CAMMINO D’INVIERNO DA PONFERRADA (263 Kms)

I 263 chilometri che separano Ponferrada dalla Galizia sono percorsi sul Sentiero invernale. Questo itinerario si configurava come alternativa al tradizionale ingresso in Galizia del Cammino Francese attraverso O Cebreiro, quando i pellegrini arrivavano a Ponferrada e il tempo era così brutto che non era possibile raggiungerlo. È una via solitaria di bellissimi paesaggi, che penetra in Galizia dalla valle del fiume Sil. Attraversa regioni di grande tradizione vitivinícola, motivo per cui è molto consigliabile per gli amanti del vino.

*In questa sezione vi presentiamo il Winter Trail completo, in modo che possiate configurare le tappe secondo le vostre esigenze. Contattaci per richiedere il tuo budget personalizzato.

Arrivo a Ponferrada

Benvenuti a Ponferrada, città emblematica e storica, sapevate che la città di Ponferrada ha avuto origine nel Medioevo, associata al percorso del Camino de Santiago? Partendo dal Camino in questa città vi offre l’occasione perfetta per prendere una giornata di preparazione e turismo, e godere di momenti di svago e la ricca cucina del Bierzo, di cui non si deve perdere di assaggiare un buon botillo accompagnato da un vino del Bierzo.

Potrete godere di tutto questo e molto altro ancora passeggiando per lo storico Barrio del Temple, dove avrete anche l’opportunità di bere un drink e conoscere il tempo libero e la vita notturna della città.

Ponferrada – Carucedo

Dificultad LowTiempo estimado 4hDistancia20 Km

In questa prima tappa del Cammino si parte da Ponferrada per Carucedo. Si lascia la città confinante con il Monte Pajariel per poi arrivare alla città di Toral de Merayo. Da qui si prosegue in leggera salita fino alla Priaranza del Bierzo, dove si può visitare il Castello di Cornatel, legato all’Ordine dei Templari. Una volta fatta questa sosta lungo la strada, seguirete la marcia in direzione di Borrenes e poi arriverete alla fine della vostra tappa a Carucedo.

Carucedo è un piccolo villaggio nella provincia del Bierzo, che integra diversi territori come Las Médulas, un’antica miniera d’oro di epoca romana, oggi patrimonio dell’umanità. Sul piano naturale questo piccolo luogo ha una grande ricchezza ecologica, grazie ad ambienti come il Lago di Carucedo, un’enclave di grande valore naturale in termini di flora e fauna, emerse come risultato dell’estrazione dell’oro a Las Médulas. Culturalmente si può visitare la sua chiesa romanica, che conserva uno dei più importanti pezzi di argenteria di tutta la regione.

Carucedo – O Barco de Valdeorras

Dificultad MedioTiempo estimado 5h 30′Distancia28 Km

La tappa di oggi inizia dirigendosi verso Las Médulas, dove si possono ammirare panorami impressionanti. Da questo punto si cammina verso Puente de Domingo Flórez e poi si attraversa il fiume Sil e si lascia Castilla y León per entrare in Galizia. Si entra nella regione della Galizia, in particolare attraverso la provincia di Ourense, percorrendo un sentiero che corre parallelo al fiume. Attraverserete il bacino artificiale di Eirós, il villaggio di Pumares e Carballeda de Valdeorras, fino ad entrare in O Barco de Valdeorras attraversando il villaggio di Éntoma e attraversando il fiume Galir con un ponte di origine medievale.

O Barco de Valdeorras è il capoluogo regionale di Valdeorras, molto famoso per la sua produzione vinicola. Questo luogo possiede un importante patrimonio naturale distribuito tra il Parco Naturale de La Encina de a Lastra e il Massiccio di Trevinca, spazio in cui si trovano le altitudini più alte della Galizia, superando la sua cima principale a 2000 metri di altezza. A livello gastronomico è necessario degustare i suoi vini a denominazione di origine controllata e cotta, accompagnati dai suoi ricchi vini.

O Barco de Valdeorras – A Rúa de Valdeorras

Dificultad BassoTiempo estimado 3h 30′Distancia15 Km

Questa è la tappa più breve di questa Via, quindi vi raccomandiamo di prenderla con calma e approfittarne per riposare, e quindi affrontare meglio ciò che rimane. Inizierete il percorso di oggi passeggiando tra i paesaggi dei vigneti e passerete per luoghi come Arcos e il nucleo centrale di Vilamartín de Valdeorras (omonimo), dove potrete visitare le cantine situate nelle vecchie grotte originate dalla ricerca dell’oro. Da questo punto si prosegue verso la fine della tappa di A Rúa, il luogo dove si trova il più antico insediamento di Valdeorras, il Forum Cigurorum, sede del Cigurros o Egurros.

In A Rúa de Valdeorras potrete continuare a meravigliarvi dello splendido ambiente naturale di questa zona, situata nella valle del Sil. Tra le altre cose, si possono visitare la cisterna di San Martiño, il Puente da Cigarrosa (di epoca romana), la Casa Grande de Fontei e la chiesa di San Esteban. Come nel Bierzo, nell’offerta gastronomica del luogo è molto famoso il botillo, botelo in galiziano, l’empanada de Castrelos e le tortas de roxóns.

A Rúa de Valdeorras – Quiroga

Dificultad MedioTiempo estimado 5h 30′Distancia26,3 Km

In questa fase, la provincia di Ourense è abbandonata per entrare nella provincia di Lugo, in particolare nel comune di Quiroga. Camminare lungo la riva destra del fiume Sil per proseguire tra vigneti e oliveti fino a Montefurado e Bendilló. Siete nelle terre della Ribeira Sacra, terre di ricchi vini a Denominazione di Origine. Prima di arrivare a Quiroga, si può fare una piccola deviazione per visitare il complesso monumentale dell’Ospedale, che consiste in una chiesa preromanica, la chiesa di San Salvador, la casa-torre dell’Ospedale e la casa dell’Encomienda, risalente al XVI secolo.

A Quiroga continuerete ad essere circondati da un ambiente naturale di grande valore, come la Sierra de O Courel. All’interno della città stessa è possibile visitare diversi siti del patrimonio artistico, frutto dei vari insediamenti romani della zona nel corso degli anni, dedicati alla ricerca dell’oro. Per ricaricare le batterie, si consiglia di degustare i piatti tipici della zona, tra cui anguille, trote ed empanada de raxo, il tutto accompagnato da buoni vini della Ribeira Sacra.

Quiroga – Monforte de Lemos

Dificultad AltaTiempo estimado 7h 30′Distancia35,4 Km

Questa tappa si presenta come la più lunga e difficile di questa strada, quindi si consiglia di partire presto per prendere la giornata con calma. Da Quiroga si parte a piedi verso Monforte de Lemos. Il primo posto che incontrerete oggi sarà San Clodio, da dove continuerete verso Nocedo e poi Carballo de Lor. Continuerete a camminare lungo sentieri naturali, attraversando valli e bellissimi paesaggi fino a Barxa de Lor, da dove salirete prima alla cima dell’O Castro da Lama (qui c’è uno sfruttamento romano auriense) e poi a Castroncelos. Il prossimo punto sarà Pobra do Brollón, dove ci si può fermare per riposare un po’ in un’area ricreativa vicino al fiume Saa.

Da Pobra do Brollón si segue la strada per Cereixa e si passa davanti ad una croce con un intaglio di Santiago Peregrino, prima di iniziare a salire verso l’Alto da Serra. Qui sarai già molto vicino a Monforte, scenderai dal monte Moncai fino a Reigada e avrai solo 3 chilometri per finire. Monforte de Lemos è un luogo di passaggio di grande tradizione giacobea, situato sulle rive del fiume Cabe, considerato la capitale della Ribeira Sacra perché è il più grande dei municipi in popolazione. Qui si possono visitare diversi elementi del patrimonio, come i monasteri di San Vicente do Pino e Nosa Señora da Antiga. Il monastero di San Vicente do Pino forma un gruppo monumentale omonimo, accanto al Palazzo della Condal e alla Torre del Homenaje, che fa parte dell’eredità medievale della cinta muraria e del castello di questa città, di cui oggi si conservano i resti. Si può anche fare una passeggiata attraverso il suo quartiere ebraico e il suo centro storico e riposare assaggiando alcune porzioni di empanada.

Monforte de Lemos – Chantada

Dificultad MedioTiempo estimado 6hDistancia29,7 Km

Si lascia Monforte de Lemos attraversando il fiume Cabe sul ponte medievale della città. I primi punti che passerete oggi saranno Pantón e O Saviñao, da dove continuerete a camminare tra piccole parrocchie, prati e querceti. In questa tappa si scende verso il fiume Miño attraverso i Cóbados de Belesar seguendo i resti di una strada romana. Quando si attraversa il Miño si inizia la salita verso Chantada, la fine della tappa.

