Negli ultimi anni il Cammino di Santiago ha acquisito un’importante dimensione educativa, diventando un grande spazio di apprendimento. Un itinerario formativo, vitale ed esperienziale i cui insegnamenti hanno un grande valore per gli studenti, facendoli crescere sia nella loro dimensione personale che spirituale per tutta la lunghezza e l’ampiezza di tutti i suoi diversi percorsi. Un apprendimento che ha ancora più senso in un periodo così pieno di conflitti come l’adolescenza, rendendo il Camino de Santiago uno dei gite scolastiche più consigliati.

Uno degli elementi che danno a questo viaggio un così alto potere formativo è il gran numero di valori che si riuniscono durante il pellegrinaggio. Potrebbe essere considerata una scuola di umanesimo, cittadinanza e solidarietà .

Valorizzare lo sforzo e il sacrificio

Ogni studente si avvicinerà al Camino in modo diverso, camminando ad un ritmo che è comodo per lui. In molti casi è difficile mantenere un ritmo costante e possono verificarsi imprevisti (vesciche, irritazioni, tendiniti, troppo caldo, freddo, pioggia, ecc.) In questo contesto, la famosa frase“Il Camino ci rende tutti uguali” assume tutto il suo significato. Tutti siamo stanchi, sudati, con i piedi doloranti o con le vesciche. Lo sforzo personale ci rende tutti uguali. Questo è particolarmente importante nelle età in cui tendono a confrontarsi tra loro.