Segovia, città spagnola e comune di Castilla y León, uno dei suoi gioielli. Fa parte del trio di capitali di questa regione dichiarata Patrimonio dell’Umanità insieme ad Avila e Salamanca.

Si trova tra i fiumi Eresma e Clamores, su un terreno elevato. Grazie al suo centro storico e al suo Acquedotto, è riuscita a diventare patrimonio dell’Umanità. Questa città ha una sua personalità data dal peso della sua storia e dal suo prezioso patrimonio romano e medievale. Oltre ad una moltitudine di chiese romaniche, la Cattedrale e Alcázar costituiscono un paesaggio incredibile che spicca in queste terre castigliane.

SEGOVIA: UNA DELLE PIÙ IMPORTANTI CITTÀ TURISTICHE DELLA SPAGNA

Città antica, con testimonianze dell’occupazione di Neanderthal 60.000 anni fa. Sia il capoluogo Segovia che la sua provincia hanno un numero infinito di fascino. Segovia è anche un ottimo punto di partenza per esplorare la provincia e avvicinarsi al Palazzo La Granja o al Parco Naturale Hoces del Río Duratón, tra le altre opzioni.

Indubbiamente le attrazioni di questo angolo di Castiglia si regalano per diversi giorni, ma se ci manca il tempo siamo sicuri che torneremo a scoprire ogni angolo che nasconde questa meravigliosa città.

COSA VEDERE A SEGOVIA?

Se avete deciso di visitare questa città e non avete idea di quello che potete vedere oltre al suo famoso acquedotto, vi mostreremo quello che non potete perdere a Segovia. Scopri perché si è guadagnata il titolo di Città Patrimonio dell’Umanità, percorri le sue strade e immergiti nella sua storia.

 

L’ACQUEDOTTO DI SEGOVIA

Si tratta di un acquedotto romano che portava l’acqua alla città spagnola di Segovia. Fu costruita all’inizio del II secolo d.C., alla fine del regno dell’imperatore Traiano o all’inizio del regno di Adriano.

Si trova sulle rive del fiume Eresma, e risale all’epoca degli iberici che lo usavano come piazza militare con la missione di controllo degli accessi alla Valle del Douro. La costruzione dell’acquedotto è stata un’opera maestosa che si è gradualmente adattata al terreno e alla natura.

Acueducto de Segovia
 

PLAZA AZOGUELO

Nell’antichità era la Plaza del Mercado, da qui il suo nome dal termine ‘azogue’ che è strettamente legato al termine ‘zoco’ (luogo di commercio e di incontro). Si trova ai piedi dell’acquedotto, nel punto più alto. Un luogo d’incontro non solo per i Segoviani stessi ma anche per gli abitanti di altri villaggi. Di solito è il punto di partenza per una visita a questa meravigliosa città.

Plaza Segovia
 

CASA DELLE VETTE

Questa casa è stata costruita nel XV secolo, e la cosa che più colpisce di questo edificio è la facciata completamente ricoperta di picchi. Fu costruita in questo modo per evitare lo stile ebraico dell’epoca. La sua facciata contiene 360 cime di granito e, secondo una delle leggende raccontate, sotto una di queste cime è un tesoro.

All’interno di questa casa troviamo un cortile in stile rinascimentale. I dettagli e la decorazione sono basati su piastrelle Talavera che ricreano i monumenti più significativi di Segovia.

Casa de Los Picos en Segovia
 

GIOVANIA

Era un quartiere della città di Segovia abitato dalla comunità ebraica almeno dal XII secolo e fino alla sua espulsione con l’Editto di Granada promulgato dai Re Cattolici nel 1492. All’epoca era una delle comunità più ricche e popolate della Castiglia.

 

ALCÁZAR

L’Alcázar de Segovia, una costruzione militare situata tra i fiumi Eresma e Clamores. Risale all’inizio del XII secolo e fu una delle residenze preferite dai re per tutto il Medioevo. Oltre all’uso militare, in seguito ne ebbe altri. Nel corso degli anni è stato più volte ricostruito e modificato, passando da fortezza a residenza signorile. Oggi troviamo uno stile di transizione tra romanico e gotico con una sobrietà caratteristica dello stile cistercense.
Alcázar de Segovia
 

CATTEDRALE DI SEGOVIA

Costruito tra il XVI e il XVII secolo, in stile gotico con sfumature rinascimentali. E ‘considerato uno degli ultimi in Spagna, eretto nel XVI secolo. È conosciuta come la Signora delle Cattedrali per le sue dimensioni e la sua eleganza. La cattedrale cominciò a sorgere nel 1525, sotto il regno di Carlo V, fu costruita dopo essere stata distrutta dalla vecchia cattedrale da un incendio durante la guerra delle comunità nel 1520.

A seconda del tempo che abbiamo e del desiderio di scoprire la città è possibile pianificare visite alle enclavi più famose. Consigliamo sempre di recarsi all’ufficio turistico per essere informati su tutto ciò che possiamo visitare.

In questo articolo ve ne abbiamo mostrati alcuni, ma come città Patrimonio dell’Umanità, contiene un’infinità di monumenti che fanno un viaggio attraverso la storia di Segovia, come la vecchia sinagoga, la Plaza de las Sirenas, il Muro, il Mirador del Valle de Clamores, e così via.

Catedral de Segovia
 

DOVE MANGIARE?

Dopo una lunga giornata di visita ai principali punti di interesse di Segovia, non possiamo partire a stomaco vuoto, tanto meno in una città che si distingue per la sua gastronomia tradizionale. Parlare di Segovia implica necessariamente parlare della sua tradizione di arrosti da forno a legna.

Il piatto per eccellenza della gastronomia di Segovia è senza dubbio il maialino da latte, un animale di pochi giorni, cotto al forno con burro, olio, limone, sale e un po’ di prezzemolo. Il secondo piatto forte di questa città sono i fagioli di La Granja, grandi fagioli neri o bianchi.

Nei menu dei ristoranti di Segovia non tutto è carne, anche la trota di fiume ne fa parte, uno dei prodotti autoctoni. Anche se dobbiamo dire che non possiamo dimenticare altri piatti molto comuni di queste terre come la zuppa castigliana, stufati di selvaggina o stufato di agnello alla pastorella.

Infine, possiamo assaggiare un punch Segovia, una specie di torta dall’interno cremoso. Anche a Segovia troveremo altri dolci, come amarguillos, ciegas, rosquillas de pascua, piñones buns e una grande varietà di prodotti di pasticceria.

LE NOSTRE RACCOMANDAZIONI

A seguire vi indicheremo alcuni dei ristoranti in cui poter degustare queste prelibatezze.

Mesón de Cándido si trova nella Plaza del Azoguejo, ai piedi dell’acquedotto. Uno dei ristoranti con il miglior punteggio e forse quello che riassume nel suo menu tutta la gastronomia di Segovia. La tradizione si è conservata nonostante il passare del tempo.

Mesón José María, situato in Calle Cronista, è uno dei più rinomati. Qui potremo gustare i prodotti della zona, in particolare il pesce che offre una grande varietà nella sua lettera.

Casa Duque, uno dei ristoranti più prestigiosi della città in cui, come a Mesón Cándido, offriamo cucina tradizionale locale.

Diversi fattori come la sua posizione, il clima e la storia ci faranno confermare che la gastronomia di Segovia è una delle più ricche di Spagna. Cucina tradizionale, un mix millenario di sapori e prodotti locali, una delizia per il palato.
Sono sicuro che ti interesserà anche tu: