In questa occasione narreremo la leggenda del mistero di Óbanos . La storia si svolge nel villaggio di Óbanos, in Navarra. Oggi, la leggenda viene riproposta nel villaggio in una rappresentazione teatrale durante la settimana del giorno di San Giacomo, il 25 luglio. Questa celebrazione è stata dichiarata Festival di interesse turistico nazionale.

Leggenda del mistero di Óbanos

Questa leggenda racconta la storia di una ragazza chiamata Felicia, figlia dei duchi d’Aquitania. In un’occasione sentì un trovatore parlare della tomba dell’apostolo San Giacomo e del pellegrinaggio che tanta gente faceva per raggiungerla.

Felicia veniva da una famiglia molto buona, non le mancava mai nulla e viveva una vita nobile. Apparentemente l’unico lavoro che ha fatto è stato quello tipico del una donna della sua classe sociale nel Medioevo. Felicia era dedicata leggere poesie, comporre canzoni e cucire per gran parte della giornata.

Ma ciò che sentì da quel trovatore suscitò la sua curiosità e cominciò a
pianificando il suo viaggio
per iniziare il suo pellegrinaggio, anche se suo padre e suo fratello Guillén non approvavano che si imbarcasse in questa avventura. Il suo desiderio di fare il pellegrinaggio e di lasciarsi alle spalle la vita di lusso e di comodità superava l’opinione della sua famiglia.

Vedi tutti i nostri viaggi
Ver

L’avventura inizia per Felicia

Ignorò gli avvertimenti della sua famiglia sui pericoli che avrebbe incontrato lungo la strada, Partì con il suo entourage per Santiago de Compostela. Ma quello che incontrò non fu un pericolo, ma una strada piena di miseria, povertà e malattia.

Dopo essere arrivata a Santiago e aver visitato la tomba dell’apostolo, decise di rimanere lì per aiutare i più bisognosi, cosa che avrebbe cambiato completamente il suo modo di intendere la vita e le avrebbe fatto apprezzare molto di più le piccole cose. Felicia rimase nella fattoria di Amocaín, nella valle di Egües, vicino a Pamplona, occupandosi della terra, degli animali e di altri lavori agricoli.

Il tempo passò e suo fratello Guillén, vedendo che non tornava, decise di andare a cercarla. Guillén chiese villaggio dopo villaggio finché non la trovò in quel borgo, dove cercò di convincerla a tornare al castello per continuare la sua vita da nobile. L’ha esortata a non rinunciare al suo futuro perché se ne sarebbe pentita per il resto della sua vita, ma non è riuscito a convincerla.

La tragica storia di Guillén e di sua sorella

Guillén, rattristato e allo stesso tempo arrabbiato per la decisione di sua sorella, si infuriò a tal punto da perdere il controllo. l’ha uccisa con un taglio netto al collo. Rendendosi conto di ciò che aveva fatto e pentendosi dell’omicidio di sua sorella, partì per Santiago per cercare il perdono del peccato mortale.

Portarono il suo corpo senza vita nella frazione di Amocaín dove la seppellirono con rabbia e dolore. Tutti rimasero increduli quando dopo alcuni giorni un bellissimo fiore spuntò dalla tomba, e quando aprirono la bara si resero conto che era spuntato dalla ferita mortale causata dalla spada del fratello, diventando un evento miracoloso e sacro.

Lutto e dolore dopo la morte di Felicia: origine della leggenda del Mistero di Óbanos

Gli abitanti di Amocaín fecero una cassa di quercia per il corpo di Felicia. Lo collocarono con il suo corpo all’interno della chiesa, ma il giorno dopo apparve in mezzo al campo. Volevano sollevare l’arca e rimetterla nella chiesa, ma non erano in grado di farlo.

L’arca era molto pesante, così il sacerdote ordinò ai muli di portare il corpo di Felicia fino a dove si sarebbero fermati. Ma per qualche motivo, quando i muli erano al loro posto, la bara divenne molto più leggera e furono in grado di trasportarla.

I muli cominciarono a camminare fino a fermarsi a Labiano, un comune nella valle di Aranguren, vicino alla chiesa di San Pablo, oggi conosciuta come la chiesa di San Pablo e San Felicia, dove è sepolto il corpo della figlia del duca di Aquitania.

Guillén, dopo essere tornato da Santiago, decise di rimanere come eremita nell’eremo dedicato a Santa María in Arnotegui, situata sulla collina vicino al villaggio di Óbanos, dedicò tutta la sua vita ai pellegrini e alle opere di carità, e fu proclamata santa dal popolo dopo la sua morte.

Speriamo che questa piccola storia vi sia piaciuta quanto a noi, non vediamo l’ora di saperne di più.
leggende sulla strada,
Quindi, se ne conoscete qualcuno, non esitate a usare la casella dei commenti.

Richiedi il tuo preventivo per il Camino de Santiago
Contactar