DA RONCESVALLES A LOGROÑO (170km)

Il Cammino Francese da Roncesvalles a Logroño è il primo tratto del Cammino Francese in Spagna. L’opzione di iniziare a piedi da Roncisvalle, è di solito una delle più scelte dai pellegrini, per motivi di interesse storico e geografico. Questo tratto inizia con un paesaggio montuoso pirenaico, in cui si cammina attraverso boschi autoctoni e paesaggi naturali di grande bellezza, che si trasformeranno gradualmente nel paesaggio di vigneti così caratteristico di La Rioja.

Arrivo a Roncesvalles

Roncesvalles (Orreaga) è stata storicamente considerata la prima tappa della Penisola Iberica per i pellegrini del Cammino di Santiago. Situato in una bellissima enclave ai piedi del porto di Ibañeza, è stato anche un passaggio per Celti, Barbari, Goti e persino per il re Carlo Magno. Un esempio della sua grande importanza nel Cammino di Santiago è il suo ospedale dei pellegrini, che è stato trasformato in una chiesa collegiata. Potrai vedere la Casa del Priorato, il Museo della Biblioteca, la chiesa dedicata a Santa María de Roncesvalles, la cappella di San Agustín e quella dello Spirito Santo.

Nonostante la sua grande importanza nel Cammino di Santiago e nella storia della Penisola Iberica, Roncesvalles ha solo 30 abitanti, cosa che le conferisce un fascino e una mistica particolare.

Buon Cammino!

Roncesvalles – Akarreta

Dificultad Medio-AltoTiempo estimado 7h 30′Distancia28 Km

In questa prima tappa ci si lascia alle spalle i Pirenei per avvicinarsi alla valle in cui si trova la città di Pamplona. Una giornata in cui si attraversano boschi, prati e piccoli villaggi tipicamente pirenaici che offrono un servizio agli escursionisti. Si tratta di una tappa segnata da pendenze di media difficoltà, come la salita ai porti di Mezkiritz ed Erro, o la ripida discesa a Zuribi, in cui si consiglia di non fare male alle ginocchia e alle caviglie.

Zubiri è un piccolo villaggio della Navarrase dove si possono apprezzare le costruzioni tipiche della zona. Situato in un ambiente naturale privilegiato, il suo monumento più caratteristico è il ponte della Rabia, in stile romanico del XII secolo. Questo ponte è così chiamato perché, secondo la leggenda, se un animale era malato e passava sotto le arcate del ponte, è stato miracolosamente guarito.

Zuribi – Pamplona

Dificultad BassoTiempo estimado 4hDistancia18 Km

Oggi lascerete i Pirenei per entrare nella valle dell’Esteríbar, una tappa molto semplice di 20 chilometri, con pochi pendii ripidi e pochi tratti pericolosi. Raccomandiamo quindi di prenderla con calma e godere della grande bellezza dei suoi angoli. Al vostro arrivo, come ricompensa, potrete godere della capitale della Navarra, perdervi nel suo bellissimo centro storico e lasciarvi sedurre dalla sua impressionante offerta gastronomica.

Pamplona (Iruña) è una città che conserva ancora le sue mura difensive medievali, infatti questo complesso murato è stato dichiarato Monumento Nazionale. All’interno, la Cattedrale di Santa Maria è forse il suo edificio artistico più abbagliante, un gioiello gotico nascosto dietro una facciata neoclassica. Dopo aver passeggiato per le sue vie storiche e attraversando un numero infinito di monumenti, dovrete assaggiare la famosa gastronomia della zona, sotto forma di pintxos. E se siete caduti in città nella seconda settimana di luglio, preparatevi a vivere la grande festa di Santa Fermines!

Pamplona – Puente la Reina

Dificultad BassoTiempo estimado 4-5hDistancia19 Km

La sfida principale di questa tappa è la salita all’Alto del Perdón, la cui salita, lunga poco più di 2 chilometri, può essere particolarmente difficile. Una volta raggiunta la cima, vi renderete conto del perché è uno dei punti più famosi e fotografati del Cammino di Santiago, non solo per le vedute ma anche per la curiosa scultura che rappresenta una famiglia di pellegrini nel Medioevo. Successivamente, la discesa del porto è considerata uno dei punti critici della Via Francigena, a causa della ripida pendenza e dell’irregolarità del terreno, che può causare cadute e lesioni, per cui è consigliabile essere estremamente prudenti. Dopo aver superato questo tratto, il resto dell’itinerario non ha grandi complicazioni fino a Puente La Reina, che deve il suo nome al ponte che fu costruito per salvare le acque del fiume Arga.

Puente la Reina (Gares) è un piccolo paese medievale che vi permetterà di scoprire costruzioni religiose derivanti dall’influenza giacobina, come la chiesa del Crocifisso, quella di Santiago o quella di San Pedro. Tuttavia, il ponte romano, a cui deve il suo nome, vi impressionerà di più. Questo ponte sull’Arga è uno degli esempi più imponenti e maestosi di stile romanico sulla rotta giacobina.

Puente la Reina – Estella

Dificultad MedioTiempo estimado 4-5hDistancia19 Km

Durante questa fase, si inizia il percorso lasciando Puente la Reina attraverso strade che si snodano tra coltivazioni e campi. A volte si cammina lungo i pochi frammenti ben conservati dell’antica strada romana che conduceva a Santiago de Compostela. Anche se l’itinerario di questa giornata è considerato di grande bellezza, è considerato da molti anche un “rompighiaccio”, per i suoi importanti saliscendi, come l’Alto de Cirauqui (Zirauki), una città che sorge su una collina rocciosa e ha due splendide chiese. Dopo la salita, arriverà la discesa verso Estella, la fine della tappa.

Estella (Lizarra) è un villaggio bagnato dal fiume Ega che affonda la sua nascita nella convergenza culturale del Cammino di Santiago e del quartiere ebraico. Curiosa è la sua sorgente di acqua salata, considerata di proprietà terapeutiche, che vi consigliamo di visitare per riposare dopo la giornata. Una volta riposati e freschi, non si può fare a meno di perdersi nelle strette vie del suo centro storico e scoprire i suoi magnifici monumenti, come il Palazzo dei Re di Navarra o la Chiesa di San Pedro de la Rúa. Il monaco Aymeric Picaud disse nell’XI secolo che “Estella è una città di buon pane, vino eccellente, tanta carne e pesce e felicità di ogni tipo”.

Estella – Los Arcos

DificultadMedioTiempo estimado 5hDistancia21 Km

Questa tappa è caratterizzata dalla solitudine e dall’assenza di servizi, tanto che a volte può essere una bella sfida per il pellegrino. Anche se la distanza è breve, il percorso presenta continui saliscendi che richiedono uno sforzo maggiore. All’inizio del percorso vi verrà presentata una scelta: proseguite dritto verso Azqueta o girate a sinistra verso il Monastero di Santa María La Real de Irach; vi consigliamo sempre la seconda opzione per passare attraverso la famosa fontana del vino, da cui sgorgano vino e acqua. L’ultimo tratto della tappa a Los Arcos è una lunga camminata di tre ore lungo sentieri che, sebbene ben segnalati, sono alquanto monotoni. Una volta arrivati a Los Arcos, una fontana vi accoglierà all’ingresso del villaggio per farvi riprendere fiato e godervi la città.

Los Arcos, è costituito da diversi importanti monumenti, sia civili che religiosi. Si può fare un viaggio nella storia, passeggiando lungo la sua strada principale, con le sue case blasonate, e visitando le rovine del suo castello medievale o le vestigia romane ancora conservate. Per quanto riguarda i monumenti religiosi, spicca la chiesa di Santa Maria, eretta nel XII secolo, di costruzione romanica a cui si sono aggiunti elementi successivi di stilemi successivi.

Los Arcos – Logroño

DificultadMedioTiempo estimado 6h 30′Distancia27 Km

Dopo sei giorni di cammino attraverso le terre della Navarrase, ora è La Rioja che prende il testimone del vostro Cammino. Una tappa che, seppur lunga, sarà facile e confortevole per voi, passando tra vigneti e città monumentali. Ammirerete la bellezza della campagna della Navarra, passando per città storiche come Viana, con il suo centro storico fortificato ricco di palazzi e palazzi, o piccoli borghi medievali come Torres del Río. Nell’ultimo tratto si lasciano le tracce della foresta per incoronare infine la capitale della Rioja, Logroño.

Perdersi nelle vie del centro storico di Logroño e visitare, tra gli altri edifici importanti, la Cattedrale di Santa María la Redonda e i suoi municipi. Il carattere affabile e ospitale della gente di La Rioja fa di Logroño la tappa perfetta per godersi un buon pomeriggio di svago e gastronomia. Da non perdere la visita a uno dei luoghi più emblematici della città: il Modern Café; e la passeggiata per la Calle del Laurel, conosciuta anche come la Via degli Elefanti per la possibilità di lasciare la “tromba” all’interno delle sue mura. Per gli amanti del vino, è d’obbligo una visita alle cantine di Ruavieja.

Logroño

A Logroño si conclude un percorso che potrebbe essere l’inizio di molti. In quest’ultimo giorno albeggerà con una strada più nella vostra vita, ma non una strada di chilometri, ma di esperienze, emozioni e nuove amicizie.

Vi incoraggiamo a continuare il Cammino di Santiago de Compostela!

* Dopo aver lasciato l’alloggio, i nostri servizi saranno conclusi.

QUESTO VIAGGIO COMPRENDE

  • 8 Giorni / 7 notti di allogio
  • Trasporto badagli tra le tappe
  • Credenziale (Passaporto del Pelllegrino in regalo)
  • Assitenza telefónica 24 ore per casi di emergenza
  • Assicurazione di viaggio
  • Documentazione completa
  • RIFUGIO PRIVATO
  • Notte extra en St. Jean: 30 €/pax
  • OSTELLI, PENSIONI E ALBERGUI
  • Supplemento individuale: 195 €/pax
  • Notte extra en Santiago: 40 € camera doppia / 65 € camera singola
  • Colazione: 50 €/pax
  • MP (colazione e cena): 175 €/pax
  • TRANSFERIMENTO PRIVATO (capacità max. 4 persone)
  • Da Pamplona a Roncesvalles: 180 €

PREZZO

  • 250 € pax rifugi privati
  • 425 € pax ostelli o/e pensioni

ALLOGGIO

Offriamo tre opzioni

Albergues privadosRifugi privati 250 €
Hostales y/o pensionesOstelli, pensioni e alberghi 425 €

* Tutti gli alloggi sono della migliore qualità, accuratamente selezionati dopo anni di esperienza e approvati dai nostri clienti. Loro ci forniscono federe.

H O T E L

Alloggio in camere private, sia negli hotel, negli ostelli o negli alloggi rurali

L’alloggio negli ostelli dispone di camere doppie, triple o quadruple, sempre con bagno privato. Sono semplici e stanze, ideali per dormire e riposare.

* Nel caso di una camera singola, sarà necessario pagare un supplemento.

Alloggio in camere private, sia negli hotel, negli ostelli o negli alloggi rurali

L’alloggio negli ostelli dispone di camere doppie, triple o quadruple, sempre con bagno privato. Sono semplici e stanze, ideali per dormire e riposare.

* Nel caso di una camera singola, sarà necessario pagare un supplemento.