Tutte le strade portano a Roma”. Questo vecchio detto, ben noto a tutti, è perfettamente applicabile oggi con Santiago de Compostela. Dopo la scoperta della tomba dell’Apostolo, il Cammino è stato percorso per centinaia di anni da pellegrini provenienti da tutto il mondo lungo i suoi quanti chilometri. Da allora, i vecchi sentieri del continente europeo sono emersi con la stessa destinazione, Santiago. Fu dalla costruzione della cattedrale che si moltiplicarono i pellegrinaggi e si consolidò l’odierno Camino de Santiago.

Dobbiamo tener presente che non esiste un unico itinerario, a seconda del punto di partenza possiamo scegliere tra decine di itinerari, ognuno con la propria storia e tradizione. Ci sono più di 60 rotte in Spagna e molte altre nel resto d’Europa. In questo articolo presentiamo i percorsi preferiti dei pellegrini in cammino verso Santiago.

Che cosa deve essere un percorso per essere una delle vie di Santiago?

Anche se il Cammino di Santiago può partire da molti punti, per poter essere considerato uno degli itinerari storici di Santiago è necessario rispettare una serie di fattori. A tal fine sono stati stabiliti alcuni criteri, che sono i seguenti:

– Ci devono essere prove del percorso storico, sia nella cartografia antica che nel suo utilizzo.
L’esistenza storica di ospedali, ponti e persino leggende giacobine del percorso.
– La documentazione storica del passaggio dei pellegrini.
– Possiamo anche aggiungere il passaggio attraverso i villaggi legati al percorso giacobino e al suo simbolismo e alla sua storia.

I DIVERSI PERCORSI

Esiste una vasta gamma di strade ufficiali per Santiago che attraversano la penisola, più di cinquanta sono state documentate. Ma quanti chilometri sono necessari? Di seguito riportiamo in dettaglio i percorsi più antichi, che attualmente accolgono il maggior numero di pellegrini:

La via francese

Questo percorso è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e Itinerario Culturale Europeo dal Consiglio d’Europa. È per eccellenza il più famoso e affollato di tutti. È considerato il percorso meglio segnalato e presenta molti vantaggi per il pellegrino, come la qualità e la varietà degli alloggi, tutti i tipi di servizi e una ricca offerta di monumenti e paesaggi. Ha il suo punto di partenza a Saint Jean Pied de Port (confine franco-spagnolo) anche se il punto più popolare per iniziare questo percorso giacobino è Sarria (Lugo) che si trova a circa 110 Km da Santiago.

Il Cammino francese consiste di circa 800 chilometri, che possono essere completati in circa 30 giorni. Se non si dispone di così tanto tempo altri punti di partenza popolari sono: Ponferrada (12 giorni), León (9 giorni), O Cebreiro (8 giorni) o da Sarria (5 o 6 giorni) che offre il numero minimo di quanti chilometri sono necessari per ottenere la Compostela.

La Cammino Portoghese

Il Cammino Portoghese è il secondo percorso più popolare per i pellegrini. Riunisce un gruppo di percorsi che partono da diverse parti del Portogallo, entrando sempre in Galizia attraverso la città di Tui. Il fatto di accogliere ogni anno un numero maggiore di pellegrini l’ha trasformata in un percorso che offre tutti i servizi e la varietà di alloggi di cui un pellegrino può aver bisogno.

Questo itinerario consiste in circa 600 chilometri che partono dalla capitale portoghese e attraversano città come Coimbra, Mealhada, Águeda, Oporto, Barcelos, Ponte de Lima, Rubiães o Valença do Minho. Una volta in terra galiziana, l’itinerario attraversa luoghi emblematici come O Porriño, Redondela, Pontevedra, Caldas de Reis o Padrón prima di raggiungere Santiago de Compostela. In totale sono necessari circa 21 giorni per percorrere i 600 chilometri. Per i pellegrini che non hanno molto tempo a disposizione, Tui è il punto di partenza poiché, come Sarria nella sezione francese, offre la distanza minima necessaria a viaggiare per ottenere la compostela.

Quieres hacer el camino de santiago y no sabes por donde empezar

La via del Nord

Il percorso ufficiale del Camino del Norte è quello che si snoda lungo la costa settentrionale della Spagna. Entra in Galizia attraverso la città di Ribadeo fino a raggiungere il Cammino Francese negli ultimi chilometri. Questo percorso si distingue per essere uno dei più antichi e preferiti dai pellegrini più esperti.

Ma quanti chilometri sono necessari? Ha una distanza simile a quella del Cammino Francese, con circa 815 chilometri, suddivisi in 32 tappe. Irún è il punto di partenza di un percorso che attraversa città importanti come Santander, Bilbao, San Sebastián e Baamonde. La sua grande bellezza ha portato al suo riconoscimento come patrimonio dell’umanità.

La via primitiva

Probabilmente la strada più antica, da cui il nome. Storicamente, ha raggiunto la sua fama dopo essere stato costruito da Rey Alfonso II il Casto. Condivide sia con la Via del Nord che con la Via Francese. È un percorso abbastanza impegnativo e meno battuto. Compensa la mancanza di servizi e di alloggio con gli incredibili paesaggi che offre ai suoi pellegrini.

Si tratta di 321 chilometri in totale suddivisi in 11 tappe con partenza da Oviedo. Attraversa città come Grado, Salas, Tineo, Borres, Pola de Allande La Mesa, Grandas de Salime, Fonsagrada, Cádavo Baleira, Lugo e Palas de Rei. Da questo punto proseguiremo lungo il percorso francese. Se vogliamo fare il numero minimo di quanti chilometri sono necessari per ottenere la compostela sul percorso primitivo, dovremo partire da Lugo.

La via inglese

Il Cammino di Santiago più breve di tutti. Prende il nome dai tempi antichi quando i pellegrini di origine britannica entravano nella penisola in due punti: Ferrol o A Coruña. È un percorso meno frequentato, consigliato a quei pellegrini che conoscono già altre vie e vogliono esplorare i sentieri meno battuti.

Ma quanti chilometri sono necessari? La distanza della via inglese da Ferrol sarà sufficiente per ottenere la meritata Compostela, 110 chilometri percorsi in 5 o 6 giorni. Se partiamo da A Coruña non raggiungeremo il minimo di 100 Km. Entrambe le vie convergono a Bruma dove si uniscono a Santiago de Compostela.

Il percorso dell’argento

Storicamente questa via era una via di comunicazione di epoca romana che collegava Astorga con Merida. Diversi fatti della storia hanno fatto sì che questo percorso abbia subito modifiche ed espansioni. Oggi si può partire dal sud della Spagna, in particolare da Sevilla. Condivide gli ultimi chilometri con la strada francese. Le lunghe distanze, il clima e la scarsità di alloggi in alcuni luoghi ne fanno un percorso non adatto a tutti i pellegrini.

Questo itinerario ha un percorso di 705 chilometri, circa 26 giorni con partenza da Siviglia e passando per luoghi di grande storia come Merida o Salamanca. Ci sono due punti d’ingresso in Galizia, sia in coincidenza con il percorso francese ad Astorga, sia, se lo preferiamo, possiamo scegliere di collegarci con il Cammino Sanabrés da Ourense, quest’ultima è l’opzione più consigliata se si vogliono percorrere i 100 chilometri necessari per ottenere la Compostela in 5 o 6 giorni.

Agencia de viajes especialista en el camino de santiago

ALTRE PERCORSI…

Oltre ai percorsi già citati, vale la pena di notare che ce ne sono molti altri, tra cui le diverse varianti di ogni strada. Altri percorsi documentati sono:

– La via Sanabres (369 km)
– La Via Aragonese (178kms)
– La via mozarabica. (Da Almeria a Merida 618 kms)
– Via Augusta (da Cadice a Siviglia 171 km)
– El Camino del Sur (Da Huelva a Zafra 186kms)
– La Via Catalana (circa 494 kms da San Pedro)
– El Camino del Ebro (Dal Delta dell’Ebro a Logroño 453 km)
– El Camino de Madrid (Da Madrid a Sahagún 324kms)

Questi sono alcuni degli oltre 50 caminos che esistono in territorio spagnolo senza contare quelli che si trovano nel resto d’Europa. Conoscete uno di questi itinerari? Volete maggiori informazioni? Volete che vi aiutiamo ad organizzare il vostro viaggio? In caso affermativo, lasciateci il vostro commento o contattateci direttamente al numero 981966846.