Il Codex Calixtinus, in latino
Codex Calixtinus
è un manoscritto datato negli anni centrali del XII secolo, di grande importanza per la cultura giacobina e, in generale, per tutto lo sviluppo storico del tardo Medioevo. Scritto in latino, la copia originale è conservata nella stessa cattedrale di Santiago de Compostela, anche se ci sono diverse copie successive distribuite in vari paesi.

La sua stesura fu promossa dalla Chiesa Compostelana al tempo della arcivescovo
Diego Gelmirez
(1068 – 1140), che cercò solo di consolidare l’importanza di Compostela come importante sede apostolica e centro di pellegrinaggio: in breve, fare di Santiago un importante centro della cristianità, come Roma e Gerusalemme.

Buone relazioni con il Papato e il potente ordine monastico di Cluny aiuterebbero molto in questo compito.

È un ampio testo diviso in cinque libri: testi liturgici relativi all’apostolo San Giacomo, miracoli a lui attribuiti, le vicissitudini del traslatio (viaggio per trasferire i resti dell’Apostolo nelle terre della Galizia), la presenza di Carlo Magno in Hispania per liberare le strade di Compostela dai musulmani e la guida del pellegrino dalla Francia a Santiago. Altre storie di miracoli, composizioni musicali e testi di giustificazione del lavoro completano questo compendio della cultura giacobina.

Un testo, molti autori.

Attribuito nella sua interezza a uno o forse più autori anonimi, nel caso del Libro V, quello che ci interessa di più come guida per il pellegrino medievale, la maggior parte degli esperti concorda nell’indicare un autore, il monaco francese
Aymeric Picaud
. La Chiesa di Compostela ha storicamente legato la paternità al papa cluniacense
Callisto II
(1050? – 1124), e da qui il nome dell’opera, anche se questa attribuzione fu forse data per legittimare e dare autorità a questo libro e alla stessa città di Santiago come sede apostolica. Così, questo pontefice apparirebbe come l’autore del primo e più esteso libro e di parte del secondo, anche se, se torniamo agli esperti, questa attribuzione sarebbe falsa.

Quest’opera è stata chiamata in modi diversi, a seconda della copia di cui stiamo parlando.

Così, l’originale, conservato nella basilica di Compostela, è il Codex Calixtinus o il Codex Calixtinus stesso. Il filologo e scrittore francese Joseph Bédier (1864-1938) ha coniato il termine
Liber Sancti Iacobi
per riferirsi all’insieme delle copie complete (o quasi complete) che sono conservate in tutto il mondo. Altri autori hanno proposto altri nomi, come ad esempio
Iacobus
Il codice si apre con il seguente testo:“Ex re signatur, Iacobus liber iste uocatur” (“Giustamente firmato, questo libro si chiama Santiago”), proposto dal medievalista Manuel Cecilio Díaz y Díaz (1924-2008), specificamente per il primo e secondo libro. Lo scrittore francese Pierre David si riferisce al testo come Codex Compostellanus o Liber Calixtinus.

Lo stesso Codex Calixtinus

Non è il testo medievale di maggior valore artistico, ma le sue miniature forniscono ottime informazioni. Le sue lettere capitolari (iniziali di una parola all’inizio di un paragrafo, di grandi dimensioni e ricca decorazione e colorazione) sono la cosa più notevole in termini di estetica del codice. Secondo i ricercatori, diversi teologi, copisti, scrittori, poeti e altri artisti sarebbero arrivati a Compostela dalla Francia su iniziativa dell’arcivescovo Gelmirez.

Ma… Perché il Codex Calixtinus è così importante?

Siamo particolarmente interessati al Libro V o la cosiddetta guida dei pellegrini, un’autentica guida turistica sul Cammino Francese di Santiago. Questo Liber peregrationis, composto da un’introduzione e undici capitoli, è una guida dettagliata e accurata che descrive le diverse vie d’accesso francesi al Cammino Francese in Spagna, e lo stesso Cammino Francese nella nostra penisola. Così, ci vengono raccontati i villaggi lungo il cammino, le loro chiese ed edifici, la qualità dell’acqua, dei fiumi e della terra, le reliquie che si trovano, ecc. Menziona e rende omaggio anche a tutti coloro che hanno lavorato nella costruzione e nella manutenzione delle infrastrutture della strada. Il capitolo VII è da non perdere, dove descrive, tra le altre cose, la gente che vive nelle città lungo la strada:

I galiziani, per esempio, li descrive come “irati e molto litigiosi”.

Se il suo autore o i suoi autori fossero vivi oggi, sarebbero sicuramente degni candidati al premio Nobel per la letteratura. Infatti, questo monumento letterario è stato scelto dall’UNESCO come “Registro della Memoria del Mondo” per la sua importanza storica. Tale è il suo valore che il 5 luglio 2011 il medievalista dell’Archivio della Cattedrale di Santiago ha scoperto che l’opera non era nella sua cassaforte. Allertata la polizia, fu avviata un’indagine che, un anno dopo, diede i suoi frutti: il codice apparve avvolto in un panno, e in mezzo ai rifiuti, nel garage di José Manuel Fernández Castiñeiras, un elettricista che lavorò per 25 anni nella manutenzione della Cattedrale di Santiago e aveva accesso al libro. Per il furto del Codex è stato condannato a 8 anni e 2 mesi di prigione, anche se è stato rilasciato nel 2019 per motivi di salute.

La mappa e il Codex Calixtinus

Pubblicato nel 2016 da Alvarellos Editora, è possibile ottenere una copia del Libro V del Codex Calixtinus in qualsiasi libreria. È una lettura breve e molto piacevole, consigliata al 100%! E se avete il coraggio di fare il Camino de Santiago, possiamo offrirvi il nostro 21° secolo
guida
del 21° secolo.