Portomarín • una città resuscitata dal fiume Miño

Portomarín

L’affascinante cittadina galiziana di Portomarín si trova nella provincia di Lugo. Questo piccolo villaggio nato ai piedi del fiume Miño, conserva nella sua storia e nella sua origine eventi davvero curiosi e notevoli. Inoltre, è un luogo eccezionale sul Cammino Francese, che ha appena 1.500 abitanti ed è visitato da migliaia di pellegrini ogni anno. Assume grande importanza all’interno del percorso giacobino, in quanto è la fine della prima tappa del Cammino francese da Sarria.

In questo post vi raccontiamo tutto su Portomarín: curiosità, origine e tante cose da vedere e da fare. Se state pensando di fare la Via Francese, prendete nota per non perdere nessun dettaglio di questo bellissimo posto.

Origine di Portomarín

La città di Portomarín si è sviluppata durante il Medioevo, ai piedi di un ponte romano sul fiume Miño. Il fatto più curioso legato a questo villaggio è che ha dovuto essere spostato nel XX secolo. Nel 1962 sul fiume Miño fu costruito il bacino di Belesar, il che significa che il sito originale di Portomarín fu inondato d’acqua. Per questo motivo gli edifici civili e religiosi della città sono stati letteralmente spostati in una nuova sede. Il luogo scelto per la nuova sede era un po’ più alto del sito originale, sul Monte do Cristo.

Diciamo che è stato spostato “letteralmente”, perché ci sono stati casi, come la chiesa di San Nicolás, dove i blocchi di pietra sono stati segnati per ricomporre la chiesa nella nuova sede con tutti i pezzi al loro posto. Se si guarda da vicino, si possono ancora vedere le iscrizioni sulle pietre delle mura della chiesa.

Oggi è considerata una città giovane con appena 50 anni di storia, ma nasconde un passato pieno di storie e leggende. A seconda del periodo dell’anno in cui visitiamo Portomarín, o del tempo in quel giorno, se il giorno è sereno possiamo vedere in fondo alla valle i resti della vecchia Portomarín.

Che verme a Portomarín?

Anche se siamo in una piccola città con pochi abitanti, Portomarín offre una vasta gamma di attività culturali. Vi assicuriamo che vale la pena visitarlo, sia da soli che facendo il Cammino di Santiago. Ogni angolo di questo villaggio racconta una storia e i suoi dintorni ci regalano un paesaggio da sogno.

Chiesa di San Nicolás

Costruita nella piazza centrale e spaziosa del centro storico del paese, è una chiesa che risale al XII e XIII secolo. È anche conosciuta come la chiesa di San Juan. È stato costruito in stile romanico, e le sue coperture e la decorazione dei suoi capitelli interni sono notevoli. Il grande rosone che presiede l’ingresso del tempio è il segno del passaggio allo stile gotico vissuto al momento del completamento della chiesa.

Chiesa di San Nicolas

Scale e cappella della neve

La scala è una curiosa scala in pietra di granito che conduce alla Cappella delle Nevi. Questa scala disegna un arco nel suo profilo, situato sopra la strada. Da esso si può vedere una vista imbattibile del bacino di Portomarín. È stato costruito utilizzando l’antico ponte medievale e conduce al centro della città.

La Capilla de las Nieves era la cappella del vecchio ospedale. Si dice che chiunque si fermi a riposare in mezzo alle scale sarà maledetto e punito con molti anni di sfortuna in amore. Quindi, nonostante la stanchezza accumulata, soprattutto per i visitatori che vengono a piedi da Sarria, si consiglia di non fermarsi a scattare la foto in mezzo alle scale a causa di ciò che potrebbe accadere.

Scale e cappella della neve

Pazo del Conde da Maza

Conosciuto anche come il Pazo del General Paredes, era di proprietà del Conte di Taboada con il cognome di La Maza, discendente di una grande famiglia militare. Questo edificio, insieme ad altri, è stato uno di quelli salvati dal bacino di Belesar per essere trasferito nella nuova sede del villaggio. Risale al XVI secolo e attualmente funge da edificio del municipio. Si trova nella stessa piazza della chiesa di San Nicolás.

Il municipio di Portomarín

Il Portomarín primitivo

Se il viaggio si svolge durante i mesi autunnali, siete fortunati, perché potrete vedere i resti del vecchio villaggio inondato dal bacino idrico. I resti delle case dinamite, i resti dell’antico ponte romano e il carillon originale evocano la nostalgia. Si possono vedere anche i famosi “caneiros”, edifici in pietra a forma di V che venivano utilizzati per la tradizionale pesca dell’anguilla. Vi invitiamo ad attraversare il fiume attraverso il vecchio ponte per godervi la vista spettacolare e ricreare nella vostra immaginazione come sarebbe stato il villaggio oggi, se non fosse stato costruito il bacino idrico.

primitivo Portomarín

Dove mangiare?

Dopo aver passeggiato per le vie di questa città e averne scoperto angoli e storie, è possibile che ci sia stato aperto l’appetito per quello che per la nostra esperienza nell’organizzazione di questo tour e per l’opinione dei nostri clienti vi consigliamo:

Ristorante o Mirador

Questo ristorante si sviluppa su due piani con servizio di caffetteria e ristorante con due ampie terrazze, una delle quali coperta da una vista imbattibile sul fiume Miño. Al piano superiore, un ristorante che serve piatti tipici galiziani e una terrazza con zona chill out.  Ristorante o Mirador è specializzato in carni selvatiche e pesce. Offre anche un menu giornaliero a partire da 10 euro. E’ particolarmente consigliabile in tempi di clima mite, dove si può godere di un meritato riposo dopo aver completato la tappa.

Ristorante Meson Do Loyo

Si tratta di un’azienda a conduzione familiare con quasi quarant’anni di esperienza in cui il trattamento stretto e familiare la rende una delle più alte e apprezzate offerte gastronomiche della zona. Un ampio menù composto da piatti fatti in casa ci lascerà affascinati quando visiteremo questa locanda. Tra tutte le lettere ci sono l’anguilla e la bistecca, poiché non dobbiamo dimenticare che Portomarín è un posto di rilievo nella pesca dell’anguilla, una prelibatezza che non si può lasciare senza provare.

Portomarín

Birreria Casa Cruz

Se quello che vogliamo è buona musica, buona atmosfera, un trattamento di qualità e un ampio menù a base di razioni e tapas con cui provare diversi piatti in modo economico, Casa Cruz è un buon posto. È molto famosa per i suoi pasti dopo cena, accompagnati dal miglior brandy fatto in casa di tutto il villaggio.

Altre cose da fare a Portomarín

Come in ogni angolo della Galizia, l’offerta patrimoniale, così come l’ampio menù gastronomico, è una delle attrazioni turistiche. Portomarín si distingue anche per la sua terrazza sul fiume Miño, nel suo Club Nautico. Per gli amanti degli sport acquatici e della vita all’aria aperta, consigliamo una sosta a Casa Santa Mariña. Qui è possibile praticare alcuni dei tanti sport acquatici e all’aperto offerti, come il canottaggio, l’equitazione, la guida di un quad o una rilassante gita in kayak. Una buona opzione per i più avventurosi.

Agencia de viajes especialista en el Camino de Santiago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *