I 980 km dell’itinerario d’argento in bicicletta vi permetteranno di attraversare la Spagna da sud a nord passando per 4 diverse comunità autonome. Un viaggio di contrasti in cui vi meraviglierete dei bei cambiamenti di scenario. Pedalerete attraverso i tipici pascoli andalusi e dell’Estremadura, attraverso oliveti, alberi da frutta, campi di cereali e prati castigliani. Una volta in Galizia, attraverserete le montagne galiziane scoprendo boschi di vegetazione atlantica di grande valore fino a raggiungere la meta, Santiago de Compostela.

Precio
Da
950€

Itinerario di viaggio

La città della Giralda è senza dubbio uno dei luoghi più belli del sud della Spagna. Il centro storico della capitale dell’Andalusia è considerato la più grande delle città spagnole, e in esso si possono visitare impressionanti siti del patrimonio come la Cattedrale, l’Alcazar o la Giralda. La Torre del Oro e la Plaza de España sono anche elementi del patrimonio che non si possono perdere.

Siviglia è una grande città, quindi le possibilità di cosa vedere e fare a Siviglia sono molto alte, rendendola un inizio perfetto per questa Via de la Plata in bicicletta. Quindi, vi consigliamo che se avete solo un giorno per visitare, vedere i principali siti del patrimonio, e poi rilassarsi e godersi. Passeggiare per la città è un buon modo per conoscere la sua realtà, lasciarsi sedurre dalla sua ricca gastronomia sotto forma di “tapas” e dall’arte della sua gente.

Inizierete questa Via de la Plata in bicicletta lasciando la città attraverso la piazza Puerta de Triana e attraversando il fiume Guadalquivir, e continuerete verso Santiponce dove potrete visitare i resti dell’antica città romana di Italica. In seguito si continuerà verso Guillena e il prato di Cortigo del Chaparral, per arrivare alla fine della tappa a Castilblanco de los arroyos.

A Castilblanco de los Arroyos, paese citato da Cervantes nel suo romanzo “Las dos doncellas”, si possono visitare edifici religiosi di origine mudéjar, come la chiesa del Divino Salvador. Questo piccolo villaggio sulla strada tra le province di Siviglia e Cordoba, si trova ai piedi della Sierra del Pedroso. Per quanto riguarda la gastronomia locale, spiccano ricette tradizionali come il coniglio in salmorejo, “las venteras” o “migas”; piatti molto nutrienti con i quali si possono recuperare le forze.

Seguiamo questa Via de la Plata in bicicletta in questa tappa dove i primi chilometri correranno lungo la strada, quindi raccomandiamo estrema cautela. All’altezza di El Berrocal, la strada entra in un prato e poi raggiunge Almadén de la Plata, un piccolo villaggio bianco. Da qui si prosegue lungo il Camino Viejo de Almadén de la Plata fino a El Real de la Jara. Sei nella parte più occidentale della Sierra Norte de Sevilla, quindi le piste ti accompagneranno durante questi chilometri. Lungo la strada troverete un castello medievale del XIV secolo e sulla vostra destra, attraverserete il torrente della vipera, entrando nelle terre dell’Estremadura per raggiungere Monesterio.

Monesterio ha un centro d’interpretazione della Vía de la Plata che vale sicuramente la pena visitare. A livello monumentale, si può visitare la Chiesa di San Pietro Apostolo. Questo villaggio, situato nella terra del prosciutto e dei pascoli, ha un museo del prosciutto. A Monesterio godrete di una ricca gastronomia a base di carne di selvaggina e prosciutto iberico.

Durante questa tappa pedalerai attraverso pascoli e sentieri sterrati in un ambiente senza popolazione. Continuerete lungo la strada per Calera de León, attraversando paesaggi di cereali e campi, fino a raggiungere il villaggio di Fuente de Cantos. Da questo villaggio continuerete il vostro cammino verso Zafra, passando per i villaggi di Calzadilla de los Barros e Puebla de Sancho Pérez.

Zafra è una città che ha vissuto la Riconquista da una posizione strategica. Ne sono un buon esempio i suoi resti difensivi medievali, conservati ancora oggi. La città medievale di Zafra è stata dichiarata sito storico-artistico, poiché possiede una muraglia di cui si conservano ancora tre porte, oltre a un vasto patrimonio. Vi consigliamo di visitare l’Alcazar de los Duques de Feria, la collegiata di La Candelaria o la Casa del Aljímez, tra gli altri. Per un momento di svago, cibo e riposo, si può andare alle Plazas Chica e Grande, la zona più suggestiva del villaggio.

Inizierai il tuo cammino da Zafra salendo verso l’Alto de San Cristóbal, per poi scendere a Los Santos de Maimona. Continuerete lungo una strada sterrata circondata da oliveti e vigneti fino a raggiungere il villaggio di Villafranca de los Barros. Da qui, la tappa continua lungo sentieri sterrati e la strada per El Chaparral. In seguito si può fare una deviazione per passare da Almendralejo o continuare fino a Torremejía. Da Torremejía il percorso si snoda attraverso campi lungo le rive del Guadiana fino a raggiungere Mérida.

Merida è una città molto storica che fu fondata dall’imperatore romano Augusto nel I secolo a.C. Il suo sito archeologico è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1993. A causa della sua origine romana, la città ha posseduto una moltitudine di monumenti di questa cultura durante la sua storia, alcuni dei quali sono ancora oggi molto ben conservati. Vi consigliamo di visitare tra gli altri: il ponte, il teatro, il circo, l’anfiteatro o l’arco di Traiano. Se sei anche appassionato di arte e storia, sei nella città perfetta; qui puoi visitare il Museo di Arte Romana e il Museo di Arte Visigota.

Lascerete Mérida avvicinandovi all’acquedotto romano e continuerete su sentieri in direzione di El Carrascalejo. Continuerai a pedalare su piste sterrate, attraversando luoghi come Aljucén ed entrando nel Parco Naturale di Cornalvo. Continuerete attraverso Alcuéscar e pedalerete attraverso boschi di ulivi e lecci. In seguito, il sentiero correrà parallelo alla strada nazionale e passerà per due pietre miliari e un ponte romano (torrente Santiago), prima di raggiungere Valdesalor.

Valdesalor sarà il tuo arrivo di tappa, per evitare la salita al passo Las Camelias come tratto finale verso Cáceres. A Valdesalor potrai godere di un ambiente tranquillo e rilassato dove potrai riposare e prepararti per la prossima tappa.

Inizierete la giornata di oggi scalando il passo di Camelias. In seguito attraverserete un campo aperto prima di entrare nella città di Cáceres. Si può cogliere l’occasione per fare una sosta a Cáceres e conoscere la città, dato che ha un campione di architettura storica, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Da Cáceres si arriva alla città di Casar de Cáceres, si attraversa il fiume Tajo e si passa per il lago artificiale di Alcántara. Il percorso continuerà attraverso la Sierra de Arco e si attraverserà il ponte di San Benito fino a raggiungere Cañaveral.

A Cañaveral potrai conoscere la realtà storica dei villaggi di questa zona, attraverso la loro architettura tipica sotto forma di case ancestrali. Per quanto riguarda il suo patrimonio religioso, si può visitare un esempio di architettura tardo gotica nella chiesa di Santa Marina. Il comune ha anche una scultura medievale della Vergine e del Bambino nel Santuario di Nuestra Señora de Cabezón, di incredibile valore storico. Naturalmente, a Cañaveral si può ancora godere della meravigliosa gastronomia dell’Estremadura.

Ritornerete sulla strada passando per Grimaldo, per continuare lungo un sentiero circondato da boschi di querce da sughero fino ad arrivare a Riolobos. Poi arriverete a Galisteo e farete il giro di questo bel villaggio lungo le sue mura, per continuare a pedalare verso la strada per Plasencia. Alla fine del percorso si passa per Aldehuela del Jerte, Carcaboso e la città romana di Cáparra, prima di arrivare alla fine della tappa ad Aldeanueva del Camino.

Prima di raggiungere Aldeanueva del Camino, si passa sul ponte romano conosciuto come Garganta Buitrera. Per quanto riguarda il patrimonio, si possono visitare le chiese di Nuestra Señora del Olmo e San Servando, risalenti al XV secolo.

Sei già all’equatore della tua Via de la Plata in bicicletta. La giornata inizia attraversando di nuovo la Garganta Buitrera per prendere la direzione di Baños de Montemayor, un luogo che deve il suo nome all’esistenza di antiche terme romane nel suo territorio. Poi lascerai l’Estremadura ed entrerai in Castilla y León attraverso il passo di Béjar, arrivando a La Calzada de Béjar. Negli ultimi chilometri della tappa ti dirigerai verso Fuenterroble de Salvatierra passando per Valverde de la Casa e Valdelacasa.

Fuenterroble de Salvatierra è una località molto legata culturalmente alla Vía de la Plata, infatti, ospita un Parco tematico di questo percorso che fa parte del Centro di Interpretazione della Vía. Si può anche visitare il tempio di Santa María de la Blanca, in stile gotico del XV secolo, e l’eremo del Cristo del Socorro. Tra i suoi cibi tradizionali, potrete assaggiare le famose salsicce di Salamanca e il prosciutto di Guijuelo.

In questa fase la natura sarà la protagonista. Si pedala per quasi 30 chilometri senza incontrare nessun paese, pedalando attraverso i pascoli e salendo al Pico de la Dueña, fino ad arrivare a San Pedro de Rozados. Da questa città seguirete la strada verso Morille e Miranda de Arzán, fino alla fine della vostra tappa: Salamanca.

Salamanca è una città bella e storica dove ci si può rilassare e divertire. Tra i suoi numerosi monumenti e luoghi da non perdere, vi consigliamo di visitare la Plaza Mayor e il complesso della cattedrale, l’edificio storico dell’Università, la Casa de las Conchas o le Torres de la Clerecía. Gastronomicamente vi meraviglierete della cucina tradizionale di questo luogo, dove non dovete perdere il prosciutto, le carni, i formaggi e gli insaccati di Salamanca.

Lascerete Salamanca in direzione di Aldeaseca de la Armuña, continuando verso Castellanos de Villiquera. Continuerete su piste sterrate verso Calzada de Valdunciel, dove potrete visitare un Centro d’Interpretazione delle Strade Storiche. In seguito si arriverà a Cubo del Vino, dopo 35 chilometri di tappa, quindi questo sarà un buon posto per fare una sosta. Da qui la strada continua quasi interamente in pianura tra sentieri sterrati, il che la rende un tratto molto rilassante. Passerete per Villanueva de Campeán prima di raggiungere Zamora.

Zamora è una città che conserva un grande patrimonio romanico medievale. Nel suo centro storico, si possono visitare luoghi come il Castello, la Cattedrale, la Plaza Mayor e El Merlú, il Ponte di Pietra, la chiesa di San Juán Bautista, e naturalmente le sue mura, con la Puerta del Obispo de Olivares. Dopo aver passeggiato per le strade e visitato il suo patrimonio, si può venire a riposare e avere qualche buon pinchos in uno dei bar della parte vecchia della città.

In questa tappa pedalerai attraverso la classica campagna castigliana, verso Roales del Pan e Montamarta. Attraverserete il villaggio disabitato di Castrotorafe, un’antica città medievale conosciuta come “Zamora la Vieja”. Dopo si arriva a Granja de Moreruela e si continua a salire in latitudine, seguendo il percorso del Cammino di Sanabrés, fino ad arrivare a Santa Marta de Tera, dove si unisce alla Vía de la Plata in bicicletta.

A Santa Marta de Tera si può conoscere la storia del Camino Sanabrés nel suo museo omonimo. Qui si trova anche quello che è conosciuto come il tesoro del Camino Sanabrés, una scultura molto antica di San Giacomo Pellegrino che si trova nella chiesa romanica di Santa Marta de Tera, risalente al IX secolo. Fu dichiarato Monumento Storico e Artistico Nazionale nel 1931 e attualmente è considerato un Bene di Interesse Culturale.

In questa tappa inizierai a pedalare accompagnato dalla vegetazione fluviale del fiume Tera, in direzione di Calzadilla de Tera. In seguito si passa attraverso i villaggi di Villar de Farfón, Río Negro del Puente e Mombuey, quest’ultimo è un luogo perfetto per fare una pausa durante il percorso. Lascerete Mombuey attraversando sentieri boscosi fino a Valdemerilla e Cernadilla. Una volta arrivati a Palazuelo continuerete lungo sentieri e strade forestali, attraversando diversi villaggi fino a raggiungere la fine della tappa a Puebla de Sanabria.

Puebla de Sanabria è un bel villaggio dove si può scoprire la struttura e l’architettura tipica delle case di questa zona. Bisogna visitare il Castello dei Conti di Benavente, uno dei meglio conservati in Spagna, e la chiesa di Nuestra Señora del Azogue. Se avete abbastanza forza in questa giornata vi consigliamo di visitare il Parco Naturale del Lago Sanabria.

In questa tappa iniziano i pendii e le viste panoramiche montuose, che indicano che ci si sta avvicinando alla frontiera con la Galizia. Il tuo percorso passerà attraverso zone boscose e strade, passando per i villaggi di Requejo e Padornelo, ad un’altitudine di 1.300 metri. Da qui continuerete fino a Lubián, situato nell’Alta Sanabria, dove potrete contemplare la valle glaciale di Fraga de Osa. Il Cammino continua attraverso il comune di A Mezquita, già in terra galiziana, fino a raggiungere A Gudiña.

In A Gudiña, potrete conoscere l’architettura tipica dei villaggi delle montagne della Galizia orientale, conoscere l’artigianato tipico del luogo e godere per la prima volta in tutto il modo la ricca gastronomia galiziana. Coraggio pellegrini, la meta è sempre più vicina.

Partirete da A Gudiña in direzione di Laza, passando per diversi villaggi abbandonati di Serra Seca. Il tuo percorso continuerà attraverso le montagne dell’entroterra galiziano e ogni chilometro scoprirai la realtà di questa zona. Si arriva a Vilariño de Conso e poi al villaggio di Campobecerros (Castrelo do Val), situato molto vicino al Parque Natural do Invernadoiro. Il Cammino vi porterà a Laza, un villaggio con una grande tradizione di “entroido” (carnevale) in Galizia. Da Laza, salirai la montagna Requeixada fino ad Alberguería e poi il percorso andrà da Vilar de Barrio attraverso sentieri boscosi che ti porteranno alla valle di Allariz. Il paesaggio sarà ora dominato da granai e coltivazioni fino ad arrivare a Xunqueira de Ambía.

A Xunqueira de Ambía si può visitare la collegiata di Santa María la Real, fondata nel X secolo, e anche la sua chiesa romanica, che ha un organo del XVIII secolo. Ma soprattutto, potrete godere del paesaggio e del meraviglioso ambiente naturale che vi circonda.

In questa giornata vi dirigerete verso Ourense e arriverete in città con circa 20 chilometri nelle gambe. Vi consigliamo di fare una sosta qui e conoscere questa bella città. In seguito, continuerete verso Cea, dove potrete comprare uno dei suoi famosi e saporiti pani a denominazione d’origine, e proseguirete verso Castro Dozón, la vostra fine della tappa.

Vi consigliamo di riposare alla fine di questa tappa e andare a letto presto per iniziare l’ultima tappa il giorno dopo il più presto possibile, e sfruttare al massimo la giornata a Santiago de Compostela.

Oggi vi imbarcherete nella vostra ultima tappa. Inizierete la passeggiata partendo da Dozón verso A Laxe. Da qui attraverserete il fiume Deza fino a raggiungere la città di Silleda. Ti muoverai attraverso una zona molto più popolata di quando entri in Galizia, e scoprirai piccoli villaggi ad ogni pedalata fino a raggiungere Outeiro, nella provincia di A Coruña. Da Outeiro si va a Boqueixón e si continua lungo il Camiño Real fino ad Angrois. Infine, entrerete a Santiago de Compostela attraverso il quartiere di Sar e dopo aver scalato il pendio di Castrón Douro, entrerete nel centro storico della città attraverso l’Arco di Mazarelos. L’agognata meta è a pochi minuti: la Plaza del Obradoiro.

Sei arrivato a Santiago de Compostela, la città dove la pioggia fa magia sulle pietre bagnate. Dopo aver timbrato le tue credenziali in ogni tappa e aver raccolto i tuoi Compostelas, dopo tutto lo sforzo, dovrai goderti la città, te lo sarai guadagnato. Ci auguriamo che vi piaccia passeggiare per il centro storico, gustare una birra fresca accompagnata da una deliziosa tapa, ballare e cantare in una foliada, o assaggiare alcuni dei suoi liquori tradizionali, tra le mille e una cosa che questa piccola ma grande città ha da offrire.

Congratulazioni! Hai completato la tua Via de la Plata in bicicletta. Quest’ultimo giorno sei in carica, puoi tornare a casa o goderti un altro giorno a Santiago riposando le gambe dopo tanto pedalare. Ed è proprio così, quanto è bella Compostela.

Sapevi che tutte le strade finiscono a Finisterre? Se avete voglia di pedalare, vi incoraggiamo a completare i 90 chilometri che separano Santiago da Finisterre. L’itinerario più magico e spirituale che nasconde veri e propri tesori come Ponte Maceira, uno dei villaggi più belli della Spagna o lo straordinario tramonto del faro di Finisterre.

Mappa del cammino

Tipo di alloggio

Dettagli

Servizi inclusi

18 giorni / 17 notti alloggio18 giorni / 17 notti alloggio
Trasferimento dei bagagli durante le tappeTrasferimento dei bagagli durante le tappe
Documentazione completaDocumentazione completa
Credenziale del pellegrinoCredenziale del pellegrino
Assistenza telefonica di emergenza 24 ore su 24Assistenza telefonica di emergenza 24 ore su 24
Assicurazione di viaggioAssicurazione di viaggio

Servizi opzionali

ServizioIn alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento
ColazioneColazione120€ per persona
MP (colazione e cena)MP (colazione e cena)295€ per persona
Supplemento per camera singolaSupplemento per camera singola280€ per persona
Notte extra a Santiago de CompostelaNotte extra a Santiago de Compostela55€ cam. singola / 70€ cam. doppia
27” Noleggio mountain bike27” Noleggio mountain bike415€ per bicicletta
29” Noleggio mountain bike29” Noleggio mountain bike485€ per bicicletta
Noleggio di biciclette elettricheNoleggio di biciclette elettriche685€ per bicicletta
Colazione Colazione
In alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento 120€ per persona
MP (colazione e cena) MP (colazione e cena)
In alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento 295€ per persona
Supplemento per camera singola Supplemento per camera singola
In alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento 280€ per persona
Notte extra a Santiago de Compostela Notte extra a Santiago de Compostela
In alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento 55€ cam. singola / 70€ cam. doppia
27” Noleggio mountain bike 27” Noleggio mountain bike
In alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento 415€ per bicicletta
29” Noleggio mountain bike 29” Noleggio mountain bike
In alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento 485€ per bicicletta
Noleggio di biciclette elettriche Noleggio di biciclette elettriche
In alberghi, pensioni e case rurali nella Via dell’Argento 685€ per bicicletta

Fotografie

Domande frequenti

Il Camino de Santiago in bicicletta include i seguenti servizi:
  • Alloggio
  • Trasporto bagagli
  • Dossier con informazioni sulle tappe
  • Credenziale del pellegrino
  • Assistenza telefonica 24 ore su 24
  • Assicurazione di viaggio
Inoltre, puoi personalizzare il tuo viaggio aggiungendo i seguenti servizi opzionali:
  • Colazione o mezza pensione
  • Notte extra all'inizio o alla fine della tappa
  • Noleggio di biciclette
A differenza dei viaggi di gruppo, nessun servizio di autobus, guida o veicolo di supporto è incluso tra le tappe. Ma avrete una hotline 24 ore su 24 dove potrete contattarci in caso di qualsiasi problema o imprevisto, che risolveremo rapidamente.
Sì, avrete la totale libertà di scegliere la vostra data di partenza. Tuttavia, se vuoi fare il tuo Camino de Santiago nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio, ti consigliamo di verificare la disponibilità prima di prenotare. In questo periodo dell'anno la maggior parte degli alloggi è chiusa e molti servizi potrebbero non essere disponibili.
Nei suoi documenti di viaggio, troverà i nomi degli alloggi che le sono stati assegnati, così come il loro numero di telefono di contatto e l'ubicazione.   Come regola generale, tutti gli alloggi si trovano nel centro delle diverse città lungo il Camino de Santiago, senza bisogno di deviare troppo dal percorso. Ma a volte, per mancanza di disponibilità, è possibile che alcuni alloggi siano un po' lontani dal villaggio o addirittura nelle città vicine.   Per tutti gli alloggi che si trovano ad una distanza considerevole dal percorso del Camino, vi forniremo un servizio di taxi gratuito che potrete utilizzare per raggiungere il vostro alloggio e tornare al Camino la mattina successiva.   In ogni caso, si tratta di eccezioni che vi informeremo al momento della prenotazione.
Il servizio di trasporto bagagli di default è incluso in tutti i nostri viaggi e non è necessario richiederlo. Potrai fare il Camino de Santiago senza il tuo bagaglio sulle spalle con la tranquillità che la tua valigia sarà al tuo prossimo alloggio al tuo arrivo.   Insieme alla credenziale riceverete anche degli adesivi, che dovrete ricoprire con le informazioni richieste e attaccare in un posto visibile sulla vostra valigia.   Una volta arrivati al vostro alloggio, vi consigliamo di chiedere alla reception dove potete lasciare i vostri bagagli. Dovrete lasciare il vostro bagaglio nel luogo indicato la mattina presto perché il nostro trasportatore lo prenda. In questo modo, quando arriverai al tuo prossimo alloggio i tuoi bagagli saranno già lì.
Sì, ci assicuriamo che tutti gli alloggi assegnati abbiano un posto dove puoi lasciare la tua bicicletta sana e salva.
Abbiamo mountain bike di alta qualità e biciclette elettriche che puoi affittare durante tutto il Cammino. Controlla i dettagli qui.
Con ogni viaggio includiamo un'assicurazione obbligatoria che vi coprirà per qualsiasi inconveniente che possa sorgere durante il Camino de Santiago. Le invieremo la polizza assicurativa insieme ai suoi documenti di viaggio.
L'assicurazione di viaggio di base inclusa nei nostri pacchetti ha un'ampia copertura contro gli imprevisti, con la quale avrete anche l'assistenza medica garantita e numerosi benefici che potete consultare nelle Condizioni Generali di Assicurazione di Viaggio.
Nei suoi documenti di viaggio troverà un numero di telefono di emergenza dove siamo disponibili 24 ore al giorno, 365 giorni all'anno. In questo modo viaggerai con tranquillità sapendo che uno dei nostri accompagnatori ti aiuterà a risolvere rapidamente qualsiasi problema, incidente o dubbio che potresti avere lungo il tuo Camino de Santiago.
Puoi fare la tua prenotazione in diversi modi: Attraverso il nostro sito web: Selezioni il percorso che desidera e segua i passi indicati nel modulo. Avremo bisogno dei tuoi dati personali e di quelli dei tuoi accompagnatori, potrai selezionare il tipo di alloggio, la distribuzione delle camere, i pasti, i trasferimenti, il noleggio di biciclette, ecc. Per e-mail: Se non sai come fare la tua prenotazione attraverso il nostro sito web, hai bisogno di un viaggio personalizzato, o ti abbiamo già inviato un preventivo, puoi inviarci una e-mail a [email protected] Vi invieremo un modulo da compilare e le istruzioni per il pagamento. Importante: Nel caso in cui i percorsi o i servizi presenti sul web non si adattino alle sue esigenze specifiche, può chiederci un preventivo personalizzato che si adatti a ciò che sta cercando. Se avete domande o problemi durante la prenotazione, contattateci al 981 96 68 46 e saremo felici di aiutarvi.
Visualizza tutti i viaggi
Prenota il viaggio