La cosa normale quando viaggiamo ovunque, sia all’estero che in patria, è preoccuparsi della nostra sicurezza e conoscere i livelli di pericolo che esistono in ogni luogo per prendere le necessarie precauzioni. Nel caso del Cammino di Santiago, anche la sicurezza è un fattore che riguarda i pellegrini, soprattutto quelli che non hanno mai visitato la Spagna.

Ogni anno più di 300.000 pellegrini provenienti da tutto il mondo percorrono il Cammino di Santiago, e la maggior parte di loro si concentra nei mesi estivi. È quindi normale che di tanto in tanto si verifichi un incidente. Tuttavia, se non avete mai visitato la Spagna, sappiate che, come molti altri paesi europei, è uno dei paesi più sicuri al mondo in cui viaggiare. 

Dal 2015, il Governo spagnolo, la Xunta de Galicia e i Consigli Provinciali della Galizia lavorano insieme per creare una Commissione per la sicurezza stradale del Cammino di Santiago. Questa commissione ha lo scopo di garantire la tranquillità del pellegrinaggio sui nove itinerari che raggiungono Santiago de Compostela.

D’altra parte, la Guardia Civile e la Polizia hanno speciali dispositivi di sorveglianza sul Cammino durante tutto l’anno. In estate è frequente incontrare il reparto di cavalleria della Guardia Civile nelle zone meno accessibili del Cammino di Santiago.

Unidad de Caballeria Camino de Santiago

Campagna nazionale per la prevenzione e la sicurezza sul Cammino di Santiago

 La Guardia Civil ha sviluppato una Campagna Nazionale di Prevenzione e Sicurezza rivolta ai pellegrini che percorrono il Cammino di Santiago tra il 2020 e il 2021. 

Le forze di sicurezza dello Stato hanno messo a disposizione del pubblico il seguente decalogo di buone pratiche che rafforzeranno la vostra sicurezza sul Cammino di Santiago.

Al vostro fianco gli Alertcop

L’applicazione gratuita della Guardia Civil e della Polizia Nazionale. Dispone di molteplici utility ed è possibile comunicare qualsiasi allarme o emergenza dal proprio dispositivo mobile in tempo reale. La vostra posizione viene inviata automaticamente ai centri operativi della polizia e sarete rapidamente localizzati e assistiti.

 Potete scaricare l’applicazione Alertcops qui: https://alertcops.ses.mir.es/miarertcops/

Vedi sempre identificato

Portate con voi la carta d’identità o il passaporto e mostratelo su richiesta dell’autorità competente, nel caso in cui siate sollecitati a farlo.

Tenete d’occhio le vostre cose

 In particolare effetti personali, dispositivi elettronici (cellulare, tablet, computer, macchina fotografica), documentazione, denaro e oggetti di particolare valore. Soprattutto in luoghi senza sorveglianza, in transito o con un grande afflusso di persone. Non visualizzarli inutilmente. Viaggiare leggeri. Non portate grandi quantità di denaro contante e distribuitelo tra l’attrezzatura e i vostri vestiti abituali, in luoghi di difficile accesso come le tasche interne. Scrivete i codici di sicurezza PIN, PUK e IMEI del vostro cellulare.

Meglio in compagnia e durante il giorno

 L’esperienza sarà ancora più indimenticabile se la condividerete durante il viaggio. Evitate di camminare da soli (soprattutto se siete più grandi) e, se possibile, tra i mesi di novembre e marzo. Cercate di viaggiare durante il giorno e di riposare o di fare visite culturali durante i giorni in condizioni meteorologiche sfavorevoli.

Che la vostra passeggiata non lasci tracce

Rispetta l’ambiente, qualcosa di inestimabile e insostituibile. Utilizza le strutture per il deposito di immondizia, rifiuti e altri rifiuti. Non raccogliere esseri viventi (flora, fauna) o elementi del paesaggio. Campeggio in aree autorizzate e qualificate. Non fare iscrizioni, segni o dipinti su pietre, alberi, pietre miliari, cartelli informativi o qualsiasi altro elemento o segno naturale. Non accendere fuochi in montagna, non gettare mozziconi di sigaretta indiscriminatamente e stare attenti se si osserva una situazione di rischio o un tentativo di appiccare un incendio. Rispettare la proprietà privata e i vicini e la gente del posto, senza alterare il loro stile di vita. Siate educati anche con gli altri pellegrini.

Diffidare degli estranei

Soprattutto se si avvicinano troppo a voi con una scusa qualsiasi (come fare una domanda o offrirsi di aiutarvi con il peso delle vostre cose) o se vi urtano in modo casuale. Inoltre, non fidatevi di chi raccomanda scorciatoie, punti di interesse o servizi fuoristrada.

Come se fosse casa tua

Si occupa delle strutture comuni (ostelli, punti di informazione, aree di riposo e di ristoro), delle pietre miliari, delle fontane, della segnaletica, dei pannelli informativi e di altri indicatori di direzione. Lasciate tutto come l’avete trovato: chi vi segue vi sarà grato.

Conserva il patrimonio storico e artistico

E’ da parte di tutti noi. Qualunque sia la sua posizione o la sua rilevanza. Aiuta a trasmettere l’eredità del passato e del presente da trasmettere alle generazioni future. Informare le autorità se si osserva un deterioramento o l’intenzione di commetterlo. Non infliggere alcun danno e non saccheggiare questa ricchezza comune.

Seguire il cartello giallo, rispettare le regole della strada e mostrarsi

La conchiglia, la stella o la freccia segnerà la via da seguire. Non avventuratevi in percorsi o scorciatoie diverse, remote o non segnalate. Né da PR o GR. Se utilizzate le strade convenzionali, rispettate le regole della strada, prendete precauzioni estreme e rendetevi visibili in ogni momento per mezzo di riflettori o di indumenti luminosi. Camminate sempre su sentieri segnalati; se siete al limite, camminate a sinistra e in fila indiana. Non attraversare la strada in curva o al cambio di livello senza visibilità. Se si va in bicicletta o a cavallo, si pedala sulla spalla dura o il più vicino possibile alla destra, si indossa il casco e non si guida in branco.

Sanno dove sei?

Assicuratevi che la vostra famiglia e i vostri amici sappiano spesso dove vi trovate. Portate sempre con voi un dispositivo di comunicazione mobile – con una batteria sufficiente – che vi permetta di essere localizzati e con il quale potrete avvertirli di qualsiasi emergenza, propria o altrui. È possibile utilizzare un dispositivo di tracciamento e geolocalizzazione, come quelli disponibili per gli escursionisti o il Guardian dell’applicazione ALERTCOPS.

Proteggi la tua casa mentre sei via

Non informate gli estranei o in luoghi pubblici della vostra intenzione di fare la El Camino. Né durante la sua realizzazione attraverso i social network.

Che bel piano!

Pianificate il vostro itinerario con largo anticipo e lasciate il meno possibile al caso: dalle previsioni del tempo alla rete di alloggi, alle prenotazioni, alle autorizzazioni, alle distanze, alla difficoltà, ai luoghi di riposo, ai punti di ristoro o ai luoghi di interesse.

Misurate la vostra forza ed evitate gli eccessi

Siate consapevoli delle vostre possibilità, del vostro stato di salute e della vostra condizione fisica. Mangiate in modo corretto e smettete di camminare quando sentite che le vostre forze vi abbandonano. Non assumere rischi e non sottoporsi a sforzi eccessivi, a pratiche rischiose o all’uso di droghe. Non abusate nemmeno dell’alcol.

In caso di emergenza o di sospetto, chiamare

In qualità di vittima, parte lesa o testimone, avvertire il numero universale (emergenza sanitaria, vigili del fuoco, sicurezza dei cittadini 112) o le forze di sicurezza: CIVIL GUARD (062), Polizia Nazionale (091), Polizia Locale (092). Sono gratuiti.

Seguridad en el Camino de Santiago

Sono sicuro che ti interesserà anche tu: