Qual è il momento migliore per fare il Cammino di Santiago?

camino invierno

Qual è il momento migliore per fare il Cammino di Santiago? Un fattore molto importante per decidere quando fare il Cammino di Santiago è il tempo, in quanto influisce sulla qualità del nostro viaggio e sulla difficoltà delle diverse tappe; pertanto è consigliabile tenerlo sempre presente quando si inizia a preparare il viaggio, come ad esempio il percorso scelto, la distribuzione delle tappe e i vestiti o il tipo di calzature che dovremmo portare nel nostro bagaglio.

In questo articolo vi informiamo sulle caratteristiche di ogni periodo dell’anno in relazione al Cammino di Santiago, affinché possiate fare la migliore esperienza possibile.

Bassa stagione:

È approssimativamente da novembre a fine febbraio o inizio marzo, i mesi più freddi dell’inverno. Durante questo periodo, pioggia, vento e gelo sono frequenti, ed è anche possibile trovare la neve nei tratti più alti, come a Roncisvalle o O Cebreiro, quindi è consigliabile prendersi il tempo di conoscere il percorso che si sta per fare per evitare di fare brutte esperienze.
L’assenza di pellegrini in queste date influenza anche i servizi, poiché alcuni stabilimenti decidono di chiudere in questo periodo, per cui si dovrebbe iniziare ogni tappa con cibo e acqua per evitare di trovare luoghi di riposo.
Non meno importante è la scelta dei bagagli: si consiglia di indossare abiti in grado di resistere al freddo, al vento e alla pioggia e scarpe impermeabili, preferibilmente leggere per non portare troppo peso.
Ma ha anche il suo lato positivo, e cioè che potrete godervi il percorso in tutta tranquillità, avrete il Cammino tutto per voi, la natura nel suo lato più selvaggio vi offrirà paesaggi spettacolari.

Stagione media:

Corrisponde ai restanti mesi dell’anno, e per molti è il momento perfetto per fare il Camino de Santiago, poiché le temperature sono di solito abbastanza miti, intervallate da giornate di sole e piogge. Vi innamorerete del paesaggio autunnale che si disegna nelle foreste galiziane e dei campi colorati e dei sentieri pieni di fiori in primavera. La folla in questo periodo dell’anno non è di solito un problema per godersi l’esperienza, incontrerete persone meravigliose senza il rumore travolgente dei pellegrini lungo tutto il percorso, quindi sarà più facile per voi rilassarvi e staccare la spina.

camino otoño

Alta stagione:

Va da metà maggio a metà settembre. In estate le temperature tendono ad essere più calde, soprattutto nelle zone dell’altopiano castigliano a causa della mancanza di ombra su molti tratti del percorso. Nelle Asturie o in Galizia, invece, non avrete questo problema, poiché il caldo raramente diventa soffocante e avrete molta vegetazione lungo il percorso, cosa che allevierà la sensazione di essere sopraffatti. Un fattore molto importante da tenere in considerazione è la grande affluenza di pellegrini in questi mesi, gli alloggi possono raggiungere il 100% della loro occupazione per cui è consigliabile prenotare l’alloggio e altri servizi prima di iniziare il viaggio.
Se volete evitare il diluvio di persone, vi consigliamo di evitare i percorsi più popolari, come la via francese o portoghese, e di scegliere altri percorsi che, anche se meno richiesti, sono altrettanto spettacolari.
Per quanto riguarda i bagagli, si consiglia di indossare abiti freschi e scarpe traspiranti, una buona protezione solare per evitare scottature della pelle e di non dimenticare il costume da bagno, perché troverete posti dove potrete fare un buon tuffo per alleviare la fatica.

Da prendere in considerazione:

Sappiamo che non sempre è possibile scegliere il periodo migliore dell’anno per fare il Cammino di Santiago e dovremo adattarci alle nostre circostanze personali o alle nostre vacanze al lavoro. Tuttavia, che sia inverno o estate, la cosa più importante è viaggiare ben informati, con attrezzature adeguate e soprattutto con una grande voglia di vivere l’esperienza al 100%.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *