Prendersi cura dei piedi lungo il percorso: vi insegniamo

E ‘molto importante prestare particolare attenzione ai nostri piedi se decidiamo di fare il viaggio, in quanto saranno responsabili per portarci a Santiago de Compostela, in questa guida vi mostreremo alcune raccomandazioni per mantenerli in perfette condizioni, e come evitare lesioni che ostacolano lo sviluppo del viaggio.

 

Scegliere le calzature e i calzini giusti

Ovviamente, il tempo in cui faremo il nostro viaggio a Santiago sarà determinante per scegliere una buona scarpa.

Stivali: sono i più adatti per camminare nelle stagioni fredde e piovose. Ci aiuteranno a superare qualsiasi superficie, ci proteggeranno dall’acqua e ci garantiranno una buona sottomissione alla caviglia.

Scarpe da trekking: sono senza dubbio le migliori per i tempi più asciutti e più caldi, non offriranno la stessa protezione degli scarponi da montagna, ma un vantaggio è che di solito sono più leggeri, e d’altra parte manterranno i nostri piedi molto più freschi e asciutti.

Infine si consiglia l’uso di calze senza cuciture, e mantenere i piedi asciutti per evitare sfregamenti e vesciche.

 

 

 

Utilizzare vaselina

L’applicazione di un sottile strato di gelatina di petrolio idrata la pelle e previene l’attrito con le calzature, producendo sfregamenti o vesciche che a lungo andare possono essere molto fastidiose. Per le persone che tendono a sudare molto, il più conveniente sarà il talco in polvere che manterrà il piede asciutto e privo di funghi.

Prevenire è meglio che curare, quindi è vivamente consigliato realizzare un piccolo kit contenente tutto il necessario per guarire una possibile ferita, unguenti, aghi per suturare, garze, bende, bende e qualche antisettico in più sarà l’ideale in caso di subire qualsiasi lesione.

 

Idratare i piedi

Dopo una lunga camminata, l’ideale è massaggiare la pianta del piede con una crema idratante dopo il bagno e rilassare la zona in modo che il giorno successivo possiamo affrontare la nuova fase senza problemi. È importante non fare la doccia poco prima di andare a fare una passeggiata, perché la pelle si ammorbidirà e faciliteremo la comparsa delle vesciche.

Cosa fare con una fiala

Anche se i medici non lo raccomandano, sarà necessario trattare la fiala se siamo a metà strada, l’ideale è farla scoppiare con un piccolo ago disinfettato in precedenza coprendo la ferita con un cerotto o una garza in seguito, per evitare l’infezione, si dovrebbe tenere presente che non si dovrebbe mai rimuovere la pelle in eccesso, come l’unica cosa che otterremo è quello di ampliare il focus dell’infezione.

Cosa ne pensi dell’articolo? Non esitate a lasciare le vostre raccomandazioni nella sezione commenti.

Sono sicuro che ti interesserà anche tu:

Puntúa el Articulo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *