Ora che avete deciso di fare il Cammino di Santiago probabilmente vi preoccupate di iniziare con la formazione e di sapere se sarete in grado di percorrere tutti i chilometri del Cammino di Santiago che avete davanti a voi senza ferirvi. Arrivare ben preparati fisicamente è il primo passo per ampliare le possibilità di raggiungere il proprio obiettivo e godersi l’esperienza al cento per cento.

In questo articolo vi diciamo le chiavi per un buon allenamento affinché il Cammino di Santiago diventi il miglior viaggio della vostra vita.

Cosa devo considerare prima di iniziare la mia formazione per il Cammino?

Prima di tutto, vogliamo svelarvi un segreto: tutti possono fare il Cammino di Santiago! Come amanti del Cammino, dopo tanti anni e aver incontrato tanti pellegrini… possiamo dirvi che tutti possono arrivare a Santiago, da un bambino piccolo, agli anziani, alle persone con malattie o bisogni speciali… non ci sono barriere di nessun tipo.

D’altra parte, l’aspetto più importante da tenere in considerazione prima di iniziare la la formazione per il Camino de Santiago è la salute. Se soffrite di una qualsiasi patologia o malattia è meglio andare dal vostro medico e seguire le sue raccomandazioni.

formazione

Primi passi nella formazione

Se sei una persona sedentaria e non sei abituato a fare sport regolarmente, inizia lentamente. Iniziate almeno 3 settimane prima, facendo brevi passeggiate giornaliere su terreno pianeggiante, aumentando progressivamente le distanze e la difficoltà.

Iniziate a usare le stesse calzature che indosserete sul Cammino di Santiago per abituarvi ai piedi. Se durante la formazione si avverte un certo disagio o non si sente troppo a proprio agio, cercate un’altra alternativa fino a quando non trovate la vostra calzatura ideale.

Tenete presente che le gambe faranno tutto lo sforzo, soprattutto le ginocchia. È importante allenare i gruppi muscolari di base per evitare fratture o lesioni derivanti dalla loro debolezza. Si consiglia di fare almeno due volte alla settimana esercizi per rafforzare le gambe e i glutei.

Aumentare l’intensità della formazione per il Cammino

Man mano che si diventa più a proprio agio e più forti, è possibile aumentare l’intensità degli allenamenti. Camminare su sentieri rocciosi, aumentando le distanze e le pendenze.

Ricordate che il Cammino di Santiago non è una gara, quindi è molto importante seguire il proprio ritmo, senza affrettarsi o sforzarsi troppo.

zaino in spalla

Camminare con lo zaino

Se avete intenzione di fare il Cammino di Santiago portando il vostro zaino, l’ideale è fare le ultime sessioni di allenamento con esso. Ricordate che l’ideale è portare solo il 10% del vostro peso corporeo. Cioè, se si pesa 70 kg si dovrebbero portare solo 7 kg sulla schiena per evitare lesioni.

Un altro fattore da non trascurare è il modo in cui si tiene lo zaino sulla schiena. Ricordate che il peso deve cadere sui fianchi e non sulle spalle, se è così avrete una tortura costante fino in fondo.

Se si va sul Cammino di Santiago accompagnati da un piccolo amico animale, ricordatevi sempre di prendere ciò che è necessario per il vostro viaggio

Non dimenticate di preparare la vostra mente

Il mantenimento dell’equilibrio mente-corpo è un fattore molto importante quando si inizia la formazione. Devi prepararti mentalmente come pellegrino. Ricordate che questa non è la vostra solita vacanza e non sarete sdraiati sulla spiaggia, ma camminerete per giorni e giorni.

Ricordate che “volere è potere”, quindi liberatevi da ogni paura e barriera, abbiate fiducia in voi stessi e non ponete limiti. Vi assicuriamo che alla fine del viaggio vi sentirete orgogliosi di voi stessi e completamente soddisfatti.

Durante il Cammino Cosa devo tenere a mente?

Di seguito sono riportati alcuni consigli da tenere a mente per rendere la vostra esperienza sul Cammino il più soddisfacente possibile.

1.- Pianificate le tappe e i chilometri che percorrerete ogni giorno. Non fate tappe molto lunghe se non siete completamente sicuri di poterle affrontare.

2.- Evitare le ore centrali quando si esce a fare una passeggiata. Soprattutto nei mesi estivi, si parte presto per cercare di arrivare a mezzogiorno alla fine della tappa.

3.- Idratare bene. Nello zaino non può mancare una bottiglia d’acqua, che potrete riempire nelle numerose fontane che troverete lungo il Cammino.

4.- Ascolta il tuo corpo e riposa quando te lo chiede. Eviterete gli infortuni e vi godrete di più l’esperienza.

5.- Non indossare scarpe nuove. Utilizzare stivali o scarpe da ginnastica che avete usato prima per evitare vesciche e sfregamenti.

Calzado en el camino de Santiago

6.- Verificate che il materiale che state trasportando (zaino, scarpe, bastone da passeggio..) sia in buone condizioni. Eviterete di dover spendere soldi extra per ripararlo o per acquistarne uno nuovo.

7.- Se lo ritenete necessario, usate i bastoni da passeggio. Vi aiuterà come punto di appoggio, alleviando lo stress sulle ginocchia e prevenendo le cadute.

8.- Mangiare bene. Il cibo è molto importante quando si fa uno sforzo fisico per così tanti giorni.

9.- Riposati un po’. Sappiamo che siete in vacanza e vorrete sfruttare al meglio la vostra giornata. Date al vostro corpo un buon riposo, vi ringrazierà la mattina dopo.

10.- Sii realistico. L’eccessiva ambizione e lo sforzo eccessivo possono causare lesioni. Si tratta di godersi l’esperienza e non di trasformarla in un calvario.

Ci auguriamo che questo articolo vi abbia aiutato ad iniziare la vostra formazione per il Cammino di Santiago.

banner