Chantada è un luogo della Ribeira Sacra di grande tradizione vinicola, infatti il paesaggio di coltivazione della vite nel socalcos formato dal fiume sulle sue sponde vi abbaglierà. Qui potrete visitare un’infinità di cantine dedicate alla produzione dei vini a denominazione di origine della zona. A Chantada si può visitare anche Castro Candaz, se si visita la zona in estate, quando il fiume è meno scorrevole, in quanto inondato a metà da esso. Potrete anche rilassarvi passeggiando per il suo centro storico e conoscendo luoghi come la Plaza de Santa Ana o la chiesa di San Salvador de Brigos.

Chantada – Rodeiro

Dificultad MedioTiempo estimado 5hDistancia25,8 Km

In questa tappa si sale attraverso valli e sentieri boscosi fino a Monte do Faro. Questa montagna si trova al confine tra le province di Lugo e Pontevedra, fungendo da confine naturale. Il luogo è forse il punto di riferimento naturale più significativo di questo percorso e da esso si possono ottenere impressionanti viste panoramiche di ambienti naturali di grande valore: Pena Trevinca, Ancares e Courel, Cabeza de Manzaneda o Farelo. Qui si può visitare anche la cappella di Nuestra Señora do Faro. Da Faro, il sentiero continua a scendere la montagna verso Rodeiro, durante il quale si attraversano il Fragas do Arnego e piccoli centri abitati come San Juan de Camba, fino a raggiungere Rodeiro.

La cosa più significativa che potrete visitare a Rodeiro sarà “Porta de Arcos”, un sito archeologico che testimonia la presenza di un’antica villa romana nella zona. È inoltre possibile visitare esempi di chiese romaniche come quella di Rodeiro. Dal punto di vista gastronomico, il piatto forte del luogo è il cinghiale, con il quale è possibile ricaricare le forze e poi riposare per affrontare le fasi successive.

Rodeiro – Lalín

Dificultad BassoTiempo estimado 5hDistancia16 Km

In questa fase la Winter Road si congiunge con la Sanabrés Road. Inizierete il percorso partendo da Rodeiro in direzione di Lalín, attraversando il fiume Arnego con il “Ponte do Hospital”. La prima città che si raggiunge è A Ponte de Pedroso, da dove si attraversa nuovamente il fiume, questa volta con un ponte medievale del XII secolo. Da qui il percorso continuerà lungo sentieri forestali e asfaltati fino alla fine della tappa di Lalín.

Nel cuore della Galizia, Lalín è la capitale della regione do Deza, molto famosa per il suo stufato. Si può visitare la chiesa romanica di Goiás (risalente al XII secolo), scattare fotografie al chilometro 0, contemplare la particolare statua del porco, situata nel centro del paese, e naturalmente gustare dei buoni stufati.

Lalín – Bandeira

Dificultad BassoTiempo estimado 4hDistancia17 Km

Partendo dal centro di Lalín, dovrai seguire i punti di riferimento e le frecce per raggiungere il lungomare del fiume Pontiñas, un tratto molto piacevole per i pellegrini. Dopo aver attraversato la zona industriale di Lalín, il sentiero si alterna a sinistra con la strada, passando per il ponte medievale di Taboada. Questo tratto del Cammino è davvero interessante, sia per la sua ricchezza monumentale che per le sue bellezze naturali e ambientali. Troverete la chiesa romanica di Santiago de Taboada dove potrete timbrare la vostra credenziale e attraverserete il Pazo de Trasfontao prima di raggiungere Silleda, da dove dovrete solo attraversare il ponte sul fiume Toxa per raggiungere la fine della tappa di Bandeira.

Bandeira è la seconda città più grande del comune di Silleda. Il Centro Culturale Vista Alegre è uno dei più importanti edifici del patrimonio culturale del nucleo. In questo luogo potrete gustare la tradizionale empanada galiziana, che è un piatto tipico della località.

Bandeira – Santa Cruz de Ribadulla

Dificultad BassoTiempo estimado 3hDistancia15 Km

Si lascia Bandeira sulla strada nazionale per seguire una strada sterrata fino a Dornelas, dove si può visitare la sua magnifica chiesa. La strada continua alternando strada e strada sterrata fino a San Miguel de Castro e Taberna do Seixo, dove è possibile sigillare la credenziale e ricaricare le energie prima di iniziare la discesa verso Ponte de Ulla. Da qui si segue la stessa strada nazionale fino al fiume Ulla, fermandosi alla cappella di Nuestra Señora de Gundián, cappella di grande devozione della zona.

Dopo aver attraversato il vecchio ponte sul fiume Ulla si saluta la provincia di Pontevedra per entrare in A Coruña attraverso Santa Cruz de Ribadulla, dove si conclude la tappa. A Santa Cruz de Ribadulla, concello de Vedra, spicca l’omonimo pazo, conosciuto anche come Granxa de Ortigueira e un tempo Torre de Ortigueira.

Santa Cruz de Ribadulla – Santiago de Compostela

Dificultad BassoTiempo estimado 4h 30′Distancia22 Km

Oggi si consiglia di partire presto per approfittare della giornata a Santiago. Durante i primi tre chilometri della tappa si attraversano boschi rigogliosi fino a Lestedo, dove si può fare una deviazione verso Pico Sacro, da dove si gode di un’impressionante vista panoramica della zona. Dopo aver raggiunto A Susana, vi troverete nel comune di Santiago. Il Cammino entra nella città attraverso il quartiere Sar e dopo aver attraversato il suo ponte romano, si sale a Castrón Douro per entrare nel centro storico attraverso l’Arco di Mazarelos, fino a raggiungere la Plaza del Obradoiro.

Siete arrivati a Santiago de Compostela, la città dove la pioggia è arte. Dopo aver timbrato le vostre credenziali in ogni tappa e aver raccolto le vostre Compostela, dopo tutto lo sforzo, sarà tempo di godervi la città, ve la sarete guadagnati. Speriamo che vi piacerà passeggiare per il centro storico, gustare una birra fresca accompagnata da una deliziosa tapa, ballare e cantare in un foliada, o provare alcuni dei suoi liquori tradizionali, tra le mille e una cosa che questa piccola ma grande città offre.

Eccoci qui! Scopri di più su Santiago de Compostela in questo post!

Santiago de Compostela

Questa è una giornata di addii per molti, la fine di una strada e, perché no, l’inizio di molti. L’ultimo giorno sorgerà con una strada più nella vostra vita, ma non una strada di chilometri, ma di esperienze, emozioni e nuove amicizie, un viaggio che vi proietterà nella vostra vita e vi aiuterà a continuare a camminare liberi verso i vostri obiettivi.

Ce l’avete fatta! Congratulazioni, pellegrini!

*Dopo aver lasciato l’alloggio, fine del servizio.

QUESTO VIAGGIO COMPRENDE

  • 13 Giorni / 12 notti di allogio
  • Trasporto badagli tra le tappe
  • Credenziale (Passaporto del Pelllegrino in regalo)
  • Assitenza telefónica 24 ore per casi di emergenza
  • Assicurazione di viaggio
  • Documentazione completa
  • Supplemento individuale: 230€/pax
  • Notte Extra a Santiago: 55€ ind. / 70€ doppia
  • Colazione: 85€/pax
  • MP (colazione e cena): 240€/pax

PREZZO

  • 650€ pax en camera doppia

ALLOGGIO:

L’alloggio sarà una stanza privata con il proprio bagno, in ostelli o pensioni.

Hostales y/o pensionesPrezzo por persona, camera doppia 670€

* Tutti gli alloggi sono della migliore qualità, accuratamente selezionati dopo anni di esperienza e approvati dai nostri clienti.

H O T E L

Alloggio in camere private, sia negli hotel, negli ostelli o negli alloggi rurali

L’alloggio negli ostelli dispone di camere doppie, triple o quadruple, sempre con bagno privato. Sono semplici e stanze, ideali per dormire e riposare.

* Nel caso di una camera singola, sarà necessario pagare un supplemento.

Alojamiento en Hostales, hoteles y alojamientos rurales

El alojamiento en Hostales o Pensiones cuenta con habitaciones dobles, triples o cuádruples, siempre con baño privado. Son habitaciones sencillas,confortables y sin grandes lujos, pero muy acogedoras, ideales para dormir y descansar.

  *En el caso de una reserva individual tendría un suplemento.