Via Primitiva Grandas de Salime

Informazioni su Grandas de Salime

Grandas de Salime è l’ultimo comune del Cammino Primitivo nelle terre asturiane. Si trova al confine con la Galizia, e a causa della sua vicinanza, molti dei suoi abitanti parlano galiziano.

Della sua storia più recente ricordiamo la costruzione del serbatoio di Salime. I lavori iniziarono alla fine del 1945 e lasciarono il villaggio di Salime sotto le sue acque. Un totale di 685 ettari è stato inondato; 1.995 fattorie con più di 3.000 appezzamenti di terreno, 25.360 alberi da legno, 13.800 alberi da frutta, 14.051 viti, 8 ponti, 5 piccole chiese, 5 cimiteri e diverse cappelle sono stati inondati.

Oggi, quando il bacino è basso, si possono ancora vedere i resti del vecchio villaggio devastato dalle acque.

Cosa vedere e fare a Grandas de Salime

Chiesa Collegiata di El Salvador

La chiesa primitiva risale al XII secolo, di cui si conserva l’antico portale romanico all’interno del tempio. La facciata ha tre colonne cilindriche e a spirale, circonda il fonte battesimale, l’acquasantiera e si conservano anche due doccioni. Sul muro sud ci sono due tombe romaniche sotto archi ogivali, e all’esterno c’è un’eccezionale sala capitolare che circonda il tempio.

La pala d’altare principale, incoronata dal Salvatore, è del XVII secolo. Si conservano alcune delle antiche immagini del tempio di Salime, scomparse sotto le acque del bacino . Sono degne di nota anche le piastre di ferro cesellato poste sulla porta interna, simili agli accessori di ferro della cattedrale di Lugo.

Chiesa Collegiata di El Salvador Grandas de Salime

Museo etnografico “Pepe el Ferreiro”.

Il Museo Etnografico di Grandas de Salime è un museo pubblico di carattere regionale, la cui missione è quella di raccogliere, custodire, conservare, incrementare, indagare, comunicare e diffondere il patrimonio etnografico materiale e immateriale delle comunità dell’Ovest delle Asturie.

Una visita molto interessante che ci mostrerà il modo di vivere delle famiglie dell’ambiente rurale asturiano nei decenni passati, in enormi strutture di circa 3.150 m², e attraverso più di 11.000 oggetti. Al suo interno sono rappresentati luoghi comuni nei villaggi: una taverna, un negozio di alimentari, un barbiere, un negozio di scarpe o una fucina, tra molti altri…

Museo Pepe el Ferreiro Grandas de Salime

Serbatoio di Grandas de Salime

Magnifica opera di ingegneria inaugurata nel 1954. La diga ha un’altezza di 132 m e la coda del bacino raggiunge i 36 km. Ci sono diversi punti di vista lungo il lato destro della strada, con belle viste sul lago artificiale. È adatto alla navigazione e alla pratica di tutti i tipi di sport acquatici. Ha un servizio di barche che collega il molo di Pénjamo con Villarpedre.

Serbatoio di Grandas de Salime

Fortezza e museo di Chao Samartín

Il Chao Samartín la cui proprietà è attualmente detenuta dal Comune di Grandas de Salimee è una delle Si tratta di siti chiave per capire come è nato il fenomeno “castreño” nel nord-ovest della penisola, l’ evoluzione del popolo che visse tra le sue mura e le relazioni che riuscì a stabilire con altri popoli.
L’origine di Chao Samartín come insediamento umano risale all’età del bronzo quando, intorno all’800 a.C., si stabilì un primo recinto fortificato nella sua spianata superiore. Durante l’Età del Ferro le sue difese furono rinnovate in diverse occasioni e in epoca romana divenne una prospera capitale amministrativa, fino a quando un terremoto distrusse la città nel II secolo d.C.

Castro Chao Sanmartin Grandas de Salime

www.grandasdesalime.es

Mapa de Grandas de Salime