Come ogni anno e come ogni gennaio, torna Fitur, la Fiera Internazionale del Turismo che si tiene nel centro espositivo Ifema di Madrid. Mercoledì 19 gennaio si aprirà il sipario di questo evento che possiamo godere fino a domenica 23 gennaio. La Galizia, naturalmente, sarà presente, mostrando tutto il suo potenziale turistico e, come non potrebbe essere altrimenti, con il Camino de Santiago come protagonista principale.

Il grande valore della Galizia, e di tutti noi

Tre parole: Camino de Santiago. Con grande orgoglio e passione, la Galizia sarà presente a Fitur portando la bandiera del Camino de Santiago, un valore e un bene turistico di grande importanza per la comunità autonoma, così come per gli altri. Inoltre, in un anno giacobino prolungato il 2022 che, dopo un 2021 di recupero per gli effetti della pandemia Covid-19, con circa 180.000 compostelas emesse, si prevede un nuovo anno di afflusso record di pellegrini, come era stato fino al 2019.

Lunedì 10 gennaio, il direttore dell’Agenzia del Turismo della Galizia, Emilio de la Iglesia, ha presentato la proposta della Galizia come destinazione turistica e, in particolare, sottolineando il Camino de Santiago. Alla presentazione, tenutasi al Palacio de Congresos y Exposiciones de Galicia a Santiago de Compostela, de la Iglesia ha evidenziato la leadership della Galizia nella ripresa del turismo nazionale, collocandola ben al di sopra della media. In questa 42ª edizione della fiera, la Galizia insisterà sul fatto di essere una destinazione turistica sicura, come ha fatto nel 2021 e, nelle parole di de la Iglesia, “lo farà di nuovo nel 2022”.