La Via Aragonese, è una delle sezioni del Cammino Francese, e fa parte del Porto di Somport (Huesca). In totale ci sono quattro itinerari di pellegrinaggio che partono dalla Francia per raggiungere la provincia di Galizia e abbracciare l’Apostolo. Si dice che questo Cammino si unisca al resto nel Puente de la Reina, ma in realtà vicino al Cammino Navarrese, ce n’è solo uno che si unisce all’eremo di San Salvador, nella città di Óbanos.

Questo percorso ha un totale di 170 chilometri attraverso le province di Huesca, Saragozza e Navarra per raggiungere il Camino Navarro. Da quel punto si condivide la rotta francese. Durante sei tappe, il pellegrino potrà attraversare uno dei quattro sentieri giacobei già utilizzati dai pellegrini del Medioevo, la Via Tolosana. Parte della città francese di Arles fino al porto di Somport, essendo la più meridionale delle quattro rotte giacobine che raggiungono la penisola.

Quieres hacer el camino de santiago y no sabes por donde empezar

Allo stesso tempo, il pellegrino potrà godere di paesaggi incredibili e diversi ad ogni tappa. Troverete diverse località, farete un viaggio attraverso la sua storia, le sue tradizioni e le sue leggende.

Storia

La via Aragonese non è la più antica che esiste. Risale probabilmente all’XI secolo, quando i primi re d’Aragona decisero di ricostruire e migliorare la rete di comunicazione del loro territorio. Hanno riparato strade romane, costruito ponti, così come rifugi e bagni sulle strade principali. Il cambiamento è stato determinato dall’arrivo di pellegrini e viaggiatori al porto di Somport. Era una rete di autostrade e strade con ramificazioni provenienti da zone di Francia, Inghilterra, Italia, Italia, ecc. La comparsa di reliquie religiose ha aumentato il numero di monasteri e santuari. Questo ha portato alla creazione di nuovi percorsi per i pellegrini interessati ad accedere alle chiese e a contemplare i miracoli del Cammino di Santiago.

A partire dal XVI secolo a causa di una serie di eventi ha causato un calo abbastanza noto dell’afflusso di pellegrini su questo itinerario. Tra gli eventi che avrebbero potuto provocarla ci sono i disaccordi tra Europa e Spagna per motivi religiosi. A causa della militarizzazione che questo conflitto comportava, le vie erano molto più sorvegliate e i pellegrini cercavano alternative. Questa via divenne obsoleta e qualcosa nell’oblio.

Tappe della strada

La Via Aragonese non è un itinerario facile, in quanto non è percorribile in qualsiasi periodo dell’anno. In inverno, piuttosto che nei mesi di novembre fino all’inizio di aprile, non possiamo sfuggire alle continue nevicate, poiché attraverseremo i Pirenei. Nei restanti mesi la temperatura è molto più piacevole, ma ci sono momenti in cui il percorso a piedi diventa abbastanza difficile perché le ombre sono scarse.

L’accesso al punto di origine per iniziare il Camino è qualcosa che non ci causerà alcun problema che può essere fatto direttamente in autobus da Jaca. Sarà il primo giorno di un itinerario con un totale di sei tappe fino a raggiungere il Cammino di Francia.

1a tappa : Somport – Jaca (32 km.)

Inizieremo il nostro Cammino nel punto di partenza di cui abbiamo già parlato nei Pirenei, e attraverseremo la maggior parte dei chilometri percorsi dalla provincia di Huesca. È la tappa più lunga dell’intero percorso, ma abbiamo il vantaggio di scendere quasi sempre in discesa. Attraverseremo la stazione e il villaggio di Canfranc, Villanúa, Castiello de Jaca e infine Jaca.

2° tappa: Jaca – Arrés (25,4 km.)

In questa seconda fase continueremo ad essere a Huesca. In direzione ovest si scende nella valle che raggiunge Santa Cilla e Puente de la Reina de Jaca. Dopo questa comoda discesa, dovremo prendere una boccata d’aria e salire per poco più di due chilometri fino alla nostra destinazione Arrés, una città difensiva.

3° Tappa: Arrés – Ruesta (28,4 km.)

In questa terza tappa del Cammino Aragonese entriamo nella provincia di Saragozza, precisamente per raggiungere Artieda, poi il serbatoio di Yesa e culminare in Ruesta.

4a tappa: Ruesta – Sangüesa (22 km.)

Una discesa ci aspetta per iniziare questa quarta tappa da Ruesta. Per circa otto chilometri saliremo sul monte Fenerol, una vista impressionante del bacino di Yesa. Tutto ciò che sale scende, quindi scenderemo fino alla strada romana che entra nel villaggio di Undués de Lerda. Attraverseremo la separazione tra Navarra e Aragona per arrivare infine a Sangüesa.

5a tappa: Sangüesa – Monreal (28,4 km.)

Lasciamo la città di Sangüesa lungo una strada disabitata tra le montagne. Da Izco attraverseremo la città di Abínzano, poi Salinas de Ibargoiti. Infine arriveremo a Monreal, situato ai piedi della grande montagna dell’Higa de Monreal.

6a tappa: Monreal – Puente la Rein (30,4 km.)

L’ultima delle tappe di questa via aragonese e come la prima sarà una tappa lunga e un po’ costosa. Il suo profilo è caratterizzato dall’irregolarità dei primi chilometri. Attraverso la Sierra de Aláiz seguiamo il percorso ondulato che ci porterà a conoscere le città di Yárnoz, Otano, Ezperun, Guerendiáin, Tiebas, Muruarte e Olcoz.

Inizieremo la discesa verso Enériz prima di arrivare a Óbanos dove troveremo la confluenza con il Cammino Francese, e da lì alla città di Puente la Reina, la fine del tratto del percorso aragonese.

We will start our descent to Enériz before arriving at Óbanos where we will find the confluence with the French Way, and from there to the town of Puente la Reina, the end of the stretch of the Aragonese route.

A route in which the only disadvantage if there are any are the few inhabitants who are in their villages, so we must plan the stages very well and enjoy the pilgrimage fully.

A Way that maintains its essence, its landscapes of great beauty and the feeling of isolation, peace and freedom. Few hold that scent.

Agencia de viajes especialista en el Camino de Santiago