Il Cammino Mozarabico in direzione di Santiago de Compostela, è un percorso storico. Un percorso che rende omaggio a tutti quei cristiani di nome Mozarab che soggiornarono nei territori di Al-Andalus. Un percorso tra paesaggi diversi, passando tra ulivi o campi di cereali. Ricorda il tempo in cui, sebbene repressi, questi cristiani mantennero la loro fede e la loro devozione, e come prova di ciò fino ad oggi (e grazie alle varie associazioni del Camino de Santiago) è riuscito a mantenere questo percorso millenario. Volete sapere?

Storia del Cammino Mozarabico

Nel sud della penisola, la devozione all’apostolo Santiago è nata come in punti del nord. Questo culto dopo la conoscenza del ritrovamento del resto fatto molti pellegrini hanno iniziato un percorso per raggiungere Santiago. Una strada che fu usata dai cristiani che vivevano in territori arabi, essendo una delle più antiche vie di Santiago.

La scoperta dei resti dell’Apostolo ha fatto sì che molti dei cristiani sotto la dominazione musulmana tentassero il pellegrinaggio in Galizia, preservando così la loro fede. L’itinerario segnato per raggiungere il sepolcro è stato consolidato soprattutto nei periodi di pace. I mozarabi di Almería, Granada, Malaga e Jaén seguivano le antiche strade romane, convergenti su Antigua Córdoba. Da lì erano diretti a Merida.

Quieres hacer el camino de santiago y no sabes por donde empezar

Tappe

Come per le altre strade, questo non è un unico percorso, ma un insieme di esse. Itinerari millenari che partono da città diverse per unificare nello stesso punto. Il Cammino Mozarabico ha punti di partenza da Malaga, Almeria, Jaen e Granada, tutti arrivando alla vecchia Cordoba per continuare a Merida e continuare lungo la Via de la Plata. Un’altra opzione è quella di prendere il Camino Sanabrés.

Si può iniziare questo itinerario giacobeo attraverso l’Andalusia da diverse città come Almeria, Granada, Jaen, Malaga o Cordoba per terminare a Merida. Non ci sono itinerari fissi, i seguenti sono quelli raccomandati dalle Associazioni degli Amici del Camino de Santiago.

Da Almería 

Almería – Rioja (23 km)

Rioja – Alboloduy (15 km)

Alboloduy – Abla (27,2 km)

Abla – Huéneja (21,5 km)

Huéneja – Alquife (20 km)

Alquife – Guadix (27,3 km)

Guadix – La Peza (22 km)

La Peza – Quéntar (27,6 km)

Quéntar – Granada (18,6 km)

 
Camino de Santiago mozárabe desde Almería

 

Da Granada 

Granada – Pinos Puente (19 km)

Pinos Puente – Moclín (16 km)

Moclín – Alcalá Real (21,8 km)

Alcalá Real – Alcaudete (23,7 km)

 
Camino de Santiago mozárabe desde Granada

Da Jaén 

Jaén – Martos (20,74 km)

Martos – Alcaudete (22,80 km)

Alcaudete-  Baena (24,6 km)

 
Camino de Santiago mozárabe desde Jaén

Da Málaga

Málaga – Junta de los Caminos (10,8 km)

Junta de los Caminos – Almogía (12,2 km)

Almogía – Villanueva de la Concepción (17,5 km)

Villanueva de la Concepción – Antequera (16,3 km)

Antequera – Cartaojal (11,4 km)

Cartaojal – Villanueva de Algaidas (12,5 km)

Villanueva de Algaidas – Cuevas Bajas (9,9 km)

Cuevas Bajas – Encinas Reales (5,7 km)

Encinas Reales – Lucena (20,4 km)

Lucena – Cabra (13 km)

Cabra – Doña Mencía (11,9 km)

Doña Mencía – Baena (8,7 km)

 
Camino de Santiago mozárabe desde Málaga

Baena e Córdoba  (Connessione)

Baena – Castro del Río (19,9 km)

Castro del Río – Espejo (9,6 km)

Espejo – Santa Cruz (12 km)

Santa Cruz – Córdoba (24,3 km)

 Desde Córdoba (hasta Mérida):

Córdoba – Cerro Muriano (18,4 km)

Cerro Muriano – Villaharta (21,18 km)

Villaharta – Alcaracejos (35,53 km)

Alcaracejos – Hinojosa del Duque (21,56 km)

Hinojosa del Duque – Monterrubio de la Serena (32,19 km)

Monterrubio de la Serena – Campanario (39,17 km)

Campanario – Medellín (37,33 km)

Medellín – San Pedro de Mérida (28,20 km)

San Pedro de Mérida – Mérida (16 km)

 
Camino de Santiago mozarabe desde Cordoba

Il momento migliore per farlo

Se decidiamo di fare questo percorso dobbiamo tenere a mente quanto è meglio farlo per evitare che sia un inferno. Si consiglia di evitare i mesi estivi, è qualcosa di molto importante. Nel sud della penisola il caldo è piuttosto insopportabile nei mesi estivi, possiamo arrivare ad essere a 40 gradi all’ombra. Si consiglia di camminare su questo percorso nei mesi autunnali o all’inizio dell’inverno, possiamo godere di una temperatura molto piacevole.

 Alloggio e segnaletica

Forse è ciò che ci incoraggia o meno a fare la Via Mozaraba. Per quanto riguarda la segnaletica, dobbiamo dire che praticamente in tutta la sua disposizione è abbastanza corretta, anche se a volte dovremo orientarci. Le Associazioni di Amici del Cammino, come quella di Almeria, stanno facendo un enorme lavoro di recupero del layout e della segnaletica. Da Granada o Cordoba è molto facile seguire le indicazioni ed entrare in ogni città.

Per quanto riguarda la questione dell’alloggio tra le tappe, l’unico problema si troverà nel tratto che va da Granada a Córdoba, dove non ci sono ostelli. Ma c’è una soluzione e tutto questo grazie ad alcuni municipi che solitamente ne abilitano l’installazione. In alcuni villaggi, se il municipio non è responsabile, le parrocchie accolgono tutti i pellegrini che desiderano soggiornare. Stiamo parlando di ostelli, ma non dimentichiamo che non ci sarà mai un problema in tutto il percorso di soggiorno in alloggi come ostelli, pensioni, ecc.

Oggi, ad essere onesti, sono pochi i pellegrini che percorrono il Cammino mozarabico che si collega con la Via de la Plata. Ma vi assicuriamo che si tratta di un percorso in cui scoprirete incredibili paesaggi e storia in ogni tappa. Un’esperienza che non dimenticherete mai. Cosa state aspettando? Buona Via!