Senda del Oso ▪ Percorso dalle Asturie

Questo luogo naturale è l’ideale se siete alla ricerca di un percorso interessante in un ambiente fresco e all’aria aperta. Preparatevi in modo che tutte le aspettative di una giornata nelle foreste asturiane siano soddisfatte. Questo percorso può essere fatto sia in bicicletta o a piedi, in quanto la sua suddivisione in sezioni è strategicamente preparata per esso. Potete anche contare sull’idea indispensabile di prendere il vostro animale domestico o di trascorrere la giornata con tutta la famiglia. Vi diremo come accedere a queste possibilità, ma prima vogliamo che sappiate da dove viene “il sentiero dell’orso”.

Questa greenway si trova di fronte ai binari di un vecchio trenino minerario. 20 anni dopo, quando un bracconiere uccise una madre orso, nacque la necessità di dare una casa ai loro piccoli. Questi ultimi non hanno potuto adattarsi alla vita in natura e sono stati assegnati al Fondo asturiano per la protezione degli animali. Da allora, la sua casa è sulla via dell’orso. Paca e Tola, i due cuccioli vivono in semilibertà, su un pezzo di terra a metà strada.

 Come fare il viaggio

Potete adattare la vostra pianificazione alle ore di relax. Potete anche tenere conto di quante persone faranno questo viaggio con voi. Le opzioni sono ampie: ci sono sedie, rimorchi e semitandem per bambini. Il percorso è addirittura adattato in modo che almeno il 90% dell’intero percorso possa essere effettuato su una sedia a rotelle con il massimo comfort. Se si sceglie di fare il percorso in bicicletta, che si trova alla prima uscita (Tuñón) troverete negozi di noleggio che hanno tutti i mezzi di trasporto che abbiamo già menzionato per facilitare il vostro viaggio. Non dimenticare che se prendi il tuo animale domestico come compagno di viaggio devi essere preparato al viaggio con l’acqua. E se il vostro amico peloso è calmo o di età avanzata, tenete presente che potrete noleggiare un’auto per rimorchiarla (dalla bicicletta) nei viaggi del viaggio in cui si stanca.

Si può iniziare il percorso nella zona ricreativa di Tuñón (Km. 18), a Villanueva (Km. 23), Proaza (Km. 26) o da Caranga (Km. 31).

Sezioni in cui è suddiviso il percorso

Opzione 1: da Tuñón a Cueva Huerta.

All’inizio, attraverserete il fiume Trubia dalla sua riva sinistra per circa 3,5 km con un piccolo bivio che vi farà cambiare lato fino a trovare un ponte di pietra. Questo ponte medievale in pietra indica che siete arrivati a Villanueva e che ritornerete sulla riva sinistra del fiume. 1,5 km dopo, si raggiunge l’area ricreativa Proaza (l’attrazione principale del percorso) dove gli orsi Paca e Molina risiedono in semilibertà. Essi raccomandano che se si vuole godere di guardarli, si sceglie di pianificare tutto in modo tale da arrivare intorno a mezzogiorno. Dal momento che gli orsi sono alimentati in questo momento, sarà il momento in cui è meglio vederli a contatto con gli esseri umani. Dopo questa deliziosa sosta per gli amanti degli animali, 4 km più avanti troverete un bivio. Vi permetterà di decidere se andare a Entrago (che significa una strada di 10 km in più) o se andare a Santa Marina (16 km). Dobbiamo sottolineare che l’ultima opzione permette di estendere la strada per godere di un bacino artificiale con area ricreativa chiamata Valdemurrio. Qui potete noleggiare canoe e rendere completa la vostra esperienza sportiva. Al chilometro 6 di questo tratto avrete raggiunto Proaza, qui vedrete una centrale idroelettrica che funziona da una splendida cascata. E poi, 4,5 chilometri oltre è dove i sentieri del Sentiero dell’Orso si biforcano davvero. Prendendo la strada a destra, al chilometro 20 si può riposare in un’area predisposta e recuperare le forze per continuare. Ancora 9 chilometri e sarete arrivati a Cueva Huerta.

Opzione 2: da Proaza a Teverga.

La distanza totale è di 14 km e si stipula di prendere circa 4 ore, è stato inaugurato nel 1996. Si passa attraverso la catena montuosa della Caranga, la scogliera armata, la poltrona del re e la scogliera di scogliera insieme.

Opzione 3: da Proaza a Quiros.

Distanza totale di 8 km e 4 ore. Questo viaggio finisce a Santa Marina. E ‘stato inaugurato nel 1999 e inizia dopo la gola di rocce insieme, passando per il villaggio di Caranga de abajo (Proaza).

Sappiamo che il percorso può sembrare un po ‘complicato nella sua spiegazione di base, quindi vogliamo che conosciate alcuni punti che vi faranno decidere di effettuare questo percorso. In primo luogo, è perfettamente segnalato con continui chiarimenti che fanno riferimento sia agli indirizzi che alle precauzioni da prendere. In secondo luogo, non abbiamo parlato della meraviglia naturale davanti ai nostri occhi. Dal salmone del fiume ai tunnel rivestiti di muschio, passando per il verde che inonda questo paesaggio. Non ve ne pentirete se siete amanti della natura, soprattutto se siete interessati a conoscere i famosi orsi e la loro storia. Coraggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *