Neda English Way

Informazioni su Neda

Alla fine dell’estuario di Ferrol troviamo l ‘affascinante villaggio di Neda, uno dei comuni più belli di questa zona settentrionale e parte di due importanti vie di pellegrinaggio: Il
Modo inglese
e il cammino verso San Andrés de Teixido.

Per secoli, lo sviluppo del villaggio ha ruotato intorno al fiume Belelle. Sulle sue rive si è svolta non solo l’evoluzione della società cittadina, ma anche un’importante industria intorno al pane grazie al gran numero di mulini della zona.

Cosa vedere e fare a Neda

Pane Neda

Il pane è così importante a Neda che merita di essere segnato come monumento. La tradizione del villaggio del fornaio risale a molto tempo fa. Nel XVI secolo, Filippo II scelse Neda per insediare le cosiddette “Casas Reales”, fabbriche di biscotti e forni di approvvigionamento grazie all’eccellente comunicazione della città con il porto di Ferrol e le ottime acque del fiume Belelle per il candeggio dei filati. In questo modo, per un secolo, si fecero biscotti e torte per gli eserciti dei re di Spagna.

Qualche tempo dopo, nel 1917, fu pubblicato uno studio che analizzava l’acqua del fiume Belelle, concludendo che era estremamente pura e che le farine fatte con quest’acqua avevano eccellenti qualità di bianchezza e sostanza. È così che Neda è stata considerata la capitale del grano della Galizia.

Oggi il cereale non viene più macinato con mulini ad acqua, ma ci sono ancora risorse imbattibili che fanno sì che il Pane di Nedasia uno dei più famosi di tutta la comunità galiziana.

Pane Neda

Chiesa di Santa Maria e cruceiro

La chiesa di Santa María si trova nel centro di Neda, circondata da un ampio atrio in cui si trova anche una croce di pietra del XIX secolo e una fontana di pietra.

La chiesa cominciò a sorgere nel 1720 su un edificio precedente, forse del X secolo. Stilisticamente inquadrato nel barocco rurale, all’interno l’elemento più notevole è il Cristo della Catena. Un Cristo gotico inglese Tudor, spostato nel 1550 da John Dutton, che stava fuggendo dalla persecuzione religiosa in Inghilterra.

La leggenda dice che questa figura arrivò a Neda galleggiando nel mare e che, una volta collocata nella chiesa, cercò di tornare al mare ancora e ancora. Vedendo che succedeva sempre la stessa cosa, i parrocchiani decisero di incatenare la scultura all’altare principale, da cui il nome che riceve oggi.

Chiesa di Santa María Neda

Chiesa di San Nicolas

La chiesa tardo gotica di San Nicolás, costruita a metà del XIV secolo, è menzionata per la prima volta in un documento del 1397, che ci avvicina all’epoca della sua costruzione. Di quell’epoca rimane solo la cappella principale. Tuttavia, una finestra situata nel muro laterale ci fa pensare a una costruzione romanica. Ha una pianta a croce latina con una sola navata a due campate e un’abside rettangolare coperta da una volta a costoloni.

Tradizionalmente diventa un luogo di pellegrinaggio il lunedì dove i devoti vanno a piedi a depositare candele e chiedere i favori del santo. Secondo l’usanza, devono andare almeno tre lunedì. Questi pellegrinaggi sono i cosiddetti Cammini di San Nicola e il santo è conosciuto come l’avvocato dei casi difficili.

Chiesa di San Nicolas Neda

Crocevia di San Nicolás

Si tratta di una croce gotica del XIV secolo scolpita in granito galiziano da un esperto scalpellino di questa terra. È forse la croce più rappresentativa di Neda e forse insieme a quella di Melide la più antica della Galizia. Del Crocifisso primitivo rimane solo la parte più importante, cioè la Croce, che ha l’immagine di Cristo su entrambi i lati e quattro figure ai suoi piedi, due per lato.

Torre dell’orologio

All’epoca apparteneva all’ ospedale di Santo Spirito anche se non era dello stesso periodo ma fu costruito nel 1786 come dice l’iscrizione sull’architrave della porta. Si tratta di un corpo prismatico verticale, fatto di pietra e senza decorazione eccezionale. Ha un arco semicircolare cieco nel mezzo di uno dei piani, e con due piccole colonne attaccate come stipiti. Nella parte superiore dell’ultimo terzo ha l’orologio, di disegno semplice, finito con una piccola cornice con pinnacoli negli angoli. Il campanile corona l’edificio, costituito da una struttura in ferro battuto da cui pende la campana.

Torre dell'orologio di Neda

Isabel II Manor House

Fondata nel 1841 come fabbrica di tessitura dai fratelli Veiga, il complesso architettonico è circondato da uno spesso muro. L’ingresso del recinto è presieduto da una campata orizzontale con una porta al centro che conduce al vestibolo e da lì alla passerella di magnolie che ci porta nel giardino. L’edificio più importante è costituito da una pianta a forma di L. La fontana e l’hórreo (granaio) sono notevoli.

Pazo de la Merced

Sulle rive dell’estuario troviamo una casa padronale del XVII secolo. Le antiche tradizioni popolari dicono che l’edificio è collegato da un passaggio sottomarino con il monastero di San Martiño de Xubia, situato dall’altra parte dell’estuario.

Fervenza di Belelle

Situata nella località di O Roxal, la Fervenza de Rio Belelle è una delle cascate più spettacolari e belle della Galizia. È una cascata di circa 45 metri che riceve la sua acqua dal fiume Belelle. Alla sua base ci sono delle piscine naturali. Come quasi tutti i fiumi galiziani, ha una portata durante tutto l’anno, ma in inverno e in autunno aumenta considerevolmente, essendo il momento migliore per ammirarlo.

Belelle Fervenza Neda

Punto di vista di Ancos

In passato, Neda aveva cantieri navali e fabbriche importanti come quella di Xubia, che iniziò come una fabbrica di rame alla fine del XVIII secolo e, successivamente nel corso del XIX secolo, fu trasformata in una fabbrica di armi, una fabbrica di monete e una fabbrica tessile. Si possono contemplare i resti di questa accanto al ponte di Xubia che comunica i comuni di Neda e Narón. Se lo desideri, puoi anche approfittare dell’occasione per passeggiare sul lungomare, accanto all’ostello dei pellegrini.

Da questo punto, salendo per poco meno di 4 chilometri lungo una piccola strada, si arriva al castro e al belvedere di Ancos, dove si trova uno dei punti di vista più emblematici della regione.

Punto di vista di Ancos Neda Camino Ingles

www.neda.es

Mapa de Neda