VIA DE LA PLATA DA MERIDA A SALAMANCA (292 Kms)

Il tratto della Via de la Plata che unisce le città di Merida e Salamanca, è un tratto che presenta diverse tappe di grande lunghezza, a causa della distanza che separa le popolazioni di questa zona. Tuttavia, è forse una delle parti della Via de la Plata con il patrimonio storico-culturale più importante da visitare. Durante questo affascinante viaggio attraverso la storia della penisola occidentale, percorrerete questo antico percorso, scoprendo ad ogni passo alcuni dei luoghi più iconici che nasconde.

*Se siete interessati a fare solo una parte di questo tratto della Silver Route, a unire le tappe di questo tratto con altre, o semplicemente a non avere così tanti giorni, non esitate a contattarci e richiedere un preventivo personalizzato.

Arrivo a Mérida

Merida è una città molto storica che fu fondata dall’imperatore romano Augusto nel I secolo a.C.. L’Ensemble Archeologico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1993. A causa della sua origine romana, la città ha posseduto nel corso della sua storia una moltitudine di monumenti di questa cultura, alcuni dei quali esistono ancora oggi molto ben conservati. Vi consigliamo di visitare tra gli altri: il ponte, il teatro, il circo, l’anfiteatro o l’arco di Traiano. Se siete anche appassionati d’arte e storia, siete nella città perfetta; qui potete visitare il Museo d’Arte Romana e il Museo d’Arte Visigota.

Buona Via!

Mérida – Alcuéscar

Dificultad Medio-AltaTiempo estimado 7hDistancia36,4 Km

In questa prima tappa si lascia Mérida in direzione dell’acquedotto di Los Milagros, in direzione del bacino romano di Proserpina. Circondate il serbatoio per un sentiero fino a quando non girate a El Carrascalejo. Da qui si prosegue passando per Aljucén, villaggio di origine musulmana, attraversando il Parco Naturale di Cornalvo. Quando si supera il riferimento della Cruz de San Juan, ci si trova molto vicino ad Alcuéscar, la fine della tappa.

Alcuéscar ha nei suoi dintorni una basilica di grande interesse patrimoniale, risalente al VII secolo, è la basilica di Santa Lucia del Trampal, un tempio di origine ispano-visigota. Nel paese stesso si può visitare la chiesa dell’Assunzione, una costruzione gotica. All’ora di pranzo si dovrebbero provare i piatti tipici del luogo, come migas, calderetas o tencas en escabeche, il tutto accompagnato dai loro vini di Pitarra.

Alcuéscar – Cáceres

Dificultad Media-AltaTiempo estimado 8hDistancia38,2 Km

Si lascia Alcuéscar camminando tra uliveti e pascoli fino ad attraversare il ponte del fiume Ayuela e arrivare al villaggio di Casas de Don Antonio. Proseguendo parallelamente alla strada nazionale, si attraversano due pietre miliari e un ponte romano che attraversa il torrente Santiago. Da qui si deve decidere se fermarsi ad Aldea del Cano o proseguire lungo il sentiero segnalato, arrivando in entrambi i casi a Valdesalor. Il piccolo villaggio di Valdesalor ha servizi di ristorazione e precede il porto di Camellia, la parte più difficile di questa tappa. Dovrete attraversare il porto e un campo aperto per arrivare a Cáceres.

Cáceres, come la sorella dell’Estremadura, Mérida, ha una rete ben conservata di architettura storica, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Dalla sua Plaza Mayor si possono ammirare l’Arco de La Estrella, la Torre de Bujaco, il Municipio, la Torre de la Hierba e il Foro de los Balbos. Tra le altre cose da visitare la Cattedrale di Santa Maria e il Museo Provinciale, dove si trova l’imponente Almohade Aljibe Almohade. A livello gastronomico, Cáceres vi conquisterà, ha il suo formaggio della zona, la torta de Casar, come prodotto a Denominazione di Origine, che viene prodotto ancora oggi in modo molto tradizionale.

Cáceres – Embalse de Alcántara

Dificultad MedioTiempo estimado 7hDistancia33,4 Km

In questa tappa vi lascerete Cáceres e troverete Casar de Cáceres come prima città. Il Cammino vi condurrà attraverso una serie di piste sterrate, campi aperti e pietre miliari. Si passa davanti all’eremo di Santiago e si avanza fino ad attraversare il fiume Tago per arrivare al bacino di Alcántara, fine della tappa odierna.

Nel pomeriggio potrete godere di un ambiente naturale piacevole, perfetto per connettersi con se stessi e rilassarsi. Vi raccomandiamo di approfittare di questa sosta tranquilla per ricaricare le batterie per gli stadi rimanenti.

Embalse de Alcántara – Grimaldo

Dificultad BassoTiempo estimado 4hDistancia20,9 Km

In questo giorno lascerete i dintorni del bacino dell’Alcantara per raggiungere la vostra prossima destinazione: Grimaldo. Salite su un sentiero che sale sulla collina del Garrote, da dove potrete godere di una splendida vista sul lago artificiale. Proseguire verso la Sierra de Arco e attraversare il ponte di San Benito prima di raggiungere Cañaveral. Da qui si attraversa il porto di Los Castaños circondato da querce da sughero fino a Grimaldo.

Grimaldo è una località del comune di Cañaveral, storicamente luogo di passaggio per i pellegrini che si recavano a Santiago de Compostela lungo la Via de la Plata. È possibile visitare la chiesa di Santa Marina e deletairos assaggiando i loro piatti tradizionali: migas, morcilla o caldereta.

Grimaldo – Carcaboso

Dificultad MedioTiempo estimado 6hDistancia30,8 Km

Inizierete la tappa di oggi percorrendo i sentieri che corrono tra le querce da sughero fino a Riolobos. Da Riolobos si può continuare il sentiero o fare una piccola deviazione per visitare il villaggio. I vostri passi vi porteranno a Galisteo, un villaggio che costeggerete per l’impressionante muro di ciottoli messo a piedi nel secolo XIII. Lasciando Galisteo alle spalle, proseguire lungo la Via de la Plata in direzione della strada della Plasencia, attraversare il fiume Jerte e raggiungere Aldehuela del Jerte.

Infine, in pochi chilometri, si arriva a Carcaboso, alla fine della tappa. Carcaboso è un piccolo paese dove si può visitare la chiesa parrocchiale di Santiago Apóstol e degustare piatti tipici della gastronomia locale, come patatas revolconas, morcillas, callos o salsicce.

Carcaboso – Aldeanueva del Camino

Dificultad AltoTiempo estimado 9hDistancia38,6 Km

Partendo da Carcaboso, la strada di oggi vi porterà di nuovo tra sentieri pieni di querce da sughero fino a raggiungere la Finca Dehesa Venta Quemada. Da qui continuerete il vostro cammino, incontrando l’arco romano di Cáparra, una delle icone più emblematiche della Via dell’Argento. Si prosegue alternando sentieri asfaltati con sentieri boscosi fino al termine della tappa di Aldeanueva del Camino, dopo aver attraversato il ponte romano di La Garganta Buitrera.

Aldeanueva del Camino è un piccolo villaggio situato in un antico campeggio romano. Qui è possibile passeggiare per le sue strade acciottolate e visitare la chiesa di Nuestra Señora de San Servando. Qui, i piatti a base di stelle saranno stufati e stufati, con i quali speriamo che possiate recuperare le forze per continuare il Cammino.

Aldeanueva del Camino – La Calzada de Béjar

Dificultad MedioTiempo estimado 4hDistancia22,2 Km

In questo giorno lascerete l’Estremadura per entrare in Castilla y León. Si lascia Aldeanueva del Camino in direzione del villaggio di Baños de Montemayor. Da qui si prosegue a piedi verso il Puerto de Béjar, che si attraversa. L’itinerario continuerà attraversando il ponte della Magdalena, che attraversa il fiume Cuerpo de Hombre, fino ad arrivare al piccolo villaggio di La Calzada de Béjar. La Calzada de Béjar è un nucleo di meno di 100 abitanti. In essa è possibile visitare la chiesa dell’Assunzione o l’eremo del Santo Cristo della Misericordia.

La Calzada de Béjar conserva ancora la sua antica torre di guardia romana, situata intorno alla Calzada Romana. A livello gastronomico, inizierete a fare bocca con i piatti tipici della cucina castigliana, come le paltillas di agnello.

Fuenterroble de Salvatierra – San Pedro de Rozados

Dificultad MedioTiempo estimado 6hDistancia28,6 Km

Questa tappa sarà breve come la precedente, perfetta per riposare un po’ dalle lunghe giornate. Si prosegue da La Calzada de Béjar attraverso la valle di Sangusín, alternando la strada tra asfalto e sentiero, fino a Valverde de Valdelacasa. Si prosegue lungo sentieri asfaltati e sentieri rurali accompagnati da querceti e pietre miliari romane fino alla fine della tappa di Fuenterroble de Salvatierra.

Fuenterroble de Salvatierra è un luogo molto culturalmente legato alla Via de la Plata, infatti, ospita un parco tematico di questo percorso che fa parte del Centro di Interpretazione della Via. Inoltre, è possibile visitare il tempio di Santa Maria de la Blanca, in stile gotico del XV secolo, e la cappella del Cristo dell’Aiuto. Tra i suoi piatti tradizionali si possono gustare i famosi salmantinos e il prosciutto di Guijuelo.

San Pedro de Rozados – Salamanca

Dificultad BassoTiempo estimado 5hDistancia23 Km

Oggi inizierete l’ultima tappa verso Salamanca. Inizierete il percorso in direzione della città di Morille, camminando tra grandi pascoli. Poi si arriva a Miranda de Arzán e dopo 9 chilometri, alla fine della tappa di Salamanca, Salamanca è una bella e storica città dove ci si può rilassare e divertirsi.

Tra i suoi numerosi monumenti e luoghi di visita obbligatoria, vi consigliamo di conoscere la Plaza Mayor e il complesso della cattedrale, il Palazzo Storico dell’Università, la Casa delle Conchiglie, o le Torri del Clero. Dal punto di vista gastronomico vi stupirà la cucina tradizionale di questo luogo, dove non potete partire senza aver assaggiato prosciutto, salumi, formaggi e salumi.

Salamanca

A Salamanca si conclude un percorso che potrebbe essere l’inizio di molti. Quest’ultimo giorno sorgerà con una strada più nella vostra vita, ma non una strada di chilometri, ma di esperienze, emozioni e nuove amicizie.

Vi incoraggiamo a proseguire lungo il Cammino d’Argento fino a Santiago de Compostela!

*Dopo aver lasciato l’alloggio, fine del servizio.

QUESTO VIAGGIO COMPRENDE

  • 11 Giorni / 10 notti di allogio
  • Trasporto badagli tra le tappe
  • Credenziale (Passaporto del Pelllegrino in regalo)
  • Assitenza telefónica 24 ore per casi di emergenza
  • Assicurazione di viaggio
  • Documentazione completa
  • Supplemento individuale: 230€/pax
  • Notte Extra a Santiago: 55€/ind. // 35€ pax/doppia
  • Colazione: 70€/pax
  • MP (colazione e cena): 185€/pax

PREZZO

  • 545€ pax en en camera doppia

ALLOGGIO:

L’alloggio sarà una stanza privata con il proprio bagno, in ostelli , pensioni o alloggi rurali.

Hostales y/o pensionesPrezzo por persona, camera doppia 545€

* Tutti gli alloggi sono della migliore qualità, accuratamente selezionati dopo anni di esperienza e approvati dai nostri clienti.

H O T E L

Alloggio in camere private, sia negli hotel, negli ostelli o negli alloggi rurali

L’alloggio in Ostelli o Pensioni prevede camere doppie, triple o quadruple, sempre con bagno privato. Sono camere semplici, confortevoli e molto accoglienti, ideali per dormire e riposare.

* Nel caso di una prenotazione individuale avrebbe un supplemento.

Alojamiento en Hostales, hoteles y alojamientos rurales

El alojamiento en Hostales o Pensiones cuenta con habitaciones dobles, triples o cuádruples, siempre con baño privado. Son habitaciones sencillas,confortables y sin grandes lujos, pero muy acogedoras, ideales para dormir y descansar.

  *En el caso de una reserva individual tendría un suplemento.