ciò che abbiamo vissuto durante il giorno e a rilassare corpo e mente per un corretto riposo.

L’esercizio fisico del camminare vi farà sentire più forti, motivati e connessi.  Questo, combinato con un paio d’ore della giornata dedicata alla pratica, farà raddoppiare i benefici e porterà anche molta più intensità e chiaroveggenza alla vostra esperienza.

A livello fisico, la pratica ci aiuta a tonificare e flettere i muscoli, rafforzare le ossa, migliorare il sistema immunitario, regolare il metabolismo, ridurre i livelli di infiammazione, o migliorare la capacità polmonare attraverso la respirazione, tra le altre cose.

Vantaggi mente:

Sul piano mentale e spirituale: la pratica di questa disciplina vi aiuterà a capire o risolvere i problemi o le necessità che avete nella vostra testa. Lo yoga accelera i processi di comprensione di se stessi e della realtà, e quindi i processi di guarigione interiore.

Comprendere la realtà che porta con sé vi permetterà di comprendere voi stessi in particolare e come parte di un tutto. 

Promuove la capacità di rilassarsi, allevia lo stress, combatte l’insonnia, aiuta a controllare la rabbia, attacchi di panico e altre crisi. Riduce l’ansia e aumenta la creatività e le prestazioni lavorative.

Spirito dei benefici

Questa pratica vi aiuterà a concentrarvi, ad avere una maggiore concentrazione e a trovare il vostro equilibrio e il vostro posto in questa società. Ti dà gli strumenti per vivere con una maggiore presenza e consapevolezza, aiutandoti ad essere più lucido nel prendere decisioni. Imparerete ad agire secondo nuovi modelli di comportamento sano, rompendo con le vecchie abitudini tossiche o limitanti. Tutto questo ti rendera’ piu’ felice.

Per quanto riguarda l’ambiente, praticare yoga sul Camino de Santiago vi permetterà di sperimentare i benefici dello Yoga in luoghi privilegiati. Vi permetterà di capire attraverso la natura stessa, processi interni che vi aiuteranno a decodificare i messaggi incorporati in voi. La natura, come le persone che incontrerete, sarà lo specchio di ciò con cui volete vibrare, dove volete andare e ciò che dovete capire, per essere in armonia e coerenza con voi stessi e con il vostro ambiente.

Il contesto aiuterà a riconnettersi con il nostro essere e con l’insieme di cui facciamo parte. 

Il rapporto che avremo con le altre persone sarà completamente diverso come risultato della nostra pratica. Il percorso ci metterà in grado di dare e ricevere risposte a ciò che non riusciamo a capire o che è difficile da intravedere, quindi entreremo nel campo della ricerca di risposte alla nostra ricerca.

Sia che tu vada da solo o in gruppo, Viajes Camino de Santiago pianificherà il tuo Camino in un ambiente naturale tranquillo, rurale e idilliaco che ti permetterà di vivere l’indimenticabile esperienza del Camino de Santiago, da un livello di consapevolezza, permesso e apertura che ti aiuterà a guarire e crescere come persona.

Puntúa el Articulo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *