È passato poco più di un mese dalla IV edizione di Fairway 2021 e questo fine settimana ha avuto luogo un altro evento simile, anche se con le sue differenze. La Porta del Cammino, o in altre parole, il Ilprimo incontro internazionale dei pellegrini online, che si è tenuto online il 10 e 11 dicembre di questo Anno Santo. Come iniziativa di José Mari Ardanaz Ezcurdia, un pellegrino di Pamplona con la passione per il Camino de Santiago, vuole combinare la sua passione per il pellegrinaggio e la sua professione di imprenditore ed esperto di marketing per riunire tutti coloro che, interessati in un modo o nell’altro al Camino de Santiago, possono partecipare e contribuire con il loro granello di sabbia in questo un evento così speciale per la comunità dei pellegrini. Ti connetti?

Todos los viajes del Camino de Santiago en bici
Ver

Il popolo del Camino

Molti di noi amano e sentono il Camino de Santiago come qualcosa di proprio. Pellegrini, hospitaleri, guide, imprenditori e chiunque condivida un interesse per il pellegrinaggio sa di cosa stiamo parlando. Tra questi, oggi vogliamo presentarvi José Mari Ardanaz Ezcurdia, pellegrino, fondatore del sito web e dell’associazione El Camino People ed esperto di marketing e reti sociali.

José Mari, come dice lui stesso qui ha fatto il suo primo pellegrinaggio a Santiago de Compostela nel 2017, attraverso il Cammino Francese di Santiago da Saint Jean de Pied-de-Port, un’esperienza che, come lui stesso afferma, hacambiato la sua vita per sempre, e che ha prolungato per il Cammino dei pellegrini di Finisterre e Muxía verso Santiago de Compostela. Infatti, non si è fermato lì, e successivamente ha completato altri percorsi: nel 2018, il Cammino portoghese di Santiago lungo la costa e il suo Variante spirituale e infine, nel 2019, il Camino Aragonés.

Apriamo la porta del cammino

Organizzato da El Camino People il Basilica Ostello Trinidad de Arre y Toxogel e con l’aiuto di numerosi collaboratori, questo progetto è molto simile a Fairway dove eravamo presenti quest’anno, perché riunisce persone legate al Cammino di Santiago anche se il suo scopo non è così commerciale come quello della suddetta fiera giacobina. Hanno una cosa in comune, in quanto sono entrambi presentati come un forum dove chiunque sia coinvolto nel Camino, dai camminatori, hospitaleri e proprietari di ostelli, imprese, volontari e altri, può discutere, fare brainstorming e vedere cosa viene fatto bene e cosa viene fatto male nel Primo Itinerario Culturale Europeo. Così, la Puerta del Camino è una porta aperta, un’esperienza positiva di collaborazione per migliorare le cose nel pellegrinaggio.

Migliorare l'esperienza del pellegrino

In relazione a tutto questo, è importante notare chel’obiettivo finale è quello di redigere un Manifesto sullo spirito del Camino. Che tu sia un pellegrino purista, un pellegrino zaino in spalla e ostello, o un cosiddetto “turigrino”, ciò che conta quando si parla di pellegrinaggio è l’atteggiamento che ogni pellegrino dovrebbe portare come una bandiera, che sia l’atteggiamento del pellegrino o l’atteggiamento del pellegrino. Spiritualità, solidarietà, empatia, sforzo, generosità e altri valori fanno parte del manuale del buon pellegrino.

Le quattro R

Riciclare, ridurre, riutilizzare e rispettare. Queste quattro parole sono concetti molto interessanti di questo progetto e, perché no, anche dei valori del pellegrino. I primi tre si riferiscono alla cura per l’ambiente, soprattutto sulle strade, una premessa chiara in questa iniziativa e che, come sottolinea il buon Jose Mari, sono “un urgente imperativo ambientale, economico e sociale”.

Riciclaggio sul Cammino di Santiago

Ci siamo stati e ci è piaciuto molto ascoltare i relatori e i loro interventi nelle tavole rotonde sul manifesto del pellegrino e la accessibilità sul Cammino. Tra questi, più di trenta, il Ladiversità delle persone che lo compongono e il rispetto che suscitano le loro esperienze: dal frate francescano e pellegrino Francisco Castro, al gruppo rock celtico Mitago al nostro eventuale collaboratore, il pellegrino e guida turistica ufficiale della Galizia Lorenzo Merin.

Siamo stati entusiasti dei più di venti testimonianze di pellegrini di più di dieci paesi in questa specie di Torre di Babele giacobina, e nei loro numerosi workshop abbiamo imparato molto sulla fotografia con il cellulare sul Camino, la preparazione e l’allenamento prima del pellegrinaggio, la pittura sui percorsi di pellegrinaggio, ecc. Naturalmente, non sono mancati anche gli espositori, una quindicina in totale, che hanno potuto stringere alleanze e stabilire collaborazioni per un futuro migliore del Camino de Santiago.

Come possiamo vedere, responsabilità ambientale ma anche sociale. Un altro obiettivo è quello di raccogliere fondi per implementare un nuovo sistema di autosufficienza elettrica per l’intero ostello Trinidad de Arre (Navarra), con pannelli solari e batterie di accumulatori riciclati dai veicoli. Con obiettivi molto alti e molta ambizione positiva, questo progetto vuole essere replicabile e implementabile in, perché no, tutti gli ostelli del Camino de Santiago.

“Ed eccomi qui, a realizzare quel sogno e, se posso, a realizzare il vostro”.

Questo è quanto Jose Mari è generoso con il suo sogno, e come dice lui, anche il tuo. Nella pagina principale del web dell’evento si possono avere più informazioni, così come godere l’emozionante video che ha preparato per noi. Potete anche seguirlo su Instagram y Twitter dove potrete scoprire di più sul progetto e su quelli che sicuramente usciranno dalla sua mano nel prossimo futuro. Siamo già impazienti di partecipare ad un secondo Incontro Internazionale dei Pellegrini online. Come dice José Mari, “chiunque è benvenuto alla Puerta del Camino”.

Entri con noi attraverso la nostra Porta del Cammino?