Arrivare a Santiago con i bambini

Sono sicuro che tutti i genitori avventurosi e amanti della natura si sono chiesti se sarebbe stato possibile fare il Cammino di Santiago con i bambini. La risposta è un sonoro sì! Fare il Cammino di Santiago con il più giovane della casa ha molti vantaggi per tutti.

Nelle righe seguenti vi diciamo tutto quello che dovete sapere per realizzare questa avventura. Prendete nota, mamme e papà!

Un’esperienza arricchente per i più piccoli

 

Fare il Cammino di Santiago con i bambini è un’esperienza che arricchisce tutti. Ma senza dubbio, quelli che più beneficiano dell’avventura sono i più piccoli.

Anche se non esiste un’età minima per il Cammino, se i bambini hanno 3 anni o più, meglio che meglio! Potranno essere consapevoli di ciò che li circonda e godersi l’esperienza molto di più. Inoltre, a partire da questa età i bambini sono in una fase di scoperta e di interazione con l’ambiente che li circonda, quindi le attività che permettono loro di ampliare i contatti con il mondo sono molto positive per il loro sviluppo personale.

Camminare insieme incoraggerà l’interazione e rafforzerà i legami familiari. Siamo tutti consapevoli del fatto che ogni giorno, a causa del lavoro e di una moltitudine di obblighi, non sempre trascorriamo con i nostri figli tutto il tempo che vorremmo. Proprio per questo, esperienze come quella del Cammino sono molto positive per la famiglia. Questa avventura vi permetterà di riconnettervi con i bambini e di partecipare al loro apprendimento in modo molto attivo.

Apprendere divertendosi

Esperienze come il Cammino insegnano molte cose ai bambini. Oltre alle conoscenze teoriche e pratiche sulla storia, il patrimonio o la natura e l’ambiente, i bambini imparano valori come la solidarietà, il rispetto, la convivenza, lo sforzo e l’equità. Questa educazione morale dall’ambiente familiare è molto importante per il loro sviluppo e la loro formazione personale.

Interazione con gli altri

Un altro potenziale del Cammino è che permette ai bambini di interagire con gli altri e di fare amicizia con i quali possono camminare e giocare. Se per gli adulti le relazioni personali generate durante il Cammino sono incredibili e intense, immaginate come sono per i bambini!

Sembra che vi abbiamo già dato qualche buon motivo per osare il Cammino con i bambini! Quindi ora vi diremo tutto quello che dovete sapere su come pianificare e organizzare l’avventura.

Come pianificare il percorso con i bambini?

Quale percorso scegliere?

Quando si pianifica il Cammino con i bambini, una delle cose da considerare è quale Via scegliere. Quando si cammina con i bambini è meglio scegliere un Cammino che abbia poche tappe brevi e che sia più fornito di servizi durante il viaggio. Man mano che invecchiamo, dovremmo considerare i percorsi più facili, dove il terreno è più favorevole. Buone opzioni sono la via francese da Sarria in sei tappe o la via portoghese da Tui.

Ricordare che anche i bambini devono prepararsi

Come gli adulti, anche i bambini devono prepararsi fisicamente prima di intraprendere il Cammino. Così si sa, dovrebbe utilizzare scarpe comode che non sono nuovi e andare a camminare con voi per prepararsi.

È importante motivarli quotidianamente e metterli alla prova in ogni fase. Per mantenerli motivati, potete affidare loro delle responsabilità, come il compito di guidarvi tutti ad arrivare senza perdervi alla fine del palco. Saranno sicuramente molto concentrati seguendo le frecce gialle!

Come preparare i bambini ogni giorno?

I bambini dovrebbero essere sempre a proprio agio e sentirsi leggeri per camminare. Potete preparare loro un piccolo zainetto con acqua e un pezzo di frutta per la passeggiata, ma è importante che non portino alcun peso. Poiché è necessario trasportare la maggior parte del peso per la realizzazione del palco, si consiglia di effettuare il Cammino con la possibilità di trasportare i bagagli.

Se avete intenzione di percorrere il Cammino con un bambino piccolo o un neonato, dovreste prendere uno speciale carrello da montagna nel caso in cui il bambino si stanchi o il percorso si complichi in un solo tratto. Si consiglia di prendere un marsupio da alternare al carrello.

Dove dormire con i bambini?

Quando si fa il Cammino con i bambini è consigliabile soggiornare in ostelli o hotel. Alloggi tranquilli dove è possibile avere privacy e l’uso di servizi come i bagni, privati.

Siete pronti ad avventurarvi con i piccoli in casa? E se la tua famiglia ha un amico peloso, ecco tutto quello che devi sapere per includerlo nell’avventura!
Se avete già percorso il Cammino con i vostri figli, raccontatecelo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *