LA VIA DE LA PLATA IN BICICLETTA (960 Kms)

Vi presentiamo la possibilità di realizzare la Via de la Plata nella sua interezza, da Siviglia a Santiago de Compostela, in 16 tappe. Effettuare questo itinerario in bicicletta permette di percorrere la Via in meno tempo. Inoltre, questo percorso è perfetto per il ciclismo, in quanto è molto ciclabile e abbastanza pianeggiante, con pochi dislivelli.

La Via dell’argento vi permetterà di viaggiare attraverso 4 diverse regioni e di ammirare i cambiamenti del paesaggio. Pedalerete attraverso i tipici pascoli andalusi ed estremaduriani, attraverso uliveti, frutteti, campi di cereali e prati castigliani; e attraverserete le montagne della Galizia alla scoperta di boschi di vegetazione atlantica di grande valore.

Arrivo a Siviglia

La città di La Giralda è senza dubbio uno dei luoghi più belli del sud della penisola. Il centro storico della capitale dell’Andalusia è considerato il più grande delle città spagnole, e si possono visitare impressionanti siti storici come la Cattedrale, l’Alcazar o la Giralda. Anche la Torre del Oro e la Plaza de España sono elementi del patrimonio culturale da non perdere.

Siviglia è una grande città, quindi le possibilità di vedere e fare in essa sono molto alte. Quindi, vi raccomandiamo che se avete solo un giorno per visitarla, vedere i principali siti del patrimonio, e poi rilassarsi e godere. Passeggiare per la città è un buon modo per conoscere la sua realtà, lasciarsi sedurre dalla sua ricca gastronomia sotto forma di “tapas” e dall’arte della sua gente.

Siviglia – Castilblanco de los Arroyos

Dificultad BassoTiempo estimado 4hDistancia39 Km

Inizierete la vostra uscita dalla città da Puerta de Triana, attraversando il fiume Guadalquivir, e proseguite verso Santiponce, dove potrete visitare i resti dell’antica città romana di Italica. Poi si prosegue verso Guillena e il prato del Cortigo del Chaparral, per arrivare alla fine della tappa a Castilanco de los arroyos. A Castilblanco de los arroyos, città citata da Cervantes nel suo romanzo “Las dos doncellas”, si possono visitare costruzioni religiose di origine mudéjar, come la chiesa del Divino Salvador.

Questo piccolo paese sulla strada tra le province di Siviglia e Cordoba, si trova ai primi contrafforti della catena montuosa del Pedroso. Per quanto riguarda la gastronomia del luogo, spiccano le ricette tradizionali come il coniglio in salmorejo, le venteras o le migas; piatti molto nutrienti con cui potrete sostituire le forze.

Castilblanco de los Arroyos – Monesterio

Dificultad AltaTiempo estimado 6h 30′Distancia63 Km

In questa tappa i primi chilometri saranno su strada, quindi si raccomanda estrema cautela. All’altezza di El Berrocal, il sentiero entra in un prato e poi raggiunge Almadén de la Plata, un piccolo villaggio bianco. Da qui si prosegue lungo il Camino Viejo de Almadén de la Plata fino a El Real de la Jara. Siete nella parte più occidentale della Sierra Norte de Sevilla, quindi le piste da sci vi accompagneranno durante questi chilometri. Durante il percorso troverete un castello medievale del XIV secolo e alla sua destra, attraverserete il torrente della vipera, entrando nelle terre extremeñas per arrivare a Monesterio.

Monesterio ha un centro di interpretazione della Via dell’Argento che vale sicuramente la pena di visitare. Al livello monumentale, si può visitare la Chiesa di San Pedro Apóstol. Questo villaggio, situato nella terra del prosciutto e dei prati, ha un museo del prosciutto. A Monesterio potrete godere di una ricca gastronomia a base di carne di selvaggina e prosciutto iberico.

Monesterio – Zafra

Dificultad BassoTiempo estimado 4hDistancia45 Km

Durante questa fase si pedala attraverso pascoli e strade sterrate in un ambiente senza popolazioni. Si prosegue lungo la strada della Calera de León, attraversando paesaggi di cereali e campi, fino a raggiungere il villaggio di Fuente de Cantos. Da questo villaggio si prosegue per Zafra, passando per le città di Calzadilla de los Barros e Puebla de Sancho Pérez. Zafra è una città che ha vissuto la Riconquista da una posizione strategica. Ne sono un buon esempio i suoi resti difensivi medievali, ancora oggi conservati.

La città medievale di Zafra è stata dichiarata sito storico-artistico, in quanto ha un muro di cui sono ancora conservate tre porte e un vasto patrimonio. Vi consigliamo di visitare l’Alcázar de los Duques de Feria, la collegiata della Candelaria o la Casa del Aljímez, tra gli altri. Per avere un momento di svago, cibo e riposo, si può andare a Plazas Chica e Grande, la zona con più atmosfera del villaggio.

Zafra – Mérida

Dificultad MedioTiempo estimado 6h 30′Distancia65 Km

Si prende la strada da Zafra fino all’Alto de San Cristóbal, per poi scendere verso Los Santos de Maimona. Si prosegue su una strada sterrata circondata da uliveti e vigneti fino a raggiungere il paese di Villafranca de los Barros. Da qui la tappa prosegue su strade sterrate e sul sentiero El Chaparral. Poi si può fare una deviazione per attraversare Almendralejo o continuare verso Torremejía. Da Torremejía, il percorso si snoda tra i campi sulle rive del fiume Guadiana fino a Mérida. Merida è una città molto storica che fu fondata dall’imperatore romano Augusto nel I secolo a.C..

L’Ensemble Archeologico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1993. A causa della sua origine romana, la città ha posseduto nel corso della sua storia una moltitudine di monumenti di questa cultura, alcuni dei quali esistono ancora oggi molto ben conservati. Vi consigliamo di visitare tra gli altri: il ponte, il teatro, il circo, l’anfiteatro o l’arco di Traiano. Se siete anche appassionati d’arte e storia, siete nella città perfetta; qui potete visitare il Museo d’Arte Romana e il Museo d’Arte Visigota.

Mérida – Valdesalor

Dificultad Medio-AltoTiempo estimado 6hDistancia61 Km

Si lascia Merida avvicinandosi all’acquedotto romano e si prosegue per sentieri in direzione di El Carrascalejo. Continuerete a pedalare su strade sterrate, attraversando luoghi come Aljucén ed entrando nel Parco Naturale del Cornalvo. Si prosegue attraverso Alcuéscar e si pedala attraverso boschi di ulivi e lecci. In seguito, il sentiero corre parallelo alla strada nazionale e si attraversano due pietre miliari e un ponte romano (torrente Santiago), prima di raggiungere Valdesalor.

Valdesalor sarà la fine della tappa, per evitare la salita al porto di Las Camelias come tratto finale verso Cáceres. A Valdesalor potrete godere di un ambiente tranquillo e rilassato dove potrete riposarvi e prepararvi per la prossima tappa.

Valdesalor – Cañaveral

Dificultad MedioTiempo estimado 5h 30′Distancia55 Km

Inizierete la giornata di oggi scalando il porto delle Camelie. In seguito, attraverserete un campo aperto prima di entrare nella città di Cáceres. Si può cogliere l’opportunità di fermarsi a Cáceres e conoscere un po’ la città, che ha un esempio di architettura storica, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Da Cáceres si raggiunge la città di Casar de Cáceres, si attraversa il fiume Tago e si attraversa il bacino di Alcántara. La strada continuerà attraverso la Sierra de Arco e attraverserete il ponte di San Benito fino a Cañaveral.

A Cañaveral potrete conoscere la realtà storica dei paesi di questa zona, insieme alla loro architettura tipica sotto forma di case ancestrali. Per quanto riguarda il suo patrimonio religioso, è possibile visitare un esempio di tardo gotico nella sua chiesa di Santa Marina. Il comune possiede anche un’incisione medievale della Vergine e del Bambino nel suo Santuario di Nostra Signora di Cabezón, di incredibile valore storico. Naturalmente, a Cañaveral si può ancora godere della meravigliosa gastronomia dell’Estremadura.

Cañaveral – Aldeanueva del Camino

Dificultad AltoTiempo estimado 8hDistancia78 Km

Si riprende la strada, passando per Grimaldo, per seguire un sentiero circondato da querce da sughero fino a Riolobos. Poi si arriva a Galisteo e si confina con questa bella popolazione dal suo muro, per continuare a pedalare verso la strada di Plasencia. Alla fine del percorso, si passa per Aldehuela del Jerte, Carcaboso e la città romana di Cáparra, prima di arrivare alla fine della tappa di Aldeanueva del Camino.

Prima di raggiungere Aldeanueva del Camino, si attraversa il ponte romano noto come La Garganta Buitrera. In termini di patrimonio, si possono visitare le chiese di Nuestra Señora del Olmo e San Servando, risalenti al XV secolo.

Aldeanueva del Camino – Fuenterroble de Salvatierra

Dificultad MedioTiempo estimado 4h 30′Distancia43 Km

Si ricomincia la tappa di oggi attraversando nuovamente la Garganta Buitrera per prendere la direzione di Baños de Montemayor, località che deve il suo nome all’esistenza di antiche terme romane nel suo territorio. Poi si lascia l’Estremadura ed entra in Castilla y León attraverso il porto di Béjar, arrivando a La Calzada de Béjar. Già negli ultimi chilometri della tappa si parte per Fuenterroble de Salvatierra passando per Valverde de la Casa e Valdelacasa.

Fuenterroble de Salvatierra è un luogo molto culturalmente legato alla Via de la Plata, infatti, ospita un parco tematico di questo percorso che fa parte del Centro di Interpretazione della Via. Inoltre, si può visitare il tempio di Santa María de la Blanca, in stile gotico del XV secolo, e l’eremo del Cristo del Socorro. Tra i suoi piatti tradizionali si possono gustare i famosi salmantinos e il prosciutto di Guijuelo.

Fuenterroble de Salvatierra – Salamanca

Dificultad MedioTiempo estimado 5hDistancia51 Km

In questa fase, la natura sarà protagonista. Pedalerete per quasi 30 chilometri senza incontrare alcuna popolazione, attraversando prati e salendo il Pico de la Dueña, fino a San Pedro de Rozados. Da questa località si prosegue in direzione di Morille e Miranda de Arzán, fino alla fine della tappa: Salamanca. Salamanca è una bella e storica città dove potrete rilassarvi e divertirvi.

Tra i suoi numerosi monumenti e luoghi di visita obbligatoria, vi consigliamo di conoscere la Plaza Mayor e il complesso della cattedrale, il Palazzo Storico dell’Università, la Casa delle Conchiglie, o le Torri del Clero. Dal punto di vista gastronomico vi stupirà la cucina tradizionale di questo luogo, dove non potete partire senza aver assaggiato prosciutto, salumi, formaggi e salumi.

Salamanca – Zamora

Dificultad AltoTiempo estimado 7hDistancia66 Km

Si lascia Salamanca in direzione Aldeaseca de la Armuña, proseguendo verso Castellanos de Villiquera. Si prosegue su strade sterrate verso Calzada de Valdunciel, dove si può visitare un Centro di Interpretazione dei Sentieri Storici. Più tardi si arriva al Wine Cube, dopo aver completato circa 35 chilometri di tappa, quindi questo sarà un buon posto per fare una sosta. Da qui, la strada prosegue quasi interamente in pianura tra strade sterrate, il che la rende un tratto molto rilassante. Attraverserete Villanueva de Campeán prima di raggiungere Zamora.

Zamora è una città che conserva un grande patrimonio medievale romanico. Nel suo centro storico, si possono visitare luoghi come il Castello, la Cattedrale, la Plaza Mayor e El Merlú, il Puente de Piedra, la chiesa di San Juán Bautista, e naturalmente le sue mura, con la Puerta del Obispo de Olivares. Dopo aver passeggiato e visitato il suo patrimonio, si può venire a riposare e gustare delle buone tapas in uno dei bar della sua vecchia area.

Zamora – Santa Marta de Tera

Dificultad Medio-AltoTiempo estimado 9hDistancia87 Km

In questa tappa pedalerete attraverso i classici campi castigliani, in direzione di Roales del Pan e Montamarta. Attraverserete la città disabitata di Castrotorafe, un’antica città medievale conosciuta come “Zamora la Vieja” (Vecchia Zamora). Successivamente si arriva alla Granja de Moreruela e si continua a salire in latitudine segnando il percorso per l’itinerario del Cammino di Sanabrés, fino ad arrivare a Santa Marta de Tera.

A Santa Marta de Tera potrete conoscere la storia del Cammino di Sanabrés nel suo omonimo Museo. Qui si trova anche il tesoro del Cammino di Sanabrés, un’antichissima scultura di Santiago Peregrino che si trova nella chiesa romanica di Santa Marta de Tera, risalente al IX secolo. E’ stato dichiarato Monumento Storico-Artistico Nazionale nel 1931 ed è attualmente considerato un Sito di Interesse Culturale.

Santa Marta de Tera – Puebla de Sanabria

Dificultad Medio-AltoTiempo estimado 7hDistancia67 Km

In questa tappa si comincia a pedalare accompagnati dalla vegetazione ripariale del fiume Tera, in direzione di Calzadilla de Tera. In seguito, si attraverseranno i paesi di Villar de Farfón, Río Negro del Puente e Mombuey, luogo ideale per fare una sosta lungo il percorso. Si lascia Mombuey attraversando sentieri alberati verso Valdemerilla e Cernadilla. Una volta arrivati a Palazuelo si prosegue lungo sentieri e strade forestali, attraversando diversi villaggi fino alla fine della tappa di Puebla de Sanabria.

Puebla de Sanabria è un bellissimo villaggio dove potrete scoprire la struttura e l’architettura tipica delle case di questa zona. Da visitare il Castello dei Conti di Benavente, uno dei meglio conservati in Spagna, e la chiesa di Nuestra Señora del Azogue. Se avete più che sufficiente energia in questo giorno, vi consigliamo di visitare il Parco Naturale del Lago di Sanabria.

Una tappa obbligatoria! Scopri di più su Puebla de Sanabria in questo post!

Puebla de Sanabria – A Gudiña

Dificultad MedioTiempo estimado 5h 30′Distancia53 Km

In questa tappa iniziano le irregolarità e i panorami montuosi che indicano che ci si sta avvicinando al confine con la Galizia. Il percorso si snoda attraverso zone boschive e strade, passando per i paesi di Requejo e Padornelo, a 1300 metri di altitudine. Da qui si prosegue verso Lubián, situato nell’Alta Sanabria, dove si può contemplare la valle glaciale della Fraga de Osa. Il Cammino continua attraverso il comune di A Mezquita, già in terra galiziana, fino a raggiungere A Gudiña.

In A Gudiña, potrete conoscere l’architettura tipica dei villaggi della montagna orientale della Galizia, conoscere i mestieri tipici del luogo e godere della ricca gastronomia galiziana per la prima volta lungo il percorso. Venite pellegrini, la meta è sempre più vicina.

A Gudiña – Xunqueira de Ambia

Dificultad BassoTiempo estimado 5h 30′Distancia66 Km

Si parte da A Gudiña in direzione di Laza, attraversando diversi villaggi abbandonati di Serra Seca. Il vostro cammino continuerà a correre attraverso la montagna dell’interno della Galizia e ogni chilometro scoprirete la realtà di questa zona. Si arriva a Vilariño de Conso e successivamente al villaggio di Campobecerros (Castrelo do Val), situato molto vicino al Parco Naturale di Invernadoiro. Il Cammino vi porterà a Laza, un villaggio con una grande tradizione di “entroido” (carnevale) in Galizia. Da Laza si sale al Monte Requeixada fino ad Alberguería e poi il sentiero che dal Vilar de Barrio si snoda attraverso sentieri boscosi che portano alla valle di Allariz.

Il paesaggio sarà ora dominato da hórreos e colture fino a raggiungere Xunqueira de Ambía. A Xunqueira de Ambía si possono visitare la sua collegiata di Santa María la Real, fondata nel X secolo, e la sua chiesa romanica, con un organo del XVIII secolo. Ma soprattutto si può godere del paesaggio e dello splendido ambiente naturale che vi circonda.

Xunqueira de Ambia – Castro Dozón

Dificultad BassoTiempo estimado 6h 30′Distancia64 Km

In questa giornata si farà rotta per Ourense e si arriverà in città con circa 20 chilometri nelle gambe. Vi consigliamo di fare una sosta qui e conoscere questa bellissima città. Poi si prosegue verso Cea, dove si può acquistare uno dei suoi famosi e ricchi pani a Denominazione di Origine, e si prosegue verso Castro Dozón, la fine della tappa.

Vi consigliamo di riposare alla fine di questa tappa e di andare a letto presto per iniziare l’ultima tappa il giorno dopo il più presto possibile, e approfittare della giornata a Santiago de Compostela.

Castro Dozón – Santiago de Compostela

Dificultad Basso-MedioTiempo estimado 6h 30′Distancia66 Km

Oggi inizierete la vostra fase finale. Inizierete la marcia lasciando Dozon in direzione di A Laxe. Da qui si attraversa il fiume Deza fino a raggiungere la città di Silleda. Vi sposterete in una zona molto più popolata rispetto all’ingresso della Galizia, e scoprirete piccoli villaggi con ogni pedaleo fino a raggiungere Outeiro, e nella provincia di A Coruña. Da Outeiro si parte per Boqueixón e si prosegue lungo il Camiño Real fino ad Angrois. Infine, si entra a Santiago de Compostela attraverso il quartiere do Sar e dopo aver scalato il suo pendio di Castrón Douro, si entra completamente nel centro storico della città attraverso l’Arco de Mazarelos. Il tanto atteso traguardo è a pochi minuti di distanza: Plaza del Obradoiro.

Sei arrivato a Santiago de Compostela, la città dove la pioggia fa magia sulle pietre bagnate. Dopo aver timbrato le vostre credenziali in ogni tappa e aver raccolto le vostre Compostela, dopo tutto lo sforzo, sarà tempo di godervi la città, ve la sarete guadagnati. Speriamo che vi piacerà passeggiare per il centro storico, gustare una birra fresca accompagnata da una deliziosa tapa, ballare e cantare in un foliada, o provare alcuni dei suoi liquori tradizionali, tra le mille e una cosa che questa piccola ma grande città offre.

Eccoci qui! Scopri di più su Santiago de Compostela in questo post!

Santiago de Compostela

Questa è una giornata di addii per molti, la fine di una strada e, perché no, l’inizio di molti. L’ultimo giorno sorgerà con una strada più nella vostra vita, ma non una strada di chilometri, ma di esperienze, emozioni e nuove amicizie, un viaggio che vi proietterà nella vostra vita e vi aiuterà a continuare a camminare liberi verso i vostri obiettivi.

Ce l’avete fatta! Congratulazioni, pellegrini!

*Dopo aver lasciato l’alloggio, fine del servizio.

QUESTO VIAGGIO COMPRENDE

  • 18 Giorni / 17 notti di allogio
  • Trasporto badagli tra le tappe
  • Credenziale (Passaporto del Pelllegrino in regalo)
  • Assitenza telefónica 24 ore per casi di emergenza
  • Assicurazione di viaggio
  • Documentazione completa
  • RIFUGIO PRIVATO
  • Notte extra en Santiago: 25€/pax
  • OSTELLI E PENSIONI
  • Supplemento individuale: 360€/pax
  • Notte extra en Santiago: 35€ pax. camera doppia / 55€ camera singola
  • Colazione: 125€/pax
  • MP (colazione e cena): 335€/pax
  • ALBERGUI O SISTEMAZIONE SUPERIORE
  • Supplemento individuale: 450€/pax
  • Notte extra en Santiago: 45€ pax. camera doppia / 70€ camera singola
  • Colazione: 165€/pax
  • MP (colazione y cena): 415€/pax
  • LOCAZIONE DI BICICLETTE:

PREZZO

  • 550€ pax rifugi privati
  • 940€ pax ostelli o/e pensioni
  • 1185€ pax Alberghi e alloggi superiori

ALLOGGIO

Offriamo tre opzioni:

Albergues privadosRifugi privati 550€
Hostales y/o pensionesOstelli o/e pensioni 940€
Hoteles y alojamiento superiorAlberghi e alloggi superiori 1185€

* Tutti gli alloggi sono della migliore qualità, accuratamente selezionati dopo anni di esperienza e approvati dai nostri clienti. Loro ci forniscono federe.

H O T E L

Alloggio in camere private, sia negli hotel, negli ostelli o negli alloggi rurali

L’alloggio in Ostelli o Pensioni prevede camere doppie, triple o quadruple, sempre con bagno privato. Sono camere semplici, confortevoli e molto accoglienti, ideali per dormire e riposare.

* Nel caso di una prenotazione individuale avrebbe un supplemento.

Alojamiento en Hostales, hoteles y alojamientos rurales

El alojamiento en Hostales o Pensiones cuenta con habitaciones dobles, triples o cuádruples, siempre con baño privado. Son habitaciones sencillas,confortables y sin grandes lujos, pero muy acogedoras, ideales para dormir y descansar.

  *En el caso de una reserva individual tendría un suplemento